950726
DIREZIONE CENTRALE
 CONTRIBUTI
Circolare n. 205
AI DIRIGENTI CENTRALI E PERIFERICI
AI COORDINATORI GENERALI, CENTRALI
   E PERIFERICI DEI RAMI PROFESSIONALI
AI PRIMARI COORDINATORI GENERALI
   E PRIMARI MEDICO LEGALI
           e, per conoscenza
AL PRESIDENTE
AI CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE
AL PRESIDENTE E AI MEMBRI DEL CONSIGLIO
   DI INDIRIZZO E VIGILANZA
AI PRESIDENTI DEI COMITATI REGIONALI
AI PRESIDENTI DEI COMITATI PROVINCIALI
Modalita' di compilazione della denuncia di mod.
DM10/2 nei casi di inosservanza dei minimali
conseguente alla erogazione di trattamenti
integrativi di prestazioni mutualistiche
DIREZIONE CENTRALE
 CONTRIBUTI
Roma, 25 luglio 1995  AI DIRIGENTI CENTRALI E PERIFERICI
Circolare n. 205      AI COORDINATORI GENERALI, CENTRALI
                         E PERIFERICI DEI RAMI PROFESSIONALI
                      AI PRIMARI COORDINATORI GENERALI
                         E PRIMARI MEDICO LEGALI
                                 e, per conoscenza
                      AL PRESIDENTE
                      AI CONSIGLIERI DI AMMINISTRAZIONE
                      AL PRESIDENTE E AI MEMBRI DEL CONSIGLIO
                         DI INDIRIZZO E VIGILANZA
                      AI PRESIDENTI DEI COMITATI REGIONALI
                      AI PRESIDENTI DEI COMITATI PROVINCIALI
OGGETTO:  Modalita' di compilazione della denuncia di mod.
          DM10/2 nei casi di inosservanza dei minimali
          conseguente alla erogazione di trattamenti
          integrativi di prestazioni mutualistiche
     L'obbligo di osservare il minimale giornaliero di
retribuzione ai fini contributivi non deve essere osservato,
come e' noto, in caso di erogazione da parte del datore di
lavoro di trattamenti integrativi di prestazioni mutualisti-
che d'importo inferiore al predetto limite (cfr. circolare n.
9674 C e V. del 6 maggio 1978, in A.U. 1978, pag. 939 e Circ.
n. 806 R.C.V del 21 luglio 1986 in A.U. 1986, pag. 2043).
     In relazione a cio' ed al fine di evitare che, in
particolari situazioni aziendali (l'ipotesi si verifica nel
caso in cui i dipendenti occupati nel mese siano totalmente o
prevalentemente con retribuzioni ridotte), la procedura
automatizzata emetta note di rettifica per adeguamento ai
minimali, note che poi devono essere annullate, si forniscono
particolari istruzioni per consentire ai datori di lavoro,
nella compilazione del mod. DM10/2, l'esposizione separata
dei lavoratori per i quali vi sia stata l'erogazione nel mese
di trattamenti integrativi di prestazioni mutualistiche.
     In particolare, i datori di lavoro si atterranno alle
seguenti modalita':
- esporranno, separatamente, i dati relativi ai dipendenti
per i quali nel corso del mese vi siano state giornate
caratterizzate da retribuzione ridotta, utilizzando  uno dei
righi in bianco dei quadri "B-C" del mod. DM10/2 e facendo
precedere i dati stessi dai codici di nuova istituzione
appresso indicati:
100M  OP. RETR. RID.
200M  IMP. RETR. RID.
700M  EQUIP. RETR. RID.
800M  VIAGG. RETR. RID.
O00M  OP. P.T. R.R.
Y00M  IMP. P.T. R.R.
R00M  IMP. L. 56/87 R.R.
W00M  OP. L. 56/87 R.R.
     Ove sia necessario, in relazione a situazioni contribu-
tive particolari, sara' utilizzato, in luogo dei caratteri
"00", uno dei codici tipo contribuzione previsto nell'alle-
gato 6 alle "Istruzioni per la compilazione delle denunce DM
10/89 - Ed. gennaio 1989 - ovvero successivamente istituito.
     Qualora i datori di lavoro debbano esporre nei quadri
"B-C" del modello DM10/2 i dati relativi alla contribuzione
previdenziale separatamente da quelli riguardanti la contri-
buzione per le prestazioni economiche di malattia, maternita'
e Gescal, i dati concernenti la contribuzione dei lavoratori
a retribuzione ridotta devono essere esposti separatamente da
quelle degli altri lavoratori, con l'indicazione di uno dei
seguenti codici di nuova istituzione:
P30M, P31M, P32M        Contributo di malattia
P40M, P41M, P42M, P43M  Contributo di maternita'
P50M, P51M, P52M, P53M  Contributo Gescal.
     Nelle apposite caselle dovra' essere indicato il numero
dei dipendenti, il numero delle giornate complessivamente
retribuite (sia in misura intera che in misura ridotta)
ovvero il numero delle giornate nelle quali si collocano le
ore  retribuite per il personale a tempo parziale, l'ammon-
tare delle retribuzioni complessivamente corrisposte nel mese
(sia in misura intera che ridotta) ed il corrispondente
importo dei contributi.
     Per il versamento dei contributi per le prestazioni del
Servizio sanitario continueranno ad essere osservate le
consuete modalita'.
                           IL DIRETTORE GENERALE
                                 TRIZZINO