Faq - Assegno per il nucleo familiare con tre figli minori

Home > Informazioni> Prestazioni a sostegno reddito > Tutto Famiglia > Per saperne di più > Faq ‑ Assegno per il nucleo familiare con tre figli minori

Salta il menu di navigazione del canale

ATTENZIONE!
I contenuti informativi presenti in questa Area sono in corso di aggiornamento.

 

I cittadini stranieri rifugiati politici o titolari dello status di protezione sussidiaria hanno diritto all’assegno con tre figli minori?

Si, poiché l’art. 27 del Decreto legislativo 251/07 ha previsto per tali soggetti il medesimo trattamento riconosciuto al cittadino italiano in materia di assistenza sociale e sanitaria (v. circ. INPS n. 9 del 22/01/2010).

Ai fini dell’assegno per il nucleo familiare con almeno tre figli minori, se c’è un padre separato che ha i due primi figli conviventi con la ex moglie, ma a carico di lui e un figlio nato da un’altra relazione, il padre può fare domanda per il nucleo?

Nel caso in esame, il padre può presentare la domanda solo se nel suo stato di famiglia risultano, oltre che il figlio convivente con lui, i due figli che convivono con il coniuge separato, poiché, nel caso contrario, manca uno dei requisiti richiesti per la presentazione della domanda (nella famiglia anagrafica del richiedente si devono trovare almeno tre suoi figli minori sui quali egli esercita la potestà genitoriale).

Un soggetto con tre figli minori ha presentato domanda per l’assegno. Il figlio compirà diciotto anni ad agosto. A quanti mesi di contributo ha diritto, 7 o 8?

Il soggetto, sussistendo tutti i requisiti previsti dalla Legge, avrà diritto al beneficio per 8 mesi, in quanto il diritto cessa dal primo giorno del mese successivo a quello in cui viene a mancare il requisito relativo alla composizione del nucleo familiare (raggiungimento della maggiore età di uno dei tre figli).

La concessione dell’assegno avviene sulla base dell'ISE o dell'ISEE?

 

Il calcolo del beneficio avviene confrontando l'indicatore della situazione economica ISE (e non ISEE) con la soglia del diritto riparametrata, secondo i criteri fissati all'allegato A del decreto 452/2000 come modificato dal decreto 337/2001.

Gli extracomunitari, in possesso della carta di soggiorno, possono beneficiare dell’assegno?

 

No, gli extracomunitari, a prescindere dal possesso o meno del permesso/carta di soggiorno, non possono beneficiare dell'assegno per il nucleo familiare concesso dal Comune.

L’assegno può essere richiesto dai cittadini italiani residenti all’estero (AIRE)?

 

No, perché l'assegno spetta al cittadino italiano o comunitario residente, nella cui famiglia anagrafica si trovano almeno tre suoi figli minori sui quali egli esercita la potestà genitoriale.
Pertanto, tra i richiedenti non possono essere compresi i cittadini italiani residenti all'estero (AIRE), perché requisito fondamentale della prestazione è la residenza del richiedente nel territorio dello Stato.


Leggi questo articolo in formato PDFTorna su all'inizio del contenuto.

Contenuti correlati

Chiudi

La tua opinione ci aiuta a migliorare il sito.

Abbiamo riorganizzato questa sezione.
Valuta la nuova struttura:

Aspetto Grafico
  • Attuale 0/5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Semplicità di navigazione
  • Attuale 0/5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Miglioramento complessivo del sito
  • Attuale 0/5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Legenda
Del tutto insufficiente
Del tutto insufficiente
Insufficiente
Insufficiente
Sufficiente
Sufficiente
Buono
Buono
Ottimo
Ottimo
Vota

Ultime circolari

N° 94 del 17-07-2014
Accentramento presso la direzione centrale previdenza delle attivit..
N° 93 del 17-07-2014
Gestione diretta delle attività relative alla riscossione dei con..

Ultimi messaggi

Messaggio numero 6235 del 23-07-2014
Circolare n. 111 del 24 luglio 2013. Incentivo per l’assunzione di don..
Messaggio numero 6214 del 22-07-2014
Decreto Interministeriale n.82875 del 10 luglio 2014. CIG in deroga - ..