Salta il menu di navigazione del canale

 

A CHI SPETTA


Alla Madre :

  • madre lavoratrice dipendente  ( circ. 77/81 ,  punto 1 ), anche nel caso di adozione o affidamento ( circ. 257/82 ,  punto C ,   circ. 91/03 ), durante il primo anno di vita del bambino o di ingresso del bambino in famiglia.
  • madre lavoratrice dipendente in distacco sindacale  durante i periodi di aspettativa sindacale non retribuita. La lavoratrice mantiene il diritto alle prestazioni di qualsiasi natura quindi anche alla indennità per riposi giornalieri. Il calcolo della indennità andrà fatto prendendo a riferimento la retribuzione che la lavoratrice avrebbe maturato allorché fosse rimasta in servizio. circ. 95bis/2006 punto 7.4
  • madre LSU, LPU e ASU ( circ. 86/99   punto g, msg 671/03 ) impegnata a tempo pieno nelle attività socialmente utili. La stessa ha diritto ad usufruire dei riposi per allattamento senza riduzione dell'assegno ( msg  671/03 , 5° capoverso )

La madre ha diritto ai riposi giornalieri per allattamento anche durante il congedo parentale del padre Circ. 8/2003 .
Il padre non ha diritto ai riposi per allattamento quando:

  • la madre lavoratrice dipendente si trova in astensione obbligatoria o facoltativa;
  • la madre non si avvale dei riposi in quanto assente dal lavoro per sospensione ( esempio aspettativa o permessi non retribuiti, pause lavorative per part-time verticale Circ. 8/2003  punto 2

Al padre


Al padre lavoratore dipendente ( circ. 182/93 ):

  • quando il figlio è affidato al solo padre ;
  • in alternativa alla madre lavoratrice dipendente che non se ne avvalga (anche nel caso di lavoratrice dipendente che non si può avvalere dell'astensione facoltativa perché appartenente a categorie non aventi diritto es. lavoratrice domestica e a domicilio );
  • nel caso in cui la madre non sia lavoratrice dipendente , ma lavoratrice autonoma , libera professionista , ecc.( purché lavoratrice avente diritto ad un trattamento di maternità dall'Inps o da un altro Ente previdenziale);circ. 95bis/2006;
  • nel caso di madre casalinga senza eccezioni ed indipendentemente dalla sussistenza di comprovate situazioni che determinano l'oggettiva impossibilità della madre stessa di accudire il bambino circ. 118/2009
  • in caso di morte o di grave infermità della madre indipendentemente dalla sua condizione di lavoratrice o meno ( circ. 48/87 , circ 109/2000 , Circ. 8/2003 , circ. 95bis/2006 ).

In caso di parto plurimo , qualora la madre non sia lavoratrice dipendente ( ma lavoratrice avente diritto ad un trattamento di maternità dall'Inps o da un altro Ente previdenziale e anche casalinga circ. 112/2009 ) il padre lavoratore dipendente ha diritto al raddoppio dei periodi di riposo giornaliero.
La fruizione dei permessi da parte del padre può avvenire anche durante i 3 mesi dopo il parto e durante l'eventuale congedo parentale della madre ma solo per le ore aggiuntive ( 1 o 2 secondo l'orario di lavoro ) circ. 95bis/2006 - circ. 112/2009


N.B.:

  • - Si precisa che il numero di ore di riposo spettanti al padre è subordinato al proprio orario giornaliero di lavoro.
  • - si precisa inoltre che il padre potrà fruire dei riposi per allattamento dal giorno successivo ai 3 mesi dopo il parto circ. 112/2009  punto 1

NON SPETTANO


Alla madre

  • lavoratrice autonoma (artigiana, commerciante, coltivatrice diretta o colona, imprenditrice agricola, parasubordinata, libera professionista),
  • Colf,  badante e le lavoratrice a domicilio . ( L. 1204/1971 art. 1 )

Al padre lavoratore dipendente avente diritto:

  • quando la madre lavoratrice dipendente si trova in astensione obbligatoria o facoltativa ;
  • nei casi in cui la madre lavoratrice dipendente non si avvale dei riposi in quanto assente dal lavoro per sospensione ( esempio aspettativa o permessi non retribuiti, pause lavorative per part-time verticale Circ. 8/2003  punto 2;
  • quando la madre lavoratrice autonoma fruisce delle indennità  per congedo di maternità Circ. 8/2003  punto 2.

