Validità DURC per la verifica della regolarità contributiva

Il decreto-legge 19 maggio 2020, n.34, cosiddetto decreto Rilancio, ha chiarito che i Documenti Unici di Regolarità Contributiva (DURC) restano esclusi dall’ampliamento del periodo di scadenza e, di conseguenza, esclusi dall’ampliamento della validità degli stessi.

Con messaggio 21 maggio 2020, n. 2103 l’INPS rende noto che i DURC online che riportano nel campo “Scadenza validità” una data compresa tra il 31 gennaio 2020 e il 15 aprile 2020 conservano la loro validità fino al 15 giugno 2020 nell’ambito di tutti i procedimenti in cui è richiesto il possesso del DURC.

Il messaggio 18 giugno 2020, n. 2510 fornisce le precisazioni del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sulle richieste di verifica della regolarità contributiva presentate tra il 30 aprile 2020 (data di entrata in vigore della legge 27/2020) e il 19 maggio 2020 (data di pubblicazione ed entrata in vigore del decreto Rilancio).