961024
DIREZIONE CENTRALE
CONTRIBUTI
Circolare n. 205
AI DIRIGENTI CENTRALI E PERIFERICI
AI COORDINATORI GENERALI, CENTRALI E
   PERIFERICI DEI RAMI PROFESSIONALI
AI PRIMARI COORDINATORI GENERALI E
   PRIMARI MEDICO LEGALI
   e, per conoscenza,
AL PRESIDENTE
AI CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE
AL PRESIDENTE ED AI MEMBRI DEL
   CONSIGLIO DI INDIRIZZO E VIGILANZA
AI PRESIDENTI DEI COMITATI AMMINISTRATORI
   DI FONDI, GESTIONI E CASSE
AI PRESIDENTI DEI COMITATI REGIONALI
AI PRESIDENTI DEI COMITATI PROVINCIALI
:  Decreto legislativo 29.6.1996 n. 414 .
Soppressione del " Fondo di previdenza per il
personale addetto ai pubblici servizi di
trasporto" . Nuovo regime delle posizioni
assicurative.
DIREZIONE CENTRALE
CONTRIBUTI
Roma, 22 ottobre 1996  AI DIRIGENTI CENTRALI E PERIFERICI
Circolare n. 205       AI COORDINATORI GENERALI, CENTRALI E
                          PERIFERICI DEI RAMI PROFESSIONALI
                       AI PRIMARI COORDINATORI GENERALI E
                          PRIMARI MEDICO LEGALI
                          e, per conoscenza,
                       AL PRESIDENTE
                       AI CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE
                       AL PRESIDENTE ED AI MEMBRI DEL
                          CONSIGLIO DI INDIRIZZO E VIGILANZA
                       AI PRESIDENTI DEI COMITATI AMMINISTRATORI
                          DI FONDI, GESTIONI E CASSE
                       AI PRESIDENTI DEI COMITATI REGIONALI
                       AI PRESIDENTI DEI COMITATI PROVINCIALI
Oggetto :  Decreto legislativo 29.6.1996 n. 414 .
           Soppressione del " Fondo di previdenza per il
           personale addetto ai pubblici servizi di
           trasporto" . Nuovo regime delle posizioni
           assicurative.
SOMMARIO :
1 - I soggetti per i quali ricorreva l' obbligo della
iscrizione al " Fondo di previdenza per il personale addetto
ai pubblici servizi di trasporto" , il quale e' stato
soppresso con il decreto legislativo citato in oggetto, sono
ora iscritti al " Fondo pensioni lavoratori dipendenti" in
separata evidenza contabile, a decorrere dal 1 gennaio 1996.
2 - Nuovo regime delle posizioni assicurative del personale
di cui sopra e' cenno e conservazione dei diritti acquisiti.
Norme transitorie in materia di regolarizzazioni, di ri-
scatti, di ricongiunzioni.
3 - Disposizioni in materia di contribuzione volontaria.
4 - Le particolari norme che riguardano i dipendenti degli
Enti locali territoriali iscritti all' INPDAP e in materia
di ricongiunzione a tale Ente , senza oneri a carico dei
lavoratori interessati, delle posizioni costituite in loro
favore nel soppresso Fondo degli " autoferrotranvieri " .
5 - La competenza a decidere sui ricorsi amministrativi.
                  *********************
     Come gia' noto, in attuazione della delega ex art. 1,
commi 70 e 71 della legge 28.12.1995 n. 549, con Decreto
Legislativo  29 giugno 1996 n. 414 ( G. U. n. 186 del
9.8.1996), il " Fondo di previdenza per il personale addetto
ai pubblici servizi di trasporto" gestito dall' Istituto e'
stato soppresso con effetto dal 1 gennaio 1996 e, a far
tempo da tale data, cessano di avere efficacia tutte le
disposizioni normative che disciplinavano la costituzione e
la utilizzazione delle posizioni assicurative, salvo quanto
disposto in materia dallo stesso decreto come di seguito
illustrato.
1 - I SOGGETTI INTERESSATI
     Il decreto legislativo all' art. 1 dispone che, a
decorrere dal 1.1.1996, sia il personale in servizio ed in
atto iscritto al Fondo speciale a tale data che gli assicu-
rati al Fondo medesimo in relazione a precedenti periodi di
lavoro  vengono iscritti al " Fondo pensioni lavoratori
dipendenti", con evidenza contabile separata, ai fini delle
prestazioni previste dalle norme che lo disciplinano.
