Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Banche dati documentali

Inps Servizi

Banche dati documentali


Circolare numero 140 del 21-12-2007.htm

  
Variazione del tasso di interessi legali dal 1° gennaio 2008. Riflessi sul calcolo delle somme aggiuntive per omesso o ritardato versamento dei contributi previdenziali e assistenziali.   

Attivando questo Link si può ricevere il documento in formato PDF

 

 

Direzione Centrale Entrate Contributive

 

 

 

Ai

Dirigenti centrali e periferici

 

Ai

Direttori delle Agenzie

 

Ai

Coordinatori generali, centrali e

Roma, 21 Dicembre 2007

 

periferici dei Rami professionali

 

Al

Coordinatore generale Medico legale e

 

 

Dirigenti Medici

 

 

 

Circolare n.  140

 

e, per conoscenza,

 

 

 

 

Al

Presidente

 

Ai

Consiglieri di Amministrazione

 

Al

Presidente e ai Componenti del Consiglio

 

 

di Indirizzo e Vigilanza

 

Al

Presidente e ai Componenti del Collegio dei Sindaci

 

Al

Magistrato della Corte dei Conti delegato

 

 

all’esercizio del controllo

 

Ai

Presidenti dei Comitati amministratori

 

 

di fondi, gestioni e casse

 

Al

Presidente della Commissione centrale

 

 

per l’accertamento e la riscossione

 

 

dei contributi agricoli unificati

 

Ai

Presidenti dei Comitati regionali

 

Ai

Presidenti dei Comitati provinciali

 

 

OGGETTO:

Variazione del tasso di interessi legali dal 1° gennaio 2008. Riflessi sul calcolo delle somme aggiuntive per omesso o ritardato versamento dei contributi previdenziali e assistenziali.

 

 

SOMMARIO:

Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 12 dicembre 2007.

Variazione del tasso interessi legali al 3% con decorrenza dal 1° gennaio 2008.

 

 

Sulla Gazzetta Ufficiale n.291 del 15 dicembre 2007 è stato pubblicato il Decreto del 12 dicembre 2007 con il quale il Ministro dell’Economia e delle Finanze ha fissato nella misura del 3% in ragione d’anno il saggio degli interessi legali, a decorrere dal 1° gennaio 2008.

 

Il nuovo tasso sarà, quindi, applicato nei casi previsti dalla vigente normativa, ai crediti contributivi il cui pagamento avverrà dal 1° gennaio in poi.

 

Si rammenta che la riduzione delle sanzioni civili fino alla misura prevista per gli interessi legali, può essere concessa, nei casi previsti dall’art.116, comma 15, della legge n.388/2000, a condizione che siano stati integralmente versati i contributi dovuti alle gestioni previdenziali ed assistenziali e sulla base delle delibere adottate dai Consigli di Amministrazione in applicazione di direttive ministeriali.

 

Le direttive cui si deve fare riferimento sono state emanate dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministro del Tesoro, Bilancio e della Programmazione Economica e in base ad esse il Consiglio di Amministrazione ha approvato una delibera che disciplina dettagliatamente la materia (vedi circolare n.88 del 9 maggio 2002).

 

Il Direttore generale

Crecco