Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Banche dati documentali

Inps Servizi

Banche dati documentali


Messaggio numero 10025 del 13-04-2010

  
Attivando questo Link si può ricevere il documento in formato PDF

Direzione Centrale Entrate

Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

 





         Roma, 13-04-2010



         Messaggio n. 10025

 


 

OGGETTO:

Flusso UniEmens Individuale
-Modalità di esposizione incentivo art. 7 ter, co. 7, decreto legge n. 5 del 10 febbraio 2009, conv., con modd, con legge n. 33 del 9 aprile 2009.
-Chiarimenti e nuove codifiche per particolari situazioni contributive.

Si illustrano di seguito le  nuove informazioni che devono essere esposte nel flusso UniEmens Individuale; si precisa che le stesse sono già contenute nel documento tecnico release 1.1.1 del 2 aprile 2010.

 

 

1.                Modalità di esposizione incentivo art. 7 ter, co. 7, decreto legge n. 5 del 10 febbraio 2009, conv., con modd, con legge n. 33 del 9 aprile 2009.

 

A scioglimento della riserva di cui al punto 6.4 della circolare 5/2010, si forniscono le istruzioni cui dovranno attenersi i datori di lavoro non agricoli per indicare nel flusso Uniemens il conguaglio dell’incentivo in oggetto.

 

I datori di lavoro, nell’elemento <Incentivi> di <DatiRetributivi> di <DenunciaIndividuale>,  valorizzeranno i seguenti elementi:

 

<TipoIncentivo>

Elemento obbligatorio

Dovrà essere inserito il valore:

 

LASD

incentivo per assunzione di lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali in deroga, art. 7 ter, co. 7, decreto legge n. 5 del 10 febbraio 2009, conv., con modd, con legge n. 33 del 9 aprile 2009

 

<CodEnteFinanziatore>

Dovrà contenere un solo codice relativo allo Stato, alla Regione o alla Provincia autonoma su cui grava l’onere; il dato viene comunicato dall’INPS col provvedimento di ammissione alla fruizione dell’incentivo

 

H00

Stato

H01

regione Abruzzo

H02

regione Basilicata

H03

regione Calabria

H04

regione Campania

H05

regione Emilia Romagna

H06

regione Friuli Venezia Giulia

H07

regione Lazio

H08

regione Liguria

H09

regione Lombardia

H10

regione Marche

H11

regione Molise

H12

regione Piemonte

H13

regione Puglia

H14

regione Sardegna

H15

regione Sicilia

H16

regione Toscana

H17

regione Umbria

H18

regione Valle d'Aosta

H19

regione Veneto

H20

provincia auton. Trento

H21

provincia auton. Bolzano

 

<ImportoCorrenteIncentivo>

  Dovrà essere indicato l’importo del beneficio spettante per il mese corrente.

 

 

<ImportoArretrIncentivo>

  Dovrà essere indicato l’importo del beneficio spettante per i periodi pregressi.

 

 

I dati sopra esposti nell’UniEmens saranno riportati, nel DM10 “VIRTUALE” ricostruito dall’Istituto, con i seguenti nuovi codici:

 

 

-nel quadro “BC” con il codice statistico “LASD” in corrispondenza del quale è indicato il numero dei lavoratori;

 

 

-nel quadro “D” con i codici che seguono:

 

Periodi correnti                                Periodi arretrati

 

H800

Stato

H801

Abruzzo

H802

Basilicata

H803

Calabria

H804

Campania

H805

Emilia Romagna

H806

Friuli Venezia Giulia

H807

Lazio

H808

Liguria

H809

Lombardia

H810

Marche

H811

Molise

H812

Piemonte

H813

Puglia

H814

Sardegna

H815

Sicilia

H816

Toscana

H817

Umbria

H818

Valle d'Aosta

H819

Veneto

H820

provincia auton. Trento

H821

provincia auton. Bolzano

H830

Stato

H831

Abruzzo

H832

Basilicata

H833

Calabria

H834

Campania

H835

Emilia Romagna

H836

Friuli Venezia Giulia

H837

Lazio

H838

Liguria

H839

Lombardia

H840

Marche

H841

Molise

H842

Piemonte

H843

Puglia

H844

Sardegna

H845

Sicilia

H846

Toscana

H847

Umbria

H848

Valle d'Aosta

H849

Veneto

H850

provincia auton. Trento

H851

provincia auton. Bolzano


2.                Conguaglio prestazioni per donazione sangue, midollo osseo e versamento delle trattenute di pensione con riferimento a:

 

-         dipendenti per i quali non è dovuta né la contribuzione previdenziale né quella assistenziale

-         OTD e OTI di aziende agricole in genere e  OTD delle cooperative legge 240/1984.

Fino al 31/12/2009, le operazioni di conguaglio e versamento riferite a questi lavoratori venivano effettuate dai datori di lavoro attraverso l’utilizzo dei previsti codici del DM10.  Non era interessato il flusso Emens.

Con l’avvio dell’UniEmens Individuale, per identificare questa particolare tipologia di lavoratori, viene istituita la nuova qualifica “Z”, da indicare nell’elemento <Qualifica1>. Nessuna informazione deve essere esposta negli elementi <Qualifica2> e <Qualifica3>.

Si precisa che il flusso UniEmens Individuale deve essere inviato solo nel mese in cui si verifica uno degli eventi sopra riportati.

Ai fini del recupero delle prestazioni per donazione sangue e midollo osseo riferite a lavoratori contraddistinti dalla qualifica “Z”, devono essere validati solo i relativi elementi presenti nell’elemento di <DenunciaIndividuale>,<DatiRetributivi>, <MalACredito> <MalACredAltre>; per il versamento delle trattenute di pensione sarà valorizzato all’interno di <DenunciaIndividuale><DatiRetributivi><LavPensionato>, l’elemento <LavPensTrattenuta>.

 

3.                Lavoratori autonomi dello spettacolo.

 

Ai fini della informazioni riferite ai lavoratori autonomi dello spettacolo, si precisa che dovrà continuare ad essere utilizzata  la già prevista qualifica  “S”,  da indicare nell’elemento <Qualifica1>.

La  presenza di detta qualifica comporta, altresì, l’obbligo della valorizzazione degli elementi di <Denuncia Individuale>,<DatiRetributivi>,<AltreADebito>

<CausaleADebito>,<NumGG>, <AltroImponibile>, <ImportoADebito>.

Nessun dato, invece, deve essere indicato negli elementi <Denuncia Individuale>,<Dati Retributivi>, <Imponibile>, <Contributo>.

 

 

4.      Ripristino tipi contribuzione già cessati, con l’attribuzione di nuovi significati.

 

Per la gestione di particolari situazioni contributive riferite ai  soggetti sotto elencati si  è, altresì, reso necessario  ripristinare alcuni codici tipo contribuzione non più in uso :

    

         A) Dirigenti industriali già iscritti all’Inpdai alla data del 31/12/2002

    

T.C.

Nuovo significato

11

Dirigenti già iscritti all’ex Inpdai alla data del 31.12.2002 per i quali è dovuta la sola contribuzione I.V.S.

Il tipo contribuzione deve essere utilizzato esclusivamente  da Enti Pubblici e su posizioni contraddistinte dal c.a. 9U.

14

Dirigenti già iscritti all’ex Inpdai alla data del 31.12.2002 dipendenti da cooperative ex lege 240/1984 per i quali è dovuta anche la contribuzione di finanziamento del  Fondo di Garanzia (1).

Il tipo contribuzione deve essere utilizzato solo sulle posizioni contraddistinte dal csc 5.01.02 e dal c.a. 5R.

            

        I tipi contribuzione 11” e 14” sono accettati solo se presente nell’elemento    

            <Qualifica1> il valore  3”.

         B) Lavoratori che, a seguito di  processi di privatizzazione, hanno optato per mantenere all’INPDAP la sola contribuzione pensionistica ovvero anche  quella di finanziamento del  trattamento di fine servizio  

 

T.C.