     Lo stesso decreto dispone che, per ciascuno dei tito-
lari di posizione costituita nel soppresso Fondo, la corri-
spondente posizione assicurativa e contributiva si costi-
tuisce  "ex lege" nel " F.P.L.D. "  in relazione a tutti i
periodi temporalmente collocati fino al 31.12.1995 e coperti
da contribuzione obbligatoria, volontaria, figurativa, da
riscatto, da ricongiunzione ed a quelli che, sempre fino
alla stessa data del 31.12.1995, siano in ogni caso utili a
pensione con le norme che hanno disciplinato il Fondo
medesimo, anche a seguito di regolarizzazioni o di domande a
vario titolo presentate e non ancora definite ( vedi suc-
cessivo punto 2.2 ).
     L' art. 1 del decreto in esame prevede inoltre che,
nella stessa evidenza contabile riservata agli assicurati
provenienti dal Fondo soppresso, debbano essere iscritti
anche coloro che siano stati assunti in servizio in data
posteriore al 31.12.1995 e quelli che verranno assunti in
futuro da parte delle Aziende esercenti pubblici servizi di
trasporto sempre che rientrino nella previsione di cui al
noto art. 4 della legge 29.10.1971 n. 889, che disciplinava
appunto la iscrivibilita al soppresso Fondo del personale di
ruolo o in pianta stabile o addetto con continuita' al
servizio di trasporto, come ampiamente chiarito con le
circolari a suo tempo emanate in materia.
     L' iscrizione di quest' ultimi soggetti al "F.P.L.D."
in evidenza contabile separata avverra' per tutti i periodi
assicurativi che comunque verranno accreditati in loro
favore  con le norme di carattere generale che disciplinano
lo stesso " F.P.L.D." in forma obbligatoria, figurativa, da
riscatto o da ricongiunzione e volontaria e non soltanto
cioe' per i periodi corrispondenti a quelli di servizio per
i quali sarebbe insorto l' obbligo della contribuzione al
soppresso Fondo speciale.
     Per tutti i soggetti di cui sopra che possano o po-
tranno far valere posizioni assicurative presso il
"F.P.L.D." che si collochino temporalmente prima del 1
gennaio 1996, data a decorrere dalla quale detti soggetti
sono iscritti al Fondo stesso per effetto della legge di
soppressione del Fondo speciale, anche i corrispondenti
periodi assicurativi, fatta salva la  loro diversa valenza
attribuita dalla legge in oggetto (art. 3) ai fini pensio-
nistici, restano nell' ambito della gestione ordinaria del
" F.P.L.D." medesimo.
     Invece, restano  momentaneamente esclusi dalla predetta
contabilita' separata tutti i lavoratori dipendenti che
siano stati assunti in servizio dalle Aziende anzidette
anteriormente al 1 gennaio 1996 e per i quali non si siano
verificate, fino al 31 dicembre 1995, le condizioni di
iscrivibilita' al Fondo speciale di cui alla circolare n.
257 del 7.12.1989. Per costoro, infatti, anche se le
condizioni di iscrivibilita' si fossero verificate succes-
sivamente al 31.12.1995 o si dovessero verificare in futuro,
stante il silenzio della legge al riguardo, continueranno
per ora ad applicarsi le disposizioni generali vigenti per
il " F.P.L.D." - gestione ordinaria in attesa che i Mini-
steri competenti forniscano i necessari chiarimenti richie-
sti dall' Istituto.
     Particolari disposizioni, le quali verranno meglio
illustrate in seguito, riguardano i dipendenti da Comuni,
Province e Regioni esercenti direttamente in economia il
pubblico servizio di trasporto per i quali restano confer-
mate e cosi interpretate le disposizioni contenute nell'art.
4 - comma 2 - della legge 8 agosto 1991, n. 274, che dispose
a suo tempo la loro iscrizione all' I.N.P.D.A.P.   ( ex
C.P.D.E.L.) con la decorrenza ivi prevista.
     Come gia' accennato, all' evidenza contabile separata
nell' ambito del " F.P.L.D." sono iscritti anche i titolari
di posizione gia' costituita nel soppresso Fondo in epoca
precedente al 1 gennaio 1996 quando, ovviamente, non sia
stata o non debba essere eliminata ora per allora per
trasferimento o ricongiunzione e ancorche' tale posizione
sia stata conservata con diritto a prestazione differibile e
cioe' in attesa del raggiungimento del requisito di eta'
previsto per il diritto alla liquidazione della pensione.