IL CALCOLO DELL'INDENNITÀ


QUANTO SPETTA


Per i periodi in cui la lavoratrice madre o il lavoratore padre fruiscono dei riposi per allattamento è dovuta una indennità pari all'ammontare dell'intera retribuzione . Tale indennità è anticipata dal datore di lavoro e posta dallo stesso a conguaglio con i contributi dovuti all'Istituto circ. 112/2009 .


DECORRENZA


L'indennità decorre dal giorno successivo ai 3 mesi dopo il parto sia per la madre che  per il padre  circ. 112/2009  punto 1 penultimo capoverso)


DURATA 


La madre ha diritto a 2 ore al giorno di riposo per allattamento e l'orario di lavoro è pari o superiore alle 6 ore giornaliere o 1 ora al giorno se l'orario stesso è inferiore.


Ai fini del diritto ai riposi e alla determinazione delle ore spettanti, va preso a riferimento l'orario giornaliero contrattuale normale - circ. 95bis/2006 punto 7.1 - ne consegue che le ore di riposo per allattamento sono riconoscibili anche se sommate alle ore di recupero (quelle accumulate con il sistema della " banca ore ") e anche se tale somma esaurisce l'intero orario giornaliero comportando la totale astensione dal lavoro.


La madre in part-time orizzontale , tenuta da contratto ad una sola ora di lavoro nell'arco della giornata, può farla coincidere con il riposo giornaliero comportando la totale astensione dal lavoro - circ. circ. 95bis/2006 punto 7.2 -


I riposi orari per allattamento di cui sopra si raddoppiano nei casi di:

  • adozione o affidamento di 2 o più bambini , anche non fratelli, entrati in famiglia anche in date diverse;
  • parto gemellare o plurimo (v. prospetto).

Il padre , nel caso di parto gemellare o plurimo :

  • ha diritto alle sole ore aggiuntive ;
  • può fruire delle ore aggiuntive anche durante l'astensione obbligatoria della madre qualora sussista il diritto della madre e anche nell'ipotesi di madre casalinga circ. 112/2009 , circ. 118/2009
  • ha diritto ai riposi nel caso di grave infermità della madre anche se non lavoratrice .
  • ha diritto al raddoppio  nel caso in cui la madre sia lavoratrice non dipendente  ( purché lavoratrice avente diritto ad un trattamento di maternità dall'Inps o da un altro Ente previdenziale)  circ. 95bis/2006 punto 7.3 e anche nell'ipotesi di madre casalinga , le ore aggiuntive possono essere utilizzate dal padre  anche durante  i 3 mesi dopo il parto circ. 112/2009

In caso di parto gemellare o plurimo le ore fruibili sono identificate secondo l'orario contrattuale di lavoro del genitore che si avvale dei riposi.


Parto gemellare o plurimo (prospetto)


Madre Padre

Orario di lavoro di almeno
 6 ore giornaliere

Orario di lavoro inferiore
 a 6 ore giornaliere
Orario di lavoro di almeno 6 ore giornaliere 4 ore 0 ore 0 ore
3 ore 1 ore 1 ora
2 ore 2 ora 1 ora
1 ore 3 ore 2 ora
0 ora 4 ore 2 ore
Madre in astensione obbligatoria o facoltativa 2 ore 1 ore
Orario di lavoro  inferiore alle 6 ore giornaliere 2 ore 0 ore 0 ore
1 ora 2 ore 1 ora
0 ora 4 ore 2 ora
Madre in astensione obbligatoria o facoltativa 2 ore 1 ora

CONTRIBUTI FIGURATIVI


CONTRIBUTI FIGURATIVI ( circ. n. 15 del 23.01.2001 punto 3 , punto 8 )


L' articolo 3 , comma 3, della legge 53/2000 innovando la previgente normativa, introduce la copertura figurativa dei riposi (c.d. per allattamento), stabilendo nuove modalità di calcolo del relativo valore retributivo e prevedendo altresì la facoltà degli interessati di integrare il valore figurativo accreditato mediante riscatto o versamenti volontari.


