Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Banche dati documentali

Inps Servizi

Banche dati documentali


Circolare numero 35 del 26-2-2009.htm

  
Sisma Marche ed Umbria 1997. Soggetti interessati  alla definizione agevolata in seguito alle modificazioni introdotte dalla legge 22.12.2008 n.201 di conversione del D.L. 162/2008.    

Attivando questo Link si può ricevere il documento in formato PDF

 

Direzione centrale Entrate

 

 

 

Ai

Dirigenti centrali e periferici

 

Ai

Direttori delle Agenzie

 

Ai

Coordinatori generali, centrali e

Roma, 26 Febbraio 2009

 

periferici dei Rami professionali

 

Al

Coordinatore generale Medico legale e

 

 

Dirigenti Medici

 

 

 

Circolare n.  35

 

e, per conoscenza,

 

 

 

 

Al

Commissario Straordinario

 

Al

Presidente e ai Componenti del Consiglio di

Indirizzo e Vigilanza

 

Al

Presidente e ai Componenti del Collegio dei Sindaci

 

Al

Magistrato della Corte dei Conti delegato

 

 

all’esercizio del controllo

 

Ai

Presidenti dei Comitati amministratori

 

 

di fondi, gestioni e casse

 

Al

Presidente della Commissione centrale

 

 

per l’accertamento e la riscossione

 

 

dei contributi agricoli unificati

 

Ai

Presidenti dei Comitati regionali

 

Ai

Presidenti dei Comitati provinciali

 

 

OGGETTO:

Sisma Marche ed Umbria 1997. Soggetti interessati  alla definizione agevolata in seguito alle modificazioni introdotte dalla legge 22.12.2008 n.201 di conversione del D.L. 162/2008. 

 

SOMMARIO:

Si illustra il disposto della Legge 22 dicembre 2008 n. 201, di conversione, con modificazioni, del  Dl n. 162 del 23 ottobre 2008. Differimento termini di pagamento.

 

 

 

Con circolare n. 103 del 27 novembre 2008 sono state portate a conoscenza delle sedi le disposizioni contenute nel D.L. 8 aprile 2008 n. 61, convertito nella legge 6 giugno 2008 n. 103. Detto decreto ha previsto, all’art. 2 comma 1, per i soggetti aventi diritto alla sospensione contributiva per il sisma in oggetto, la possibilità di estinguere l’obbligazione contributiva versando soltanto il 40% del debito residuo al netto dei pagamenti effettuati fino al 10 aprile 2008, in 120 rate mensili uguali e consecutive. Tale facoltà poteva essere esercitata anche se i contributi di cui trattasi fossero stati iscritti a ruolo.

 

La  scadenza della prima rata, originariamente fissata al 16 gennaio 2009, è stata poi prorogata al 16 giugno 2009 dall’art. 3, comma 2 del decreto-legge 23 ottobre 2008, n. 162 convertito con modificazioni nella legge  22 dicembre 2008 n. 201(1), ferme restando le altre disposizioni.

 

Una delle modificazioni introdotte dalla legge di conversione, con il comma 2 bis, riguarda l’ampliamento della platea dei soggetti beneficiari.

La disposizione, infatti, prevede che anche i dipendenti pubblici, in palese deroga all’art. 6 bis della legge 290/2006, possano avvalersi della definizione agevolata e versare, quindi, il 40% del dovuto in 120 rate mensili, di cui la prima con scadenza 16 giugno 2009.

 

Ciò comporta che, in tutti i casi in cui è stato sospeso il versamento delle quote del pubblico dipendente, anche in assenza di sospensione della  contribuzione  a carico dell’ente, il beneficio può essere concesso.

Per conoscere la platea dei beneficiari, è necessario che le singole amministrazioni aventi sede nei territori interessati dalla calamità in oggetto, presentino apposita richiesta con l’indicazione della somma dovuta e del numero di rate con le quali intendono regolarizzare, fino ad un massimo di 120.

 

 

                                                                                   Il Direttore generale

                                                                                              Crecco

 

 

 

 

 

(1) GU n.  298 del 22/12/2008