Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Banche dati documentali

Inps Servizi

Banche dati documentali


Circolare numero 111 del 14/10/2009


Attivando questo Link si può ricevere il documento in formato PDF

 

 

Direzione Centrale

Entrate

 

Direzione Centrale

Sistemi Informativi e Tecnologici

 

 

 

 

Ai

Dirigenti centrali e periferici

 

Ai

Direttori delle Agenzie

 

Ai

Coordinatori generali, centrali e

Roma, 14/10/2009

 

periferici dei Rami professionali

 

Al

Coordinatore generale Medico legale e

 

 

Dirigenti Medici

 

 

 

Circolare n. 111 

 

e, per conoscenza,

 

 

 

 

Al

Commissario Straordinario

 

Al

Presidente e ai Componenti del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza

 

Al

Presidente e ai Componenti del Collegio dei Sindaci

 

Al

Magistrato della Corte dei Conti delegato all’esercizio del controllo

 

Ai

Presidenti dei Comitati amministratori

 

 

di fondi, gestioni e casse

 

Al

Presidente della Commissione centrale

 

 

per l’accertamento e la riscossione

 

 

dei contributi agricoli unificati

 

Ai

Presidenti dei Comitati regionali

Allegati n. 1

Ai

Presidenti dei Comitati provinciali

 

 

 

OGGETTO:

Aziende agricole – Modalità operative con le quali le aziende agricole possono fruire dello sgravio contributivo - introdotto dalla legge n. 247/2007 in sostituzione della decontribuzione dei premi di risultato - autorizzato dall’Istituto.

 

 

SOMMARIO:

1-Premessa

2-Adempimenti delle aziende

3-Adempimenti delle sedi

 

 

1-PREMESSA

 

L’articolo 1, comma 67 della legge 24 dicembre 2007, n. 247, ha disposto - con effetto dal 1° gennaio 2008 - l'abrogazione del regime contributivo delle erogazioni previste dai contratti di secondo livello di cui all'articolo 2 del DL 25 marzo 1997, n. 67, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 maggio 1997, n. 135 (decontribuzione) e, in sua sostituzione, ha introdotto - in via sperimentale per il

triennio dal 2008 al 2010, a domanda delle aziende - uno sgravio contributivo entro i limiti delle risorse stabilite dalla legge.

 

Con le circolari n. 82 del 6 agosto 2008 e n. 110 del 12 dicembre 2008 sono state fornite le modalità per richiedere lo sgravio previsto dalla legge, le istruzioni per il calcolo e sono stati illustrati i contenuti del beneficio.

 

Con la presente circolare si illustrano, quindi, le modalità operative che, a seguito dell’ammissione all’incentivo, i datori di lavoro del settore agricolo dovranno osservare per la concreta fruizione del beneficio contributivo ex

lege n. 247/2007.

 

Si ricorda, altresì, che la fruizione del beneficio soggiace alla previsione di cui all’art.1 comma 1175 della legge n. 296/2006 in materia di regolarità contributiva e di rispetto della parte economica degli accordi e contratti collettivi.

 

 

2-ADEMPIMENTI DELLE AZIENDE

 

Per gli sgravi autorizzati per l’anno 2008 le aziende dovranno presentare alle strutture territoriali competenti per territorio un’istanza cartacea sull’apposito modello allegato alla circolare.

 

L’azienda dovrà indicare i seguenti dati:

 

 

Si rammenta che il datore di lavoro avrà cura di restituire al lavoratore la quota di beneficio di sua competenza.

 

 

3-ADEMPIMENTI DELLE SEDI

 

 

Le sedi provvederanno all’acquisizione dell’importo dello sgravio spettante relativo alla quota a carico del datore di lavoro e del lavoratore utilizzando la procedura residente in ex-AS400 opzione 24 - consultazione emissione sgravi.

L’operatore dovrà apporre al momento della selezione della riga contributiva una “X” sul lato sinistro e, successivamente, indicare le lettere di seguito specificate che contraddistinguono il tipo di sgravio:

 

·         “C” – sgravio per contrattazione aziendale;

·         “T” -  sgravio per contrattazione territoriale.

 

Successivamente le sedi procederanno ad  acquisire l’importo degli sgravi   indicato nell’istanza e distinto fra quota datore di lavoro e quota lavoratore; le altre tipologie di sgravio attualmente visualizzate nella procedura – importo INAIL e TFR -  saranno inibite.

 

Le sedi avranno cura di comunicare all’azienda l’importo dell’eventuale credito residuo, che potrà essere oggetto di compensazione con i debiti contributivi maturati successivamente o potrà, in caso di azienda cessata, essere richiesto a rimborso.

 

Per gli sgravi che verranno autorizzati per gli anni 2009 – 2010 saranno impartite successive disposizioni.

 

 

 

 

 

Il Direttore Generale Vicario

Nori

 

 

Allegato N.1