Nuovo Significato

21

No IVS

Lavoratori che hanno optato per mantenere la sola contribuzione pensionistica all’INPDAP)

22

No IVS  No Fondo Garanzia

Lavoratori che hanno optato per mantenere all’INPDAP la contribuzione pensionistica e quella di finanziamento del  trattamento di fine servizio

 

            I tipi contribuzione 21” e “22” saranno accettati solo se presente nell’elemento

            <Qualifica1> uno dei  valori “1” -2” – “3”.

 

Si precisa, da ultimo, che il tipo contribuzione  51” continuerà ad essere utilizzato esclusivamente  per il versamento della contribuzione dovuta per i lavoratori U.S.A. occupati in Italia.

 

Eventuali note di rettifica emesse dovranno essere definite in base alle indicazioni sopra illustrate.

 

5. Restituzione prestazioni. Istituzione di nuovi codici di regolarizzazione.

 

Per la restituzione di prestazioni, anticipate dai datori di lavoro per conto dell’INPS e già poste a  conguaglio, sono stati istituiti i seguenti nuovi codici (2):  

    

Codice

Descrizione

E791

Restituzione indennità donatori sangue  (S110)

E792

 

Restituzione indennità di allattamento (D800)

 

E793

Restituzione:

- indennità maternità facoltativa per bambini fino a 3 anni

  con handicap art. 33 c.2  L.104/92 (L053)

 

- permessi di due ore giornaliere per bambini fino a 3 anni

  con handicap art.33 c. 2 L104/92 (L054)

 

- permessi per figli maggiori di 3 anni e parenti entro il terzo

  grado art.33 c.3 L104/92 (L056)

 

- permessi orari per handicappati che lavorano art. 33 c. 6 L

  104/92 (L057)

 

- permessi di tre giorni al mese per handicappati che

  lavorano art.33 c.6 L 104/92 (L058)

 

E794

 

Restituzione assegno congedo matrimoniale (L051)

 

Per la restituzione dell’indennità di maternità facoltativa (congedo parentale) sarà utilizzato il codice E776, già previsto per la maternità obbligatoria.

Nel flusso Uniemens Individuale il codice “E791”  deve essere valorizzato nell’elemento <DenunciaIndividuale>,<Dati Retributivi>,<Malattia>,<MalADebito>,<CausaleVersMal>.

I  codici E792” "E793" vanno  valorizzati nell’Elemento <DenunciaIndividuale>,<Dati Retributivi>, <Maternità>,<MatADebito>, <CausaleVersMat>.

Il codice "E794" va valorizzato nell'elemento,<DenunciaIndividuale>,<Dati Retributivi>, <AltreADebito>, <CausaleADebito>.

 

 

6.      CIGS in deroga a conguaglio.

 

Ad integrazione del messaggio n. 6556 del 09/03/2007 si precisa che, nell’ipotesi di CIG in deroga di prima concessione,  ai fini delle operazioni di conguaglio, dovrà essere valorizzato anche il nuovo codice GF02” nell’elemento  <CausaleStatCIGS>, <CIGSDatiStat>, <CIGSACreditoAltre> di <Denuncia Individuale>.

 

Eventuali denunce riciclate, anche per periodi precedenti,  dovranno essere definite riportando il suddetto codice nel “quadro B/C” ed indicando il numero delle ore conguagliate con il codice G802 del “quadro D”.

 

Le Sedi provvederanno ad attribuire il c.a. 1J alle posizioni aziendali inquadrate in settori non  soggetti alla contribuzione CIG e che nell’anno precedente hanno avuto in forza un numero medio complessivo di lavoratori non superiore a 50.

Con l’attribuzione di tale codice viene riconosciuto il contributo addizionale nella misura del 3% anziché 4,50%.

