Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Banche dati documentali

Inps Servizi

Banche dati documentali


Circolare numero 32 del 25-2-2009.htm

  
CONVENZIONE FRA L’INPS E LA UNIONE NAZIONALE IMPRESE DI MECCANIZZAZIONE AGRICOLA (UNIMA), PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI ASSOCIATIVI DEI COLTIVATORI DIRETTI E DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI,  AI SENSI DELL’ ART. 11 DELLA LEGGE 12 MARZO 1968, n.334.   

Attivando questo Link si può ricevere il documento in formato PDF

 

Direzione centrale Organizzazione

Direzione centrale Entrate

Direzione centrale

Bilanci e Servizi fiscali

Direzione centrale

Sistemi Informativi e Tecnologici

 

 

 

Ai

Dirigenti centrali e periferici

 

Ai

Direttori delle Agenzie

 

Ai

Coordinatori generali, centrali e

Roma, 25 Febbraio 2009

 

periferici dei Rami professionali

 

Al

Coordinatore generale Medico legale e

 

 

Dirigenti Medici

 

 

 

Circolare n.  32

 

e, per conoscenza,

 

 

 

 

Al

Commissario Straordinario

 

Al

Presidente e ai Componenti del Consiglio di

Indirizzo e Vigilanza

 

Al

Presidente e ai Componenti del Collegio dei Sindaci

 

Al

Magistrato della Corte dei Conti delegato

 

 

all’esercizio del controllo

 

Ai

Presidenti dei Comitati amministratori

 

 

di fondi, gestioni e casse

 

Al

Presidente della Commissione centrale

 

 

per l’accertamento e la riscossione

 

 

dei contributi agricoli unificati

 

Ai

Presidenti dei Comitati regionali

Allegati 1

Ai

Presidenti dei Comitati provinciali

 

 

 

OGGETTO:

CONVENZIONE FRA L’INPS E LA UNIONE NAZIONALE IMPRESE DI MECCANIZZAZIONE AGRICOLA (UNIMA), PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI ASSOCIATIVI DEI COLTIVATORI DIRETTI E DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI,  AI SENSI DELL’ ART. 11 DELLA LEGGE 12 MARZO 1968, n.334.

 

SOMMARIO:

Disposizioni in materia di gestione delle deleghe, riscossione e trasferimento alla UNIMA dei contributi associativi dei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli.

 

 

Il 25 novembre 2008 tra l’INPS e la UNIMA è stata stipulata una convenzione, ai sensi di quanto stabilito dall’ art. 11 della  legge 12 marzo 1968 n. 334, per la riscossione dei contributi associatividei coltivatori diretti e degli imprenditori agricoli. La convenzione ha carattere nazionale.

 

Si ricordano le seguenti disposizioni:

 

  1. La riscossione del contributo sarà effettuata congiuntamente alla riscossione dei contributi obbligatori con le modalità previste per gli stessi. Sull’avviso di pagamento, inviato ai contribuenti, l’Istituto indicherà l’ammontare del contributo associativo con la specifica dizione: “quota associativa UNIMA”.

 

  1. La circostanza che l’esazione del contributo avvenga congiuntamente a quella dei contributi obbligatori non altera la natura volontaria del contributo associativo ed è pertanto escluso per l’Istituto qualsiasi obbligo di esazione coattiva del contributo associativo stesso.

 

  1. L’Associazione farà pervenire alla Sede Centrale – Direzione centrale sistemi informativi e tecnologici– entro il 10 gennaio (e, per la parte residua, entro il 30 marzo di ciascun anno), i supporti informatici contenenti i dati identificativi degli associati per i quali chiede la riscossione delle deleghe, nonché i nominativi di coloro che hanno revocato l’adesione o hanno dichiarato di non voler pagare più la quota associativa.

 

  1. La Direzione centrale sistemi informativi e tecnologici renderà disponibili per le Strutture INPS territorialmente competenti, il contenuto dei supporti informatici affinché le stesse provvedano alla conferma degli associati.

 

  1. Le deleghe sottoscritte da ogni socio, controfirmate e timbrate dalla competente struttura della UNIMA, verranno presentate dall’Associazione alle Strutture INPS, competenti per territorio, entro il 30 marzo.

 

  1. Gli adempimenti relativi alla tenuta e alla definizione dei rapporti finanziari con la UNIMA, saranno curati direttamente dalla Sede centrale – Direzione centrale bilanci e servizi fiscali.

 

  1. La convenzione ha validità annuale. La richiesta di rinnovo, da parte della UNIMA, dovrà pervenire all’Istituto, a mezzo di lettera raccomandata, entro il 30 settembre di ogni anno, cioè almeno tre mesi prima della scadenza.

 

 

                                                                                   Il Direttore generale

                                                                                              Crecco

 

Allegato N.1