Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

bada.gif (3563 byte)

Servizi_M.JPG (6618 byte)

bada.gif (3563 byte)


Circolare numero 210 del 27-11-2001.htm

  
L'art. 13 c. 6 della L. 23.12.1998 n. 488 così come modificato dall'art. 1, comma f) della L. 5.11.1999 n.402 prevede che l'Istituto ceda i propri crediti fino al 2001. Pertanto, per distinguere i pagamenti riferiti ai crediti ceduti da quelli riguardanti i crediti non ceduti, è stato modificato il significato dei codici istituiti con circ. 138 del 25.7.2000 e sono stati introdotti nuovi codici.   

Attivando questo Link si può ricevere il documento originale

 
 

DIREZIONE CENTRALE
DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE

DIREZIONE CENTRALE SISTEMI INFORMATIVI
E TELECOMUNICAZIONI

 

 

 

Ai

Dirigenti centrali e periferici

 

Ai

Direttori delle Agenzie

 

Ai

Coordinatori generali, centrali e

Roma, 27 novembre 2001

 

periferici dei Rami professionali

 

Al

Coordinatore generale Medico legale e

   

Dirigenti Medici

     

Circolare n. 210

 

e, per conoscenza,

     
 

Al

Presidente

 

Ai

Consiglieri di Amministrazione

 

Al

Presidente e ai Membri del Consiglio

   

di Indirizzo e Vigilanza

 

Al

Presidente e ai Membri del Collegio dei Sindaci

 

Al

Magistrato della Corte dei Conti delegato

   

all’esercizio del controllo

 

Ai

Presidenti dei Comitati amministratori

   

di fondi, gestioni e casse

 

Al

Presidente della Commissione centrale

   

per l’accertamento e la riscossione

   

dei contributi agricoli unificati

 

Ai

Presidenti dei Comitati regionali

 

Ai

Presidenti dei Comitati provinciali

 

OGGETTO:

Modello F24. Istituzione nuovi codici.

SOMMARIO:

L’art. 13 c. 6 della L. 23.12.1998 n. 488 così come modificato dall’art. 1, comma f) della L. 5.11.1999 n.402 prevede che l’Istituto ceda i propri crediti fino al 2001. Pertanto, per distinguere i pagamenti riferiti ai crediti ceduti da quelli riguardanti i crediti non ceduti, è stato modificato il significato dei codici istituiti con circ. 138 del 25.7.2000 e sono stati introdotti nuovi codici.

 

L’art. 13 c. 6 della L. 23.12.1998 n. 488 così come modificato dall’art. 1, comma f) della L. 5.11.1999 n.402 prevede che l’Istituto ceda i propri crediti fino al 2001. Come è noto, la prima cessione effettuata ha riguardato i crediti in essere fino al 31.12.1999 analiticamente descritti nella circ. 61 del 15.3.2000. La seconda cessione, effettuata nel maggio 2001 ha riguardato i crediti accertati nell'anno 2000, per i quali è già stato emesso l’avviso bonario e che attualmente sono soggetti alle procedure per l’iscrizione a ruolo.

I crediti contributivi contabilizzati dal 1.1.2001 per il momento restano nella piena disponibilità dell’Istituto e continueranno ad essere gestiti con le procedure automatizzate in uso e secondo le disposizioni che ne regolano l’iter amministrativo. In caso di mancato pagamento, saranno iscritti a ruolo specificando ai concessionari che il destinatario degli incassi sarà l’INPS, anziché la società veicolo SCCI.

Per distinguere i pagamenti riferiti ai crediti ceduti da quelli riguardanti i crediti non ceduti, è stato modificato il significato dei codici istituiti con circ. 138 del 25.7.2000 e sono stati introdotti nuovi codici per i versamenti riferiti ai crediti accertati nell’anno 2001, ovviamente anche se relativi ad anni precedenti.

Il modello F24 sarà prestampato dalle Agenzie in modo da garantire l’indicazione di tutti i dati necessari. Qualora vengano utilizzati moduli in bianco, questi dovranno essere compilati, a cura del debitore, in tutte le sezioni interessate; comunque, tali modelli non devono mai essere presentati agli Istituti bancari privi del codice fiscale e degli esatti dati anagrafici del versante. La sezione INPS deve riportare negli appositi campi: il codice sede, la matricola per l’area DM ed i codici INPS per i contribuenti non rientranti nell’area DM, il periodo che, per le regolarizzazioni contributive, può essere anche plurimensile, annuale o pluriennale e l’importo da versare, comprensivo di oneri accessori.

