Trova in INPS
/ Schede News / Pagamento con RID bancario

Versione Testuale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Banche dati documentali Inps Servizi Banche dati documentali

Messaggio numero 4786 del 20-05-2014


Attivando questo Link si puo' ricevere il documento in formato PDF

Direzione Centrale Pensioni
Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali
Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici
Roma, 20-05-2014
Messaggio n. 4786
Allegati n.2
OGGETTO:

Pagamento attraverso RID bancario dei contributi da riscatto, ricongiunzione e rendite vitalizie. Rimessione nei termini per il versamento delle rate di onere per quei soggetti a cui è stata revocata d’ufficio la delega RID inizialmente rilasciata senza sottoscrizione della clausola dell’importo fisso predeterminato.

   

Il messaggio n.018529 del 15 novembre 2013, avente ad oggetto “Pagamento attraverso RID bancario dei contributi da riscatto, ricongiunzione dei periodi assicurativi e rendite vitalizie. Sottoscrizione della clausola dell’importo fisso predeterminato per assicurare la continuità dei versamenti” ha reso note le modalità  per consentire agli utenti la modifica  delle deleghe RID già attive presso i propri istituti bancari ma sprovviste della sottoscrizione della clausola in deroga, indispensabile per l’Istituto,  dell’importo fisso predeterminato, grazie alla quale il contribuente non può rifiutare l’addebito nei tempi stabiliti dalla PSD  (Payment Services Directive).

 


A causa della complessità dell’operazione e dei tempi ristretti  con i quali  è stata realizzata, sono state rilevate difficoltà di varia natura nella gestione della continuità dei pagamenti a carico dell’utenza.

 

Attese le conseguenze pregiudizievoli derivanti dal tardivo o mancato pagamento degli oneri di riscatto e ricongiunzione ( archiviazioni e/o decadenze ), si consente agli assicurati ai quali sia stata disattivata d’ufficio  la delega Rid a dicembre 2013 di provvedere al pagamento di tutte le  rate non pagate per i mesi da dicembre 2013 a maggio 2014, entro e non oltreil 31 luglio 2014 (le rate versate in ritardo nel suddetto intervallo temporale saranno invece considerate come tempestivamente e regolarmente versate).

 

Con successiva comunicazione sarà fornito alle strutture territoriali l’elenco contenente i nominativi dei soggetti interessati affinché siano contattati (telefonicamente, per posta elettronica o cartacea come da fac-simile in allegato n.1) ed informati della possibilità di effettuare i pagamenti mancanti entro il termine stabilito. 

 

Apposito avviso sarà pubblicato sul portale dei Pagamenti sul sito internet dell’Istituto.  

 

Si raccomanda la massima attenzione nella gestione dell’operazione affinché i soggetti interessati siano puntualmente e tempestivamente informati sul contenuto del presente messaggio.

 

In ultimo, al fine di fornire ogni utile informazione all’utente che debba attivare (o riattivare) presso il suo istituto di credito la delega RID con la sottoscrizione della clausola dell’importo fisso predeterminato, si allega un fac-simile di modulo RID con le indicazioni per la sua corretta compilazione.

 

  Il Direttore Generale  
  Nori  


Allegato N.1


Istituto Nazionale Previdenza Sociale

Sede

 

Città,  data                                                             

 

 

Al/la Signor/ra

Nome Cognome

Indirizzo

CAP CITTÀ

 

 

 

                                              

                                                                                                      

                           

Gentile signor/a,

a seguito dellarevoca d’ufficio, disposta a dicembre 2013, della delega RID da Lei rilasciata al Suo istituto di credito in quanto sprovvista della sottoscrizione della clausola in deroga dell’importo fisso predeterminato, risultano non versate delle rate di onere per operazioni di riscatto/ricongiunzione.

 

Al fine di non incorrere nelle conseguenze previste dalla normativa in materia per i casi di tardivo o mancato pagamento  degli oneri di riscatto/ricongiunzione, Lei ha la possibilità di sanare la situazione debitoria relativa a  tutte le  rate non pagate per i mesi da dicembre 2013 a maggio 2014, provvedendo al versamento entro e non oltreil 31 luglio 2014.

 

 

I nostri uffici di Sede sono comunque a Sua disposizione per qualsiasi altra informazione e/o chiarimento.

 

 

Cordiali saluti

 Il direttore