2 - POSIZIONI ASSICURATIVE
     La costituzione delle posizioni assicurative presso il
" F.P.L.D."  in evidenza contabile separata avviene senza
trasferimento di somme a favore del Fondo pensioni lavora-
tori dipendenti. Faranno peraltro carico alla gestione
separata di tale Fondo gli oneri che in futuro dovranno
essere sopportati, per gli assicurati in argomento, per
eventuali trasferimenti o ricongiunzioni ad altri Fondi
pensionistici delle corrispondenti posizioni assicurative in
applicazione della normativa generale vigente in materia.
A tal fine si precisa che i dati contributivi e retributivi
da trasferire sono quelli acquisiti nel soppresso Fondo e
che attualmente sono rilevabili, fino al 31.12.1989, dall'
archivio automatizzato per gli iscritti ai Fondi sostitutivi
e, per periodi successivi, dalle denunce di modd. 01.M.
     In particolare, sulla base di quanto contenuto nella
legge in trattazione, si precisa ulteriormente che :
2.1 - i periodi costituenti le posizioni di provenienza dal
soppresso Fondo da accreditare nel " F.P.L.D." in evidenza
contabile separata sono tutti quelli che si collocano
temporalmente fino al 31.12.1995 e per i quali non sia stata
presentata a tale data domanda di trasferimento o di ricon-
giunzione presso lo stesso "FPLD" o altri Fondi ( art. 33
della legge 889/1971, legge n. 29 / 1979, legge n. 44 /
1973, legge n. 45 del 1990) ovvero quando non si siano
verificate, sempre alla data del 31.12.1995, le condizioni
per il loro trasferimento d' ufficio all' assicurazione
generale obbligatoria ai sensi dell'art. 33 della legge
29.10.1971 n. 889 (circ. n. 14 del 18 gennaio 1994). In
presenza di domanda o della condizione di trasferibilita' d'
ufficio della posizione, le relative pratiche devono,
invece, essere definite sulla base della normativa prece-
dentemente in vigore e la corrispondente posizione assicu-
rativa non dovra' confluire nella predetta evidenza conta-
bile;
Eventuali domande di trasferimento ex art. 33 della legge
889/1971 presentate dopo il 31 dicembre 1995 e gia' definite
alla data di entrata in vigore del decreto in oggetto
restano convalidate, tenuto conto del disposto di cui all'
art. 5 del decreto stesso, mentre tutte le domande conta-
bilmente non ancora definite potranno considerarsi superate
atteso che la relativa posizione viene comunque acquisita ex
lege nell' evidenza contabile separata del Fondo pensioni
lavoratori dipendenti senza trasferimento di oneri.
2.2 - tutte le domande che abbiano ad oggetto anzianita'
contributive fino al 31.12.1995, per il riscatto dei periodi
di avventiziato, di studi universitari o di navigazione
mercantile ( artt. 34 e 35 della legge n.889 / 1971) o per
la ricongiunzione o per il riconoscimento figurativo a
qualsiasi titolo o per la copertura facoltativa o volontaria
presso l'ex Fondo speciale e sempre che siano state presen-
tate all' Istituto in data anteriore al 1 gennaio 1996 o
anche dopo tale data ma prima di quella di  entrata in
vigore del decreto di soppressione ( 24 agosto 1996), devono
essere trattate e definite in applicazione della normativa
allora vigente. I relativi periodi cosi' acquisiti alla
gestione del Fondo speciale saranno compresi nella posizione
assicurativa iscritta nella evidenza contabile separata del
" F.P.L.D.".
2.3 - le domande di trasferimento ex art. 33 della legge 889
/ 1971 e quelle di cui al precedente punto 2.2 che risulte-
ranno presentate dal 24 agosto 1996 in avanti dovranno
essere respinte in considerazione della avvenuta soppres-
sione del Fondo speciale, fatta eccezione per le domande di
ricongiunzione nel Fondo medesimo alle quali      l' art. 5
- comma 4 del decreto in esame riconosce espressamente
validita anche se presentate successivamente ma non oltre
sessanta giorni e cioe' non oltre il 23 ottobre 1996.