Il campo " importi compensati" deve essere valorizzato esclusivamente per i codici che individuano il credito per sanzioni riconosciuto al contribuente che abbia pagato dopo il 30.9.2000 le sanzioni ex lege 662/1996, e che quindi abbia diritto a detrarre dai contributi correnti l’eventuale differenza tra le sanzioni pagate e quelle calcolate secondo il regime sanzionatorio previsto dalla legge n. 388/2000 art. 116 (circolare n. 110/2001).

Nel campo " causale contributo" va indicato uno dei codici previsti e già evidenziati con circolare n. 138 del 25.7.2000 per i versamenti riferiti ai crediti accertati negli anni fino al 2000. Per i versamenti riferiti ai crediti accertati nell’anno 2001 vanno, invece, indicati i nuovi codici resi operativi dal Ministero delle Finanze dal settembre 2001.

I nuovi codici sono i seguenti:

  • DATORI DI LAVORO DM 5.2.69

  • RC01 regolarizzazioni - CREDITI NON CEDUTI

Le causali DMV, DMAC, RARC, DMDP, DMDD, che rimangono attive, riguarderanno i CREDITI CEDUTI.

  • AGRICOLI

  • KLAA lavoratori autonomi agricoli: regolarizzazioni IVS – CREDITI NON CEDUTI

  • KLAS datori di lavoro agricolo – regolarizzazioni IVS – CREDITI NON CEDUTI

  • KPCF piccoli coloni e compartecipanti familiari: regolarizzazioni IVS – CREDITI NON CEDUTI

  • DLAS datori di lavoro agricolo e PC/CF: rate dilazioni

  • DLAA lavoratori autonomi agricoli: rate dilazioni

  • BLAS datori di lavoro agricoli: bonus sanzioni legge 388/2000 (circ. 110/2001)

  • BPCF piccoli coloni e compartecipanti familiari: bonus sanzioni legge 388/2000 (circ. 110/2001)

  • BLAA lavoratori autonomi agricoli: bonus sanzioni legge 388/2000 (circ. 110/2001)

Le causali RLAS, RPCF, PLAS, che rimangono attive, riguarderanno i crediti ceduti.

  • ARTIGIANI

  • ARN recupero crediti contributi sul minimale – CREDITI NON CEDUTI

  • ARIN recupero crediti contributi sul reddito eccedente il minimale – CREDITI NON CEDUTI

  • ARMN recupero crediti contributi SSN – CREDITI NON CEDUTI

  • AC rate di condono

  • ABS bonus sanzioni legge 388/2000 (circ. 110/2001)

Le causali AR, ARI, ARM, che rimangono attive, riguarderanno i crediti ceduti. La causale AD continuerà a riguardare le dilazioni in fase amministrativa.

 

  • COMMERCIANTI

  • CRN recupero crediti contributi sul minimale – CREDITI NON CEDUTI

  • CRIN recupero crediti contributi sul reddito eccedente il minimale – CREDITI NON CEDUTI

  • CRMN recupero crediti contributi SSN – CREDITI NON CEDUTI

  • CC rate di condono

  • CBS bonus sanzioni legge 388/2000 (circ. 110/2001)

Le causali CR, CRI, CRM, che rimangono attive, riguarderanno i crediti ceduti. La causale CD continuerà a riguardare le dilazioni in fase amministrativa.

 

  • DATORI DI LAVORO DOMESTICO

  • DOM1 differenze per regolarizzazioni: contributi più sanzioni
  • DOM2 rate di condono L. 140/97

 

I codici di seguito indicati, istituiti per individuare l’eventuale credito per sanzioni ex lege 388/2000, debbono essere esposti nella sezione denominata importi a credito compensati:

  • BLAS datori di lavoro agricoli
  • BPCF piccoli coloni e compartecipanti familiari
  • BLAA lavoratori autonomi agricoli
  • ABS artigiani
  • CBS commercianti

 

 

 

 

IL DIRETTORE GENERALE

TRIZZINO

 

Attivando questo Link si può ricevere il documento originale