Pensione di inabilità

Home > Informazioni

Salta il menu di navigazione del canale

Iscritti alle casse Cpdel, Cps, Cpi e Cpug


Questi dipendenti possono essere collocati a riposo a seguito di accertamento dello stato di salute disposto su richiesta del dipendente o del datore di lavoro se viene riscontrata una delle seguenti condizioni non dipendente da causa di servizio:

  • inabilità assoluta e permanente a qualsiasi proficuo lavoro, comprovata da visita medico-collegiale sostenuta presso la speciale commissione medica ospedaliera istituita presso l’Asl;
  • inabilità assoluta e permanente alle mansioni svolte, comprovata da visita medico-collegiale sostenuta presso la speciale commissione medica ospedaliera istituita presso l’Asl.

L’iscritto che cessa dal servizio per inabilità al lavoro consegue, indipendentemente dall’età anagrafica, il diritto al trattamento di pensione se ha maturato almeno:

  • 15 anni (14 anni, 11 mesi e 16 giorni) di servizio utile, in caso richieda il collocamento a riposo per inabilità assoluta e permanente a qualsiasi proficuo lavoro;
  • 20 anni (19 anni, 11 mesi e 16 giorni) di servizio utile, in caso richieda il collocamento a riposo per inabilità assoluta e permanente alle mansioni svolte.

Iscritti alla Cassa Stato


Gli iscritti alla Cassa Stato cessati dal servizio per infermità non dipendente da causa di servizio hanno diritto a pensione di inabilità se hanno almeno 15 anni di servizio effettivo (14 anni, 11 mesi e 16 giorni). Il trattamento pensionistico decorre dal giorno successivo alla cessazione.


Come si ottiene


La domanda va presentata all’ Inps Gestione Dipendenti Pubblici , senza limiti di tempo.

La domanda si compila e si trasmette esclusivamente in modalità telematizzata; per accedere al servizio è necessario essere iscritti alla banca dati dell'Inps Gestione Dipendenti Pubblici ed essere in possesso del PIN ( vedi Sezioni di riferimento – Servizi in linea).

La documentazione necessaria per l’accertamento del diritto alla prestazione è la seguente:

  • il verbale di visita medico-collegiale attestante lo status d’inabilità assoluta e permanente a qualsiasi proficuo lavoro, o di inabilità alle mansioni svolte;
  • la delibera di collocamento a riposo per inabilità.

Per gli iscritti alle Casse Cpdel, Cps, Cpi e Cpug la visita medico-collegiale deve essere richiesta entro un anno dalla cessazione nel caso di inabilità assoluta e permanente a qualsiasi proficuo lavoro (articolo 7 legge 379 del 1955).


Decorrenza


Per le pensioni d’inabilità, l’erogazione del trattamento decorre dal giorno successivo alla dispensa dal servizio.


Durata della prestazione


La prestazione è vitalizia e cessa, quindi, con la morte del pensionato.



Leggi questo articolo in formato PDFTorna su all'inizio del contenuto.

Contenuti correlati

Ultime circolari

N° 52 del 22-04-2014
Convenzione fra l’INPS e UNITA’ SINDACALE FALCRI SILCEA per la riscoss..
N° 51 del 16-04-2014
Contributi volontari anno 2014: lavoratori dipendenti non agricoli, la..

Ultimi messaggi

Messaggio numero 4250 del 23-04-2014
Articolo 3, legge n. 92/2012 – Gestione periodo transitorio – Fondi di..
Messaggio numero 4152 del 17-04-2014
DL marzo 2014, n. 34. Prime indicazioni in materia contributiva. Resti..