Continueranoo ad essere trattate, ovviamente, le domande di
trasferimento delle posizioni presso altri Fondi o Enti (
art. 2 delle legge 29 / 1979, legge 45 / 1990, legge 44 /
1973 );
2.4 - i periodi assicurativi in relazione ai quali era
previsto l' obbligo della contribuzione al Fondo di previ-
denza per gli autoferrotranvieri fino al 31.12.1995 e sia
peraltro intervenuta o intervenga la prescrizione  possono
formare oggetto di regolarizzazione con le norme che disci-
plinavano il Fondo medesimo e con quelle del sopravvenuto
decreto di soppressione, mediante domanda del datore di
lavoro o dello stesso lavoratore interessato da presentarsi
ai sensi dell'art.13 della legge n. 1338 / 1962. Tali
periodi, una volta perfezionata la regolarizzazione anzi-
detta, dovranno confluire anch' essi nella evidenza conta-
bile separata del "F.P.L.D." ;
2.5 - come gia' detto innanzi, le posizioni assicurative da
costituire nella evidenza separata del "F.P.L.D." devono
comprendere tutti i periodi assicurativi gia' utili a
pensione nel soppresso Fondo, ivi comprese le assenze senza
paga nei limiti previsti dall' art. 7 della legge 889 / 1971
e quali risultino gia' accreditate o accreditabili fino al
31.12.1995.
2.6 - tutti i soggetti iscritti al " F.P.L.D." in separata
evidenza possono esercitare, oltre a quanto previsto dalla
legge in esame, qualsiasi altro diritto riconosciuto dalle
norme di legge agli assicurati al Fondo stesso anche in
materia di riscatti, di ricongiunzione e di contribuzione
figurativa ma occorre precisare che i relativi periodi, se
collocati temporalmente fino al 31.12.1995 vanno imputati
alla gestione ordinaria del Fondo pensioni lavoratori
dipendenti, se successivi a tale data vanno imputati invece
nella gestione contabile separata dello stesso Fondo.
Le posizioni assicurative individuali, ancorche' in evidenza
contabile separata, potranno altresi' formare oggetto di
trasferimento o di ricongiunzione presso altri regimi
previdenziali diversi dal "FPLD" in applicazione delle norme
che disciplinano la materia e gli oneri relativi che fanno
carico alla predetta evidenza contabile saranno determinati,
per i periodi fino al 31.12.1995, in base alla contribuzione
affluita al soppresso Fondo speciale.
3 - CONTRIBUZIONE VOLONTARIA
     Per quanto concerne la prosecuzione volontaria della
contribuzione, fermo restando quanto precisato al precedente
punto 2.2, per i requisiti di legge e per le modalita' ed i
termini di versamento dei contributi dovuti dai richiedenti
si applicheranno - per i periodi collocati posteriormente al
31.12.1995 - le disposizioni di carattere generale vigenti
nel " F.P.L.D.",   salvo ad imputare le relative posizioni
contributive nella predetta evidenza contabile separata.
A tal fine si terra' conto delle seguenti disposizioni :
a) - la domanda di autorizzazione alla prosecuzione volon-
taria della contribuzione nel soppresso Fondo e' da consi-
derarsi valida anche per i versamenti volontari che i
richiedenti intendano effettuare successivamente al
31.12.1995 con le norme dell' A.G.O. ;
b) - i contributi volontari dovuti per i periodi dal 1
gennaio 1996 in avanti saranno determinati secondo le norme
di carattere generale vigenti nell' A.G.O., in base alle
retribuzioni assoggettate a contribuzione, come acquisite
sulla posizione assicurativa anche per i periodi antecedenti
il 1 gennaio 1996 di provenienza dal Fondo speciale, nonche'
applicando alla corrispondente classe retributiva l' ali-
quota di finanziamento complessivamente dovuta al "F.P.L.D.
- Evidenza contabile separata" di cui all' art. 2, commi 1,
2 e 3 del decreto in oggetto, aliquota alla quale vanno
aggiunte la maggiorazione dello 0,20 % per l' assistenza
malattia ai pensionati e quella dello 0,10 % di pertinenza
degli asili-nido;
c) - qualora  a seguito di risoluzione del rapporto di
lavoro intervenuta in data compresa tra il 1 gennaio 1996 ed
il 24 agosto 1996 ( data di entrata in vigore del decreto
legislativo 414 / 1996 ) siano stati liquidati i trattamenti
pensionistici per i quali l' art. 5 del decreto conferma le
disposizioni legislative in vigore nel soppresso Fondo, la
contribuzione volontaria gia'  computata utile ai fini dei
predetti pensionamenti resta validamente acquisita ancorche'
determinata con le norme del Fondo stesso.
     Sara' cura delle Sedi autonome di produzione indivi-
duare gli eventuali prosecutori volontari cui si riferiscono
le presenti disposizioni e comunicare loro gli importi
dovuti per la regolarizzazione dei relativi contributi,
anche a conguaglio di quanto nel frattempo versato.
