Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Banche dati documentali

Inps Servizi

Banche dati documentali


Messaggio numero 2509 del 02-02-2011

  
Attivando questo Link si può ricevere il documento in formato PDF

Direzione Centrale Entrate

 





         Roma, 02-02-2011



         Messaggio n. 2509

 


 

OGGETTO:

Sisma Abruzzo 2009 - Sospensione della riscossione delle rate già previste dall'articolo 39, commi 3-bis, 3-ter e 3-quater, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.

 

                                     
                                                                  Ai Direttori Centrali
    Ai Direttori Regionali
                                     Ai Direttori Provinciali
                                     Ai Direttori delle Agenzia
 
 
 
 
Con circolare n. 117 del 17 agosto 2010 sono state illustrate, tra l’altro, le modalità di recupero dei contributi sospesi in relazione al sisma che ha colpito la Regione Abruzzo in data 6 aprile 2009.
 
In particolare, la legge n. 122/2010, ai commi 3 bis e 3 quater, ha disposto che la riscossione dei contributi sospesi - sia per il periodo da aprile 2009 a giugno 2010, sia per quello più ampio fino a dicembre 2010 – debba avvenire in 120 rate mensili costanti dal mese di gennaio 2011, senza applicazione di sanzioni, interessi ed oneri accessori.
 
L’art. 2, c. 3, del D.L. 29 dicembre 2010, n. 225 (c.d. mille proroghe) ha però sospeso la riscossione delle rate in scadenza tra il mese di gennaio 2011 ed il mese di giugno 2011, affidando ad uno specifico emanando decreto del Presidente del Consiglio dei ministri la disciplina della ripresa della riscossione delle rate non versate ai sensi della disposizione in esame.
 
Ne consegue che la prima rata da versare - con le modalità già indicate nella citata circolare n. 117/2010 - risulta essere quella in scadenza nel mese di luglio 2011; l’Istituto fornirà comunque le necessarie informazioni ed istruzioni in merito all’avvenuta emanazione e ai contenuti del decreto del Presidente del Consiglio di cui sopra.
 
 
 
Il Direttore generale
          Nori