L' art. 3 comma 4 della legge 53/2000 che sostituisce l'art. 15 della legge 1204/71 ha introdotto nuovi criteri di determinazione del valore figurativo da attribuire ai periodi di permessi per allattamento (commi aggiunti all'art. 10 della legge n. 1204/1971 dall'art. 3 , comma 3, della legge n. 53 ). In particolare, in relazione ai riposi in questione, il datore di lavoro dovrà quantificare le assenze su base settimanale, operando nel modo seguente:

  • sommare le ore fruite dal lavoratore nel periodo interessato, distintamente per anno solare;

     

  • dividere il valore sopra determinato per il numero delle ore settimanali di lavoro previste nel contratto ed arrotondare per eccesso all'unità il risultato ottenuto.

LA DOMANDA

  • La domanda della madre va presentata al datore di lavoro circ. 109/2000 punto2.4 , i datori di lavoro si atterranno alle disposizioni della circ. _134371/1981;
  • la domanda del padre va presentata all'Inps e al datore di lavoro corredata della necessaria documentazione, entro l'anno di prescrizione circ. 112/2009, secondo le modalità dettate dalla circ. 109/2000 punto2.4. La richiesta del beneficio da parte del padre va effettuata con modello presente su Modulistica on line SR90 - msg 6878 del 9.3.2010

LE PARTICOLARITÀ

  • Riposi giornalieri e congedo parentale e/o di maternità

Durante il congedo di maternità la madre non ha diritto a fruire dei riposi orari per allattamento.


La madre ha diritto ai riposi per allattamento durante il congedo parentale del padre ;


Il padre lavoratore dipendente non ha diritto a fruire dei riposi per allattamento per lo stesso bambino , nello stesso periodo in cui la madre fruisce del congedo di maternità e/o parentale circ. 8/2003 .


Il padre lavoratore dipendente ha diritto a fruire dei riposi per allattamento nello stesso periodo in cui la madre fruisce del congedo di maternità e/o parentale per altro figlio msg 14724 del 19.05.2006


Il padre può utilizzare le ore aggiuntive , in caso di parto plurimo , anche durante il congedo di maternità parentale della madre lavoratrice dipendente.


Riposi giornalieri e congedo parentale in caso di adozione o affidamento ( circ. 91/2003 )


La madre adottiva o affidataria può beneficiare dei riposi giornalieri durante il congedo parentale del padre adottivo o affidatario, ma non anche durante il congedo di paternità di quest'ultimo.
Il padre adottivo o affidatario, invece, non può godere dei riposi suddetti né durante il congedo di maternità, né durante il congedo parentale della madr e nonché durante i periodi di sospensione del rapporto di lavoro della stessa.
Nell'ipotesi in cui il padre adottivo o affidatario stia fruendo dei riposi giornalieri in assenza di richiesta del congedo di maternità o del congedo parentale della madre adottiva o affidataria, una eventuale, successiva richiesta dei congedi suddetti da parte della madre farebbe venir meno, come del resto accennato, la possibilità, per il padre, di utilizzare i riposi nei periodi coincidenti con i congedi della madre.
Nei confronti del padre adottivo a affidatario sono comunque applicabili anche le altre condizioni di utilizzo dei riposi in questione previste dagli artt. 40 (affidamento esclusivo dei figli al padre, mancata fruizione dei riposi, da parte della madre lavoratrice dipendente, per rinuncia della stessa o perché appartenente a categoria non avente diritto ai riposi suddetti, ipotesi di madre non lavoratrice dipendente, morte o grave infermità della madre) e 41 del T.U.(fruibilità da parte del padre delle ore aggiuntive previste in caso di plurimo) ed esplicate nelle citate circolari n. 109/2000 ( v. paragrafo 2 ) e n. 8/2003 ( v. paragrafo 2 ).
Laddove i genitori abbiano fruito dei riposi giornalieri durante l'affidamento preadottivo, gli stessi non possono fruire di ulteriori periodi a seguito dell'adozione.

