Gestione Lavoratori Spettacolo e Sport

Home > Informazioni> Gestione Lavoratori Spettacolo e Sport

Salta il menu di navigazione del canale

Per effetto del decreto legge n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modifiche nella legge n. 214 del 27 dicembre 2011, dal 1° gennaio 2012 l'Enpals confluisce in Inps.

Di seguito si forniscono brevi informazioni che è importante conoscere:


E' possibile accedere ai servizi online della gestione ex Enpals dall’area “Servizi on-line” – “Servizi per tipologia di utente ex-Enpals”. Le modalità di accesso ai servizi (PIN) ed utilizzo degli stessi ( deleghe associate, modifica deleghe, richiesta del certificato di agibilità, denuncia contributiva, etc.) resteranno invariate fino a nuova comunicazione. Non è dunque necessario, per gli utenti di tipo patronato, aziende, consulenti e commercialisti, dotarsi di un PIN Inps per adempiere agli obblighi previsti nei confronti della gestione ex-Enpals.

  • I contributi gestione ex Enpals sono obbligatori, anche in assenza di retribuzione.
  • Ai soggetti di cui all’art. 1, comma 188, L. 296/2006 che effettuano esibizioni musicali dal vivo (giovani fino a 18 anni, studenti fino a 25 anni, pensionati di età superiore a 65 anni e soggetti che versano ad una gestione diversa da quella per i lavoratori dello spettacolo) laddove percepiscano, per le predette esibizioni, una retribuzione annua lorda non eccedente l’importo di 5000 euro, si applica il regime di esenzione dagli adempimenti informativi e contributivi previsti dalla normativa previdenziale del settore dello spettacolo (cfr. Circ. Enpals n. 2/2008).
  • Tutti i servizi gestione ex Enpals sono gratuiti (richiesta di pensione, rilascio del certificato di agibilità, posizione assicurativa, etc.).
  • L'obbligo di custodia del certificato di agibilità è a carico del committente. Il certificato di agibilità dovrà essere esibito ad ogni richiesta dei funzionari ispettivi incaricati dell’accertamento.
  • Se nell’arco dell’anno la pensione subisce delle variazioni di importo, ciò potrebbe dipendere da imposte come, ad esempio, gli addizionali regionali, comunali, con relativi acconti, nelle percentuali stabilite per legge. Il pensionato riceverà copia del certificato di pensione aggiornato ad ogni variazione.
  • Per qualunque documento consegnato a mano alla Sede di competenza, va chiesta ricevuta timbrata (o copia timbrata del modello presentato).
  • Se si ha partita IVA si consiglia di verificare la correttezza dei dati contributivi sul CUD o sulla ritenuta d’acconto fornita dal committente.
  • Attraverso l’uso del codice PIN è possibile per il lavoratore accedere al proprio estratto contributivo, dove sono riepilogati i periodi di lavoro ed i contributi versati.
  • Dal 1 gennaio 2012 non è più obbligatorio il libretto di lavoro gestione ex Enpals. Il lavoratore, quindi, non dovrà più richiederlo allo sportello ed il datore di lavoro non sarà più obbligato a timbrarlo.

Leggi questo articolo in formato PDFTorna su all'inizio del contenuto.

Contenuti correlati

Ultime circolari

N° 124 del 10-10-2014
Convenzione per adesione tra l’Istituto Nazionale della Previdenza Soc..
N° 123 del 10-10-2014
CONVENZIONE QUADRO PER LA FRUIBILITA’ TELEMATICA DELLE BANCHE DATI DEL..

Ultimi messaggi

Messaggio numero 7598 del 09-10-2014
Circolare n. 118 del 3 ottobre 2014. Rilascio - a decorrere da domani,..
Messaggio numero 7532 del 08-10-2014
Ammortizzatori sociali in deroga. Anno 2014.