Ufficio ECO dipendenti pubblici: accordi e dati produttivi 2021

L’Ufficio Estratto Conto dipendenti pubblici, operativo dall’ultimo quadrimestre 2018 in Direzione Generale, è stato istituito per contribuire alla definizione delle migliaia di domande cd. "ante subentro" di computo, ricongiunzione, riscatto e altri accrediti contributivi ancora giacenti presso il Ministero della Giustizia (personale amministrativo e giudiziario) e presso i principali Uffici scolastici provinciali, per la sistemazione delle relative posizioni assicurative e per aggiornare e sistemare i periodi di lavoro presso l’INPDAP dei dipendenti di questo ente previdenziale transitati in INPS.

Grazie ad una Convenzione con il Ministero della Giustizia, attuata a partire da settembre 2019, sono state acquisite circa 13mila domande di prestazione presentate da magistrati e personale amministrativo di tutte le sedi giudiziarie d’Italia, con una percentuale di definizione arrivata al 90% del totale (dati settembre 2021). In aggiunta, sono stati acquisiti circa 3mila provvedimenti già emessi dal Ministero della Giustizia e ancora non inviati o lavorati dalle sedi INPS. In questo modo, sono state sistemate oltre 10mila posizioni.

Per l’attività che riguarda il personale scolastico, tra il 2019 e il 2021, grazie agli Accordi con vari Uffici scolastici regionali competenti per Roma, Milano, Monza-Brianza, Cagliari, Venezia, Bari e Genova nonché all’attuazione di un pregresso accordo stipulato per Napoli, sono state progressivamente trasferite all’Ufficio ECO dell’INPS (o sono in fase di trasferimento) circa 35mila domande di prestazione, di cui circa 25mila relative all’area romana.

Intese sono state concluse anche con le sedi di Roma, Napoli, Cagliari e Torino per l’acquisizione dei decreti inviati dagli Uffici scolastici durante le campagne di pensionamento e per l’emissione dei CER/TRC in favore degli stessi Uffici scolastici.

I principali dati produttivi dell’Ufficio ECO, consolidati a settembre 2021 sono i seguenti:

  • circa 35mila domande "ante subentro" definite e circa 11.500 provvedimenti - emessi dall’Ufficio V del Ministero della Giustizia e dagli Uffici scolastici provinciali - acquisiti nelle relative posizioni assicurative;
  • circa 280mila segnalazioni presenti nei conti assicurativi eliminate;
  • circa 10mila modelli CER/TRC emessi autonomamente grazie alla abilitazione "nazionale" assegnata dalle Direzioni centrali competenti;
  • oltre 3mila certificazioni del diritto a pensione emesse, tra il 2020 ed il 2021, per le sedi di Roma, Napoli e Cagliari.

Dal 2022 l’Ufficio ECO sarà coinvolto direttamente anche nel piano di smaltimento delle RVPA per personale del Ministero della Giustizia e per il personale scolastico già in carico alle liste ECO.

L’Ufficio ECO gestisce i rapporti con singoli utenti, sedi INPS, Ufficio V del Ministero e sedi giudiziarie, Uffici scolastici e singole scuole, tramite il canale telefonico, la casella di posta istituzionale e la casella PEC, gestendo qualche decina di migliaia di comunicazioni ogni anno.

Grazie al supporto delle Direzioni centrali Pensioni, Tecnologia informatica, Entrate e Organizzazione è stato possibile concludere i vari Accordi e gestire il flusso dei fascicoli digitalizzati nonché, da una parte, ottenere indicazioni normative e procedurali (risposte ai vari quesiti inviati) e, dall’altra, proporre una serie di interventi sugli applicativi per rendere più agevole lo smaltimento delle domande di prestazione e la sistemazione delle posizioni assicurative.

In capo alle sedi territoriali, oltre che le domande cd. "post subentro", restano alcune operazioni come l’oscuramento/trasferimento delle contribuzioni in Gestione privata derivanti dalla definizione dei computi e delle ricongiunzioni ante subentro che, per motivi tecnici non ancora superabili, non è possibile effettuare in Direzione Generale.