Calcolo dei contributi

Per conoscere quanto l'azienda deve versare all'INPS ogni mese a titolo di contributi, per sé e per il dipendente, è necessario conoscere:

  • le aliquote contributive da applicare all'imponibile previdenziale;
  • l'ammontare del reddito imponibile del dipendente (imponibile previdenziale);
  • gli eventuali benefici (riduzioni ed esoneri) contributivi spettanti;
  • l’importo delle prestazioni anticipate al lavoratore per conto dell’INPS.

Contributi dovuti

Il calcolo dei contributi teoricamente dovuti (somme a debito del datore di lavoro) è dato dalle aliquote contributive (a carico dipendente e datore) moltiplicato l'imponibile previdenziale diviso 100.

Benefici contributivi

Il calcolo dei benefici contributivi e delle prestazioni anticipate (somme a credito del datore di lavoro) è dato dai benefici contributivi più le prestazioni anticipate più gli sgravi ed esoneri contributivi.

Contributi da versare

Il calcolo dei contributi effettivamente da versare (somme a debito del datore di lavoro) è dato dalle somme a debito del datore di lavoro meno le somme a credito del datore di lavoro.

I benefici contributivi per le assunzioni agevolate sono generalmente concessi riducendo direttamente l’aliquota contributiva (nettizzazione).

Calcolo aliquote contributive tramite UNIEMENS

Nel servizio UNIEMENS è disponibile la funzionalità denominata “Calcolo aliquote contributive”, utilizzabile da aziende e intermediari.

L’applicativo è rivolto ai datori di lavoro del settore privato o ai loro intermediari e consente di simulare il calcolo dell'aliquota contributiva sulla base delle caratteristiche contributive dell'azienda e del profilo contributivo del lavoratore.

Riferimenti normativi

Messaggio 25 gennaio 2019, n. 356

Denuncia obbligatoria che il datore di lavoro, che svolge la funzione di sostituto d'imposta, invia mensilmente all'INPS.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.