Emissione massiva MAV per contributi lavoro domestico

Home > Informazioni > Aziende, consulenti e professionisti > Emissione massiva MAV per contributi lavoro domestico

Salta il menu di navigazione del canale

La circolare 49 del 13 marzo 2011 ha istituito, tra le modalità   utili al  pagamento  di contributi domestici , anche la possibilità di avvalersi del MAV – Pagamento Mediante Avviso. Tale servizio di pagamento consiste  in speciali avvisi di pagamento emessi dalla Banca Popolare di Sondrio – aggiudicataria della specifica gara di appalto indetta dall’INPS - e si avvale della procedura interbancaria standardizzata di incasso attraverso il bollettino MAV, identificato da uno specifico codice.

PREMESSA

L’importo dei contributi richiesti nel MAV è calcolato in base ai dati dichiarati all’assunzione del lavoratore domestico o successivamente variati con apposita comunicazione. Tuttavia, tenuto conto che durante il rapporto di lavoro domestico possono intervenire svariate cause – permessi non retribuiti, straordinario, cessazione, ecc... - che, modificando i dati utili a determinare l’importo complessivo dei contributi ne comportano una variazione, è stata data la possibilità ai datori di lavoro domestico di generare, accedendo al sito internet dell’Istituto e variando i dati indicati, un MAV con importo conforme alle vicende intervenute nel rapporto di lavoro.
Tenuto conto che la generazione dei MAV attraverso il sito può essere di difficile gestione per i soggetti che assistono i datori di lavoro è disponibile, esclusivamente per i soggetti legittimati ai sensi del comma 1, art. 1, Legge 11 gennaio 1979, n.12 il servizio di emissione massiva MAV per il pagamento dei contributi domestici. Attraverso questo servizio, i soggetti accreditati potranno inviare all’INPS i dati necessari alla determinazione dell’importo dei contributi dovuti per ciascun datore di lavoro e, dopo l’interazione con la banca, ricevere dall’INPS il MAV generato in conseguenza.
Per motivi di  efficienza e sostenibilità dei costi il servizio potrà essere reso, almeno in questa fase iniziale, soltanto per i soggetti che gestiscono almeno 1000 rapporti di lavoro a trimestre.


SOGGETTI DESTINATARI

Soggetti indicati al comma 1, art.1, L. 12/79, ovvero coloro che sono iscritti nell'albo dei consulenti del lavoro, nonché coloro che sono iscritti negli albi degli avvocati e procuratori legali, dei dottori commercialisti, dei ragionieri e periti commerciali,  che abbiano dato la prevista  comunicazione  agli Ispettorati del lavoro delle province, nel cui ambito territoriale intendono svolgere gli adempimenti relativi all’assistenza ai datori di lavoro.


MODALITA' DI ADESIONE AL SERVIZIO

Per l’adesione al Servizio di emissione massiva MAV, il soggetto mittente abilitato è tenuto a compilare e sottoscrivere il modulo  allegato
Il modulo dovrà essere inviato in base a quanto stabilito dall’art. 38, comma 3, DPR 445/2000,  unitamente al documento di identità del sottoscrittore, all’indirizzo di posta elettronica: RichiestaServizioEmissioneMAV@inps.it

Gli iscritti negli albi degli avvocati e procuratori legali, dei dottori commercialisti, dei ragionieri e periti commerciali debbono allegare copia della prevista comunicazione ai Servizi Ispezione del Lavoro delle Direzioni provinciali del lavoro di cui al punto precedente.


QUANDO AVVIENE LA TRASMISSIONE

Il servizio ha cadenza trimestrale in corrispondenza delle scadenze previste per il pagamento dei contributi:

  • 10 aprile
  • 10 luglio
  • 10 ottobre
  • 10 gennaio

In particolare sono previsti due scambi da effettuarsi indicativamente:

  • il primo, il 23 del mese antecedente ogni scadenza
  • il secondo, il 27 del mese antecedente ogni scadenza

Le date andranno confermate trimestre per trimestre sulla base delle festività e dei conseguenti tempi di elaborazione.


COME AVVIENE LA TRASMISSIONE

Il servizio è realizzato attraverso un flusso di trasmissione che consente lo scambio di file in formato XML con protocollo sFTP - Secure File Transfer Protocol - tra il soggetto mittente e l’Istituto.
Per rispondere ai requisiti di sicurezza che l’Istituto impone per lo scambio dei dati con soggetti esterni, ciascun soggetto mittente è tenuto a utilizzare le credenziali di accesso (utenza e password) fornitegli dall’Istituto all’atto dell’adesione.


Documentazione ufficiale di riferimento:


Schemi di validazione dei dati in formato xsd:


Si può effettuare il download del modulo e degli schemi di validazione dei dati anche accedendo direttamente alla pagina Software del portale Inps.


Leggi questo articolo in formato PDFTorna su all'inizio del contenuto.

Contenuti correlati

Ultime circolari

N° 173 del 11-08-2016
Convenzione tra l’INPS e il Sindacato Nazionale Autonomo Disoccupati A..
N° 172 del 10-08-2016
Convenzione tra l’INPS e la Confsal Federazione Italiana Sindacati Aut..

Ultimi messaggi

Messaggio numero 3407 del 23-08-2016
Contributo una tantum per il sostegno di bambini nati nel 2014 in fami..
Messaggio numero 3358 del 10-08-2016
Riduzione contributiva nel settore dell’edilizia per l’anno 2016, ai s..