970414
DIREZIONE CENTRALE
PRESTAZIONI TEMPORANEE
970409
Circolare n. 91
Ai Dirigenti centrali e periferici
Ai Coordinatori generali, centrali e
   periferici dei Rami professionali
Al Coordinatore generale medico-
   legale Primari Medico-legali
   e, per conoscenza,
Al Presidente
Ai Consiglieri di amministrazione
Al Presidente e ai Membri del
   Consiglio di Indirizzo e Vigilanza
Ai Presidenti dei Comitati
   Amministratori di Fondi, Gestioni
   e Casse
Ai Presidenti dei Comitati regionali
Ai Presidenti dei Comitati prov.li
Fondo di Garanzia ex lege n.297/1982. Oneri accessori
sul T.F.R. - Privilegio dei crediti per T.F.R. per le
aziende in amministrazione straordinaria.
DIREZIONE CENTRALE
PRESTAZIONI TEMPORANEE
Roma, 9 aprile 1997            Ai Dirigenti centrali e periferici
Circolare n. 91                Ai Coordinatori generali, centrali e
                                  periferici dei Rami professionali
                               Al Coordinatore generale medico-
                                  legale Primari Medico-legali
                                  e, per conoscenza,
                               Al Presidente
                               Ai Consiglieri di amministrazione
                               Al Presidente e ai Membri del
                                  Consiglio di Indirizzo e Vigilanza
                               Ai Presidenti dei Comitati
                                  Amministratori di Fondi, Gestioni
                                  e Casse
                               Ai Presidenti dei Comitati regionali
                               Ai Presidenti dei Comitati prov.li
OGGETTO: Fondo di Garanzia ex lege n.297/1982. Oneri accessori
         sul T.F.R. - Privilegio dei crediti per T.F.R. per le
         aziende in amministrazione straordinaria.
SOMMARIO
1) Gli oneri accessori sul T.F.R. spettano fino al momento del
   saldo.
2) I crediti per T.F.R.  per le aziende in amministrazione
   straordinaria sono corrisposti secondo l'ordine di
   distribuzione delle somme, stabilito dall'art.111, punto 1, del
   regio decreto 16 marzo 1942, n.267 (legge fallimentare).
1) Oneri accessori sul T.F.R..
     Con circolare n.122 del 31.5.1993, al punto 5, erano state
dettate disposizioni relativamente al termine finale per il
pagamento degli oneri accessori sul T.F.R.: in particolare, per
fallimento, liquidazione coatta amministrativa e amministrazione
straordinaria, tale termine era stato indicato nella data in cui
lo stato passivo   divenuto definitivo; per la procedura di
concordato preventivo, nella data di deposito della sentenza di
omologazione; per l'esecuzione individuale, nella data del verbale
di pignoramento negativo, ovvero, in caso di pignoramento in tutto
o in parte positivo, nella data del provvedimento di assegnazione
all'interessato del ricavato dell'esecuzione.
     La Corte di Cassazione, con giurisprudenza ormai consolidata,
ha affermato che gli oneri accessori sul T.F.R. devono essere
erogati fino al momento del saldo: e cio' per la considerazione che
il Fondo di Garanzia subentra nella posizione debitoria del datore
di lavoro e non nella procedura concorsuale e, quindi, deve
corrispondere tali oneri nella stessa misura in cui avrebbe dovuto
corrisponderli il datore di lavoro.
     Cio' stante, al fine di evitare all'Istituto ulteriori spese
legali, si dispone - a modifica di quanto dettato con la citata
circolare n.122/1993 - che, a richiesta, gli oneri accessori sul
T.F.R. vengano liquidati fino al saldo.
     Si precisa, peraltro, che, qualora il ritardo nell'erogazione
della prestazione sia dovuto ad immotivato ritardo nella
presentazione della domanda - configurando l'ipotesi di mora del
creditore - considerato che l'Istituto non e' a conoscenza, come il
datore di lavoro, del credito del lavoratore, la liquidazione
degli oneri in questione dovra' essere limitata nei termini
previsti dalla precedente circolare n.122/1993.
2) Amministrazione straordinaria. Privilegio dei crediti per
   T.F.R..
     La legge 28.2.1997, n.30 - di conversione, con modificazioni,
del decreto-legge 31.12.1996, n.669 - ha stabilito, all'art.19,
che le indennita' di anzianita' spettanti ai dipendenti di imprese
poste in amministrazione straordinaria, ai sensi della legge
3.4.1979, n.95, il cui rapporto di lavoro sia cessato a decorrere
dai due anni precedenti l'emanazione del provvedimento che dispone
la continuazione dell'esercizio d'impresa, o a dipendenti di
imprese che, pur non avendo ottenuto la continuazione
dell'esercizio d'impresa, facciano parte dello stesso gruppo, sono
considerate, per il loro intero importo, come debiti contratti per
la continuazione dell'esercizio dell'impresa agli effetti
dell'art.111, n.1, del regio decreto 16 marzo 1942, n.267.
                                     IL DIRETTORE GENERALE
                                          TRIZZINO