Salta il menu di navigazione del canale

ATTENZIONE
A seguito delle recenti novità legislative introdotte dalle leggi “Riforma del mercato del lavoro”(L. 92/2012), “Misure urgenti per la crescita del paese”(L. 134/2012) e dalla legge di stabilità (L.228/2012), le informazioni contenute nella seguente scheda sono in corso di revisione/aggiornamento e saranno rese disponibili a breve”


Indennità di mobilità


L'INDENNITÀ ANTICIPATA


(art 7 c.5 L.223/91)
ha lo scopo di aiutare il lavoratore il lavoratore in mobilità ad iniziare un'attività autonoma o imprenditoriale.


SPETTA


Ai lavoratori posti in mobilità, che successivamente decidano di:

  • iniziare un’attività autonoma per la quale sia necessaria l’iscrizione alla CCIAA o agli appositi albi professionali o elenchi di categoria. (circ.n.70 del 30/03/1996)
  • iniziare un’attività autonoma assoggettata a ritenuta di acconto per la quale non è prevista l’iscrizione negli appositi albi professionali e/o elenchi di categoria (circ.n.70 del 30/03/1996) compresa l’attività imprenditoriale in cui non si concorre in maniera prevalente col proprio lavoro. (sentenza della Corte di Cassazione n.9007 del 2002. circ.174 del 28/11/2002)
  • sviluppare a tempo pieno un'attività autonoma iniziata durante il periodo di lavoro dipendente. (Corte di Cassazione sentenza n° 6679 del 2001 - circ.174 del 28/11/2002)

N.B.: I lavoratori benefeciari di mobilità in deroga (Imprese commerciali da 50 a 200 unità, agenzia di viaggio e turismo e imprese di vigilanza), potranno richiedere, per quanto compatibile, la suddetta indennità. L'indennità non potrà essere accordata oltre l'anno finanziario, in quanto il finanziamento viene disposto di anno in anno e la concessione dell'anticipazione produce la cancellazione dalle liste di mobilità, con conseguente esclusione di ogni beneficio connesso con detta iscrizione. (Msg 033100 del 13 dicembre 2006)


REQUISITI


Essere titolari di prestazione di mobilità ordinaria.


RIOCCUPAZIONE COME LAVORATORE DIPENDENTE


Chi si rioccupa come lavoratore dipendente -pubblico o privato- nei 24 mesi successivi alla data di erogazione dell’anticipo, è tenuto a restituire la somma percepita a tale titolo in un’unica soluzione ovvero, a domanda, in massimo 12 rate mensili.

Il lavoratore è tenuto a dare comunicazione scritta all’ Inps entro 10 giorni dall’avvenuta assunzione. In caso contrario si procederà al recupero della somma erogata maggiorandola degli interessi legali. (art 7 c.5 L.223/91 )


DOMANDA


Dove:
direttamente alla Sede Inps territorialmente competente o per il tramite del Centro per l'Impiego, su mod DS21/ANT, corredata dalla documentazione che attesti il tipo di attività che l’interessato intende avviare.


Esempi:

  • artigiano: iscrizione all’albo.
  • commerciante: iscrizione appositi registri (REC)
  • agente e rappresentante di commercio o mediatore: iscrizioni negli appositi ruoli e, se previsto, autorizzazione del comune o della P.S. per l’esercizio dell’attività.
  • libero professionista: iscrizione nei relativi albi. Qualora non esistano albi o non sia obbligatoria l’iscrizione, devono essere forniti tutti gli elementi necessari a dimostrare che si intende effettivamente svolgere l’attività dichiarata: partita IVA. contratto di affitto, utenze, ecc..
  • socio di cooperativa: certificato di iscrizione nel registro prefettizio o nello schedario generale della cooperazione; stralcio dall’elenco dei soci corredato da una dichiarazione del presidente della cooperativa attestante l’avvenuta iscrizione dell’interessato e l’attività allo stesso assegnata

Quando:
entro 60 giorni dalla data di inizio dell'attività autonoma o dell’associazione in cooperativa (circ.174 del 28/11/2002)


IMPORTO


L’importo dell’anticipazione è pari all'intera indennità di mobilità spettante decurtata delle mensilità già percepite, escluso l'ANF.(circ.124 del 31 maggio 1993)

Sull'importo erogato sarà operata la trattenuta IRPEF secondo la normativa vigente.


