Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Banche dati documentali

Inps Servizi

Banche dati documentali


Circolare numero 4 del 11/01/2010


Attivando questo Link si può ricevere il documento in formato PDF

 

 

Direzione Centrale Pensioni

 

Direzione Centrale Organizzazione

 

Direzione Centrale Pianificazione e

Controllo di Gestione

 

Direzione Centrale Sistemi

Informativi e Tecnologici

 

 

 

Ai

Dirigenti centrali e periferici

 

Ai

Direttori delle Agenzie

 

Ai

Coordinatori generali, centrali e

Roma, 11/01/2010

 

periferici dei Rami professionali

 

Al

Coordinatore generale Medico legale e

 

 

Dirigenti Medici

 

 

 

Circolare n. 4 

 

e, per conoscenza,

 

 

 

 

Al

Commissario Straordinario

 

Al

Presidente e ai Componenti del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza

 

Al

Presidente e ai Componenti del Collegio dei Sindaci

 

Al

Magistrato della Corte dei Conti delegato all’esercizio del controllo

 

Ai

Presidenti dei Comitati amministratori

 

 

di fondi, gestioni e casse

 

Al

Presidente della Commissione centrale

 

 

per l’accertamento e la riscossione

 

 

dei contributi agricoli unificati

 

Ai

Presidenti dei Comitati regionali

 

Ai

Presidenti dei Comitati provinciali

 

 

OGGETTO:

trasferimento alla Direzione provinciale di Trieste della competenza alla trattazione delle pratiche di pensione trasmesse da enti previdenziali esteri, relativamente a residenti in Slovenia.

 

 

 

SOMMARIO:

residenti in Slovenia pensioni trasmesse da Enti previdenziali esteri -trasferimento della competenza alla Direzione provinciale di Trieste.

 

La circolare n.100 del 9 giugno 2003 ha riorganizzato l’erogazione delle prestazioni ai residenti all’estero attraverso la costituzione di poli specializzati territoriali su base regionale, a decorrere dal 1° ottobre 2003.

 

Tale assetto ha consentito di avere, per i residenti all’estero, competenze dedicate alle singole convenzioni internazionali con risorse ad alta specializzazione, accentrate in poli territoriali che, all’occorrenza, possono svolgere anche la funzione di consulenza, supporto e surrogazione alla normale rete (decentrata) delle prestazioni in regime internazionale per i residenti in Italia.

 

I Direttori Regionali hanno provveduto alla scelta della/e Direzione/i sub regionale/i cui attribuire le funzioni di polo territoriale, tenuto conto dell’esigenza di affidare – ove possibile – la trattazione delle pratiche di uno Stato alla competenza esclusiva di una sola Sede, dei carichi di lavoro, del patrimonio di conoscenze e della dotazione organica e logistica delle strutture designate.

 

In applicazione della nuova organizzazione per poli territoriali dei residenti all'estero, alla Direzione regionale Friuli Venezia Giulia è stato affidato il compito di gestire il polo per i residenti negli Stati già appartenenti alla ex Jugoslavia (Slovenia, Croazia, Serbia, Montenegro, Macedonia e Bosnia Erzegovina).

 

La Direzione regionale per il Friuli Venezia Giulia aveva individuato due poli specialistici:

 

a)   la Direzione provinciale di Gorizia per i residenti in Slovenia;

b)   la Direzione provinciale di Trieste per i residenti negli altri Paesi già facenti parte della Repubblica Popolare della Jugoslavia.

 

Il percorso in atto di riorganizzazione delle strutture territoriali dell’Istituto ha visto la revisione dell’assetto organizzativo delle Direzioni regionali attraverso la circolare n.37/2009 e la fissazione delle linee organizzative delle strutture territoriali attraverso la circolare n. 102/2009.

 

Il nuovo assetto delle sedi tiene conto dell’opportunità di ridisegnare l’organizzazione secondo criteri funzionali alla fruibilità del servizio indipendentemente dalla localizzazione fisica delle strutture di produzione.

 

Al fine di evitare la dispersione di professionalità non facilmente replicabili, le Direzioni regionali possono procedere ad una razionalizzazione delle attività a bassa frequenza ed elevato grado di specializzazione, concentrandole in poli specialistici, per garantire l’ottimale impiego delle risorse e adeguati livelli qualitativi dei servizi.

 

In attuazione delle suddette linee organizzative, la Direzione regionale per il Friuli Venezia Giulia ha dato indicazioni perché, a decorrere dal 1° gennaio 2010, sia trasferita dalla Direzione provinciale di Gorizia a quella di Trieste la competenza esclusiva sulle pratiche di pensione trasmesse da enti previdenziali esteri, relativamente a residenti in Slovenia.

 

Rimangono in gestione a cura della Direzione provinciale di Gorizia tutte le domande pervenute entro il 31 dicembre 2009 e la trattazione delle pensioni già in carico a quella sede (incluse le domande di ricostituzione).

 

Peraltro, sarà attivo presso la Direzione provinciale di Gorizia un presidio al quale viene affidato il compito di gestire in modo ottimale la prima fase relativa al trasferimento di competenze.

 

Le nuove domande dei residenti in Slovenia, inclusi i formulari di collegamento, dovranno essere inoltrate al seguente indirizzo:

Direzione Provinciale INPS

Via S. Anastasio, 5

34132 Trieste

telef. 040 3781259/040 3781273/040 3781220

fax 040 3781380/ 040 3781200

mail: assicuratopensionato.trieste@inps.it

 

 

 

 

 

Il Direttore Generale

Nori