4 - DIPENDENTI DEGLI ENTI LOCALI
     Secondo quanto gia' contenuto nella legge delega, il
decreto in oggetto ha confermato che i lavoratori dipendenti
da Comuni, Province e Regioni esercenti direttamente in
economia il pubblico servizio di trasporto sono assicurati
con le norme che disciplinano il Fondo gestito dall' INPDAP
e non con quelle del Fondo speciale gestito dall' Istituto e
cio' a decorrere dal 1 ottobre 1991.
     A favore di tale personale, per le posizioni contribu-
tive che siano state costituite a qualsiasi titolo nel
soppresso Fondo speciale fino al 30.9.1991, il decreto
legislativo al comma 3 dell' art. 5 ha espressamente rico-
nosciuta la facolta' di ricongiungere presso l' INPDAP tali
posizioni assicurative in applicazione dell' art. 6 della
legge 7.2.1979, n. 29, senza cioe' alcun onere a loro
carico.
     Pertanto, per il personale in argomento, le posizioni
interessate a tale tipo di operazione, anziche' al " FPLD "
in separata evidenza, possono a domanda essere ricongiunte
presso il Fondo gestito dall' INPDAP secondo le disposizioni
di carattere generale previste dalla citata legge 29 / 1979
a condizione che la domanda stessa venga presentata, a pena
di decadenza, entro e non oltre il termine di novanta giorni
dalla richiesta che verra' inviata da parte dell' INPS al
personale interessato.
     Si precisa che la ricongiunzione in argomento non opera
di norma nei confronti di coloro che, alla data di entrata
in vigore del decreto in oggetto (24.8.1996), siano titolari
di pensione liquidata con il computo dei periodi di iscri-
zione al soppresso Fondo e cio' perche' a tale data e' da
considerarsi venuta meno la disponibilita' della relativa
posizione assicurativa. Peraltro, i lavoratori che abbiano
ottenuto la  pensione a carico del Fondo soppresso con il
computo di periodi successivi al 30 settembre 1991 hanno
facolta' di optare per la conservazione della pensione in
essere. Quest' ultima opzione, prevista espressamente dall'
art. 5 del decreto in esame, e' alternativa a quella  di
chiedere la ricongiunzione ex art. 6 della legge 29 / 1979
per le posizioni costituite fino al 30 settembre 1991.
     A tal fine, le Sedi autonome di produzione dovranno con
ogni possibile sollecitudine individuare, contattando
direttamente gli Enti locali anzidetti, i nominativi degli
assicurati di cui trattasi ed i loro recapiti e provvedere
quindi a notificare loro ( a mezzo raccomandata a. r.)
apposita richiesta di esercitare, ove lo ritengano, la
facolta' di avvalersi dell' art. 5 del D.L.vo  29.6.1996 n.
414 ai fini della ricongiunzione presso l' INPDAP delle
posizioni contributive costituite nel Fondo di previdenza
per gli autoferrotranvieri a tutto il 30.9.1991, in appli-
cazione della legge 29 /1979 e senza oneri a loro carico, a
condizione che la relativa domanda pervenga  entro il
termine di decadenza di novanta giorni dalla data di rice-
zione della richiesta stessa.
     Per quanto concerne le modalita' di applicazione della
legge 29 / 1979 si rinvia alle istruzioni di carattere
generale di cui alla circolare 14 del 18.1.1994, con parti-
colare riferimento a quanto precisato nella Parte IV  della
stessa.
5 - RICORSI
     Per effetto della soppressione del Fondo speciale e
della iscrizione degli assicurati e dei pensionati al Fondo
pensioni lavoratori dipendenti, anche il Comitato di
vigilanza del predetto Fondo speciale ha cessato di operare
e ad esso sono subentrati nella competenza a decidere sui
ricorsi amministrativi gli stessi Comitati competenti a
trattare, a seconda della materia, i ricorsi per la
generalita' degli iscritti al " F.P.L.D.".
     In particolare, per i ricorsi che vertono  sulla
gestione delle posizioni assicurative individuali, le Sedi
autonome di produzione continueranno ad istruirli e ad
inviarli in sede centrale perche' siano sottoposti alle
decisioni del Comitato amministratore del Fondo pensioni
lavoratori dipendenti non appena verra' ricostituito.
                  *******************
     Alla presente circolare contenente i chiarimenti
normativi ritenuti piu' significativi per una pronta appli-
cazione delle disposizioni legislative in argomento, segui-
ranno particolari, ulteriori istruzioni anche di carattere
contabile e in materia di procedure con separate circolari,
appena possibile.
                                    IL DIRETTORE GENERALE
                                        TRIZZINO