ANF


Per il periodo di trattamento anticipato non spettano gli assegni per il nucleo familiare.


CONTRIBUZIONE FIGURATIVA


Il periodo di trattamento anticipato non dà diritto all’accredito della contribuzione figurativa.


RICORSO


Indirizzati al Comitato Provinciale, devono essere presentati in carta semplice allo sportello Inps oppure spediti con raccomandata AR, entro 90 giorni dalla comunicazione del provvedimento adottato.

Il Comitato ha 90 giorni per decidere, trascorsi i quali il lavoratore può ricorrere in giudizio.


AZIONE GIUDIZIARIA


Il lavoratore può proporre azione giudiziaria entro un anno da:

  • negato accoglimento del ricorso
  • data di scadenza del termine previsto per la decisione del ricorso (90 giorni)

 

LE MODALITÀ DI PAGAMENTO

 

L'indennità viene pagata direttamente dall'Inps.

L’interessato deve indicare sulla domanda una delle seguenti modalità:

 

  • bonifico bancario o postale;
  • allo sportello di un qualsiasi Ufficio Postale del territorio nazionale o localizzato per CAP (così come deciso dal Direttore della Sede – msg. 6477 del 8.3.2004) previo accertamento dell’identità del percettore:
    - da un documento di riconoscimento;
    - dal codice fiscale;
    - dalla consegna dell’ originale della lettera di avviso della disponibilità del pagamento trasmessa all’interessato via Postel in Posta Prioritaria.
  • Nel caso di accredito in c/c bancario o postale devono essere indicati anche gli estremi dell'ufficio pagatore presso cui si intende riscuotere la prestazione nonché le coordinate bancarie o postali (CIN, ABI, CAB) e il numero di c/c.

    Nel caso di reclamo per mancato pagamento allo sportello a causa di riscossione fraudolenta:
  • il legittimo beneficiario dovrà fare una dichiarazione di responsabilità per mancata riscossione;
  • la sede Inps competente dovrà riemettere il pagamento e contestualmente denunciare l’accaduto alla competente autorità. La documentazione dovrà essere trasmessa alla Direzione Centrale per il recupero delle somme indebitamente riscosse (msg. 14680 del 12.05.2004).

I pagamenti delle prestazioni a sostegno del reddito possono avvenire anche all'estero (msg. 000237 del 9.4.2003)


Leggi questo articolo in formato PDFTorna su all'inizio del contenuto.

Contenuti correlati

Chiudi

La tua opinione ci aiuta a darti un servizio migliore:

Abbiamo aggiornato le informazioni del sito.
Valuta la qualità dei contenuti:

Chiari
  • Attuale 0/5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Esaurienti
  • Attuale 0/5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Facili da raggiungere
  • Attuale 0/5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Legenda
Per niente
Per niente
Poco
Poco
Abbastanza
Abbastanza
Molto
Molto
Del tutto
Del tutto
Vota

Ultime circolari

N° 136 del 30-10-2014
Nuove modalità di presentazione della richiesta di Assegni per il..
N° 135 del 23-10-2014
Convenzione fra l’INPS e la FEDIMPRESE per la riscossione dei contribu..

Ultimi messaggi

Messaggio numero 7978 del 24-10-2014
Sgravio contributivo a favore della contrattazione di secondo livello...
Messaggio numero 7973 del 24-10-2014
Presentazione telematica delle domande di pensione in regime comunitar..