 

7.    Personale assicurato IPSEMA.

 

Al fine di gestire le particolari situazioni contributive relative ad aziende che, pur occupando personale impiegato in attività di bordo,  sono inquadrate ai fini previdenziali  in settori diversi da quello marittimo (3), si è reso  necessario riattivare il codice di autorizzazione  8Y” che, da gennaio 2009, assume il nuovo significato di “esclusione dalla contribuzione indennità malattia e maternità per obbligo versamento della contribuzione all’IPSEMA”

A titolo di esempio, il suddetto codice deve essere utilizzato  per le posizioni riferite ad imprese che svolgono attività accessorie su navi da crociera, navi traghetto (bar, ristoranti, ecc.).

Eventuali note di rettifica emesse dovranno essere definite attribuendo il suddetto codice.

 

8.    Personale docente e non docente delle scuole statali che effettua supplenze brevi e saltuarie.

 

A parziale modifica di quanto disposto con messaggio n. 25110 del 6 luglio 2005, con l’avvio del flusso UniEmens Individuale, si precisa che per il personale con contratto part-time, nell’elemento <Qualifica2> deve essere presente il valore “P – V – M” con riferimento alla tipologia contrattuale.

9.    Restituzione contribuzione CUAF Aziende del Credito e Assicurazioni.

 

Le Aziende del Credito e delle Assicurazioni tenute al versamento della contribuzione CUAF sulla retribuzione persa dal lavoratore, al fine del recupero delle eventuali somme versate in eccedenza devono utilizzare la nuova codifica “L044” avente il significato di “recupero contributo CUAF versato in eccedenza , da valorizzare nell’elemento  <CausaleRecANF>, <ANFACredAltre>,  <ANFACredito>, <GestioneANF>. Tale causale sarà documentata nella prossima versione del doc.tecnico UNIEMENS.

 

10.     Chiarimenti codifica DM10 “virtuale”

 

Si forniscono chiarimenti in merito alle codifiche riportate nel DM10 “virtuale” ricostruito dall’INPS, nelle ipotesi sotto elencate:

 

-          la causale FERIE  di <VarRetributive>  genera nel quadro “D” del DM10 virtuale i previsti codici L480 e  L481 con l’importo indicato in <ContributoVarRetr>

-          la causale IMPNEG di <VarRetributive>  genera nel quadro “D” del DM10 virtuale gli stessi codici L480 o L481 previsti per la causale FERIE con l’importo indicato in <ContributoVarRetr>

-          la causale DIMMAS   di <VarRetributive>  genera nel quadro “D” del DM10 virtuale i previsti codici L952  e  L953 con l’importo indicato in <ContributoVarRetr>

-          la causale AUMMAS  di <VarRetributive>  genera nei quadri “B-C” del DM10 virtuale i codici previsti sul DM10 per la regolarizzazione del contributo aggiuntivo M951, M952 ecc, con l’importo indicato in <ContributoVarRetr>

-          i contributi presenti nell’elemento <Contrib1PerCento> e    <Regolarizz1PerCento> generano i codici già previsti nel DM10 (vedi punti 3 e 3.1. circ. n. 7 del 7 del 15.1.2010).

Si precisa inoltre che,  nei casi sopra riportati, ove trattasi di dirigenti (qualifica 3) senza tipo contribuzione e tipo lavoratore, nel DM10 virtuale saranno sempre riportati  i codici previsti per i dirigenti di aziende industriali. Ovviamente, la ripartizione contabile sarà effettuata tenendo conto dell’inquadramento dell’azienda. 

 

                                                                   IL DIRETTORE GENERALE

                                                                                Nori

        

 

        

(1)    si ricorda che la contribuzione (0,40%) può essere oggetto di misure compensative a seguito di destinazione del Tfr a Previdenza Complementare o al Fondo di Tesoreria.

(2)    I codici  saranno  imputati dalla procedura di ripartizione ai seguenti conti già esistenti:

 

codice

Conto

E791

PTP 24/033

E792

PTP 30012720

E793

PTP 30019790

E794

PTP 30/031

PTP 30/081

 

(3) il codice non deve essere attribuito per le attività di draghe, pontoni, ecc. in quanto i lavoratori occupati in tali attività, non sono considerati marittimi ai sensi della legge 26 luglio 1984 n. 413.