  • Madre lavoratrice autonoma e riposi giornalieri

Se la madre è lavoratrice autonoma il padre lavoratore dipendente può fruire dei riposi dal giorno successivo a quello finale del periodo di trattamento economico spettante alla madre, sempre che la madre (commerciante, artigiana, coltivatrice diretta o colona, imprenditrice agricola) non abbia chiesto di fruire ininterrottamente, dopo il suddetto periodo, del congedo parentale , durante il quale, è precluso al padre il godimento dei riposi per allattamento.
In caso di parto plurimo, il padre lavoratore dipendente  ha diritto alle ore aggiuntive  circ. 95bis/2006  punto 7.3 

  • Madre lavoratrice non  dipendente e riposi giornalieri in caso di parto plurimo

Se la madre non è lavoratrice dipendente (per lavoratrice non dipendente si intende qualsiasi lavoratrice autonoma- parasubordinata e libera professionista -avente diritto ad un trattamento di maternità a carico dell'Inps o di altro Ente previdenziale) il padre , in caso di parto plurimo, ha diritto al raddoppio dei periodi di riposo giornaliero circ. 95bis/2006  punto 7.3

  • Madre non lavoratrice (casalinga)

Se la madre è casalinga, il padre lavoratore dipendente  ha diritto ai riposi giornalieri per allattamento circ. 118/2009 ; in caso di parto plurimo il padre può fruire del raddoppio dei riposi e le ore aggiuntive possono essere utilizzate dal padre stesso anche durante i 3 mesi dopo il parto circ. 112/2009 .

  • Compatibilità e Incompatibilità permessi orari ex legge 104/92 ( circ. 128/2003 , punto 4  e 5 )

Sono compatibili i permessi orari ex legge 104/92  per un figlio handicappato e permessi orari (c.d. per allattamento), per altro figlio .( punto 4 )
Sono i ncompatibili i permessi orari ex legge 104/92  e permessi orari (c.d. per allattamento) per il medesimo figlio portatore di handicap ( punto 5 ).Solo in casi del tutto eccezionali e decisi dal dirigente medico di Sede, è possibile cumulare , i permessi orari retribuiti e l' allattamento anche per lo stesso figlio - msg. 11784/2007 .





Leggi questo articolo in formato PDFTorna su all'inizio del contenuto.

Contenuti correlati

Chiudi

La tua opinione ci aiuta a darti un servizio migliore:

Abbiamo aggiornato le informazioni del sito.
Valuta la qualità dei contenuti:

Chiari
  • Attuale 0/5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Esaurienti
  • Attuale 0/5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Facili da raggiungere
  • Attuale 0/5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Legenda
Per niente
Per niente
Poco
Poco
Abbastanza
Abbastanza
Molto
Molto
Del tutto
Del tutto
Vota

Ultime circolari

N° 99 del 08-08-2014
Legge 28 giugno 2012, n. 92 “Disposizioni in materia di riforma del me..
N° 98 del 06-08-2014
Proroga dei benefici per l’occupazione previsti in via sperimentale da..

Ultimi messaggi

Messaggio numero 6541 del 11-08-2014
Contributi dovuti dagli artigiani e dagli esercenti attività comm..
Messaggio numero 6534 del 11-08-2014
Riduzione contributiva nel settore dell’edilizia per l’anno 2014, ai s..