Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Banche dati documentali

Inps Servizi

Banche dati documentali


Messaggio numero 24715 del 10-10-2007.htm

  
  

Attivando questo Link si può ricevere il documento in formato PDF

 

Direzione Centrale delle Entrate Contributive

 

 

 

 

 

 

Roma, 10-10-2007

 

 

 

Messaggio n.  24715

 

 

 

 

 

 

OGGETTO:

Stabilizzazione dei rapporti di collaborazione, di cui alla circolare n. 78/2007. Rilascio della procedura telematica per la trasmissione dei dati da parte dei datori di lavoro. Calcolo della code-line per il versamento delle rate.

 

Con la circolare n. 78 del 17 aprile scorso sono state impartite le disposizioni relative alla stabilizzazione dei collaboratori coordinati e continuativi e a progetto, ai sensi dei commi 1202-1210 dell’articolo 1 della finanziaria 2007 (L. n.296/2006).

Tramite la predetta stabilizzazione i datori di lavoro hanno la facoltà di trasformare i rapporti di collaborazione in rapporti di lavoro subordinato, non inferiore ai due anni, qualora siano rispettate determinate condizioni, di cui alla circolare medesima.

Riguardo alla denuncia dei lavoratori stabilizzati, ai fini dell’invio e-mens, è già stato comunicato che i datori di lavoro devono indicare il codice “tipo assunzione” 1S esclusivamente nel flusso e-mens del mese in cui avviene la stabilizzazione.

Con il presente messaggio si comunica il rilascio della procedura dedicata alla stabilizzazione, su piattaforma internet, a disposizione dei datori di lavoro e dei consulenti registrati con PIN nonché le modalità di calcolo della code-line necessaria per il versamento delle rate.

A) Procedura telematica

Il servizio è stato sviluppato con modalità web-based in modo da essere disponibile tra i “servizi on-line” pubblicati sul sito internet dell’Istituto.
La procedura rende disponibili le funzionalità di gestione delle comunicazioni e di tutti i dati ad esse associati (dati dei collaboratori soggetti a stabilizzazione e documentazione allegata), già presenti sulla procedura intranet. Ad esempio le aziende, o i loro consulenti, dovranno trasmettere i nominativi dei collaboratori, la cui stabilizzazione è stata oggetto di una comunicazione già consegnata alla propria sede dell’Istituto, nel caso che il numero dei lavoratori fosse superiore a cinque, salvo diverso accordo con la predetta sede.
Ogni azienda potrà ovviamente visualizzare solo i dati di propria competenza.

Il servizio è richiamabile dalla sezione Servizi Online - Servizi per le Aziende e Consulenti nel sito Internet aziendale al seguente indirizzo http://www.inps.it alla voce “Stabilizzazione lavoratori parasubordinati”.

Il manuale utente, consultabile interattivamente, è disponibile on-line sotto la sezione “Tutorial”.

L’applicazione è divisa in 2 parti:

La sezione illustrativa, che contiene:

      • un tutorial interattivo contenente le istruzioni per l’inserimento delle comunicazioni;
      • una pagina delle FAQ (domande frequenti);
      • una pagina di invio segnalazione attraverso la quale è possibile inviare suggerimenti, segnalare problemi o malfunzionamenti;
      • una pagina da dove è possibile scaricare documentazione utile (circolari, specifiche tecniche e altro).

La sezione della procedura, che consente:

      • la visualizzazione dell’elenco delle aziende associate all’utente collegato;
      • la consultazione, inserimento, aggiornamento e cancellazione delle comunicazioni presenti;
      • la consultazione, inserimento, aggiornamento e cancellazione dei collaboratori stabilizzati;
      • l’inserimento di documenti in formato elettronico in allegato ai dati dei collaboratori;
      • l’acquisizione automatica delle comunicazioni da file xml (il documento di specifica per la creazione del file è scaricabile alla pagina della documentazione della sezione illustrativa) .


B) Calcolo della code-line

Per quanto riguarda il versamento dell’acconto di un terzo, oppure dell’intero importo del contributo straordinario se il pagamento avviene in unica soluzione, si rimanda a quanto indicato al punto 6 della circolare n. 78 già citata.
Per il versamento di ciascuna delle trentasei rate previste l’azienda si deve collegare alla procedura per conoscere la propria code-line.
La code-line è costituita dalle ultime cinque cifre del numero di protocollo informatico, assegnato alla comunicazione, subito seguite dalla parola RATA e dalle due cifre corrispondenti alla rata.
Per il pagamento si deve utilizzare sempre la causale EMCO, ma nel campo “matricola INPS/codice INPS/filiale azienda” si deve riportare la code-line, indicando al posto di XX il numero progressivo della rata che si deve pagare, ad esempio 04 nel caso della quarta rata.
Per quanto riguarda gli altri campi restano valide le indicazioni fornite nella circolare citata.

CASI PARTICOLARI
Al momento in cui l’azienda si collega con la procedura si possono verificare le seguenti situazioni:

1) comunicazione errata
se la comunicazione presentata risulta “ERRATA” non è possibile visualizzare la code-line. In questo caso è necessario contattare la sede competente.

2) importi errati
In caso di difformità tra gli importi dichiarati dall’azienda nella comunicazione e quelli visualizzati, ricalcolati dalla procedura sulla base dei dati forniti per ogni collaboratore, l’azienda, qualora intenda contestare i nuovi importi, deve contattare la sede competente.

3) rate già versate
In caso di rate già pagate l’azienda deve iniziare la numerazione partendo da quella in scadenza, esempio: rate pagate tre, numerazione prossima rata=04.
Sarà cura della sede competente sistemare la code-line delle rate già versate.

4) importi versati in eccesso o in difetto
Nel caso di importi che risultano versati in eccesso l’azienda può effettuare l’autoconguaglio con il primo versamento utile.
Nel caso di importi versati in difetto l’azienda dovrà effettuare il versamento della differenza separatamente per ciascuna rata ed indicando la code-line appropriata.

Qualora un datore di lavoro abbia due o più gruppi di lavoratori con differenti date di stabilizzazione dovrà compilare più righe del modello F24, indicando:
- nella prima riga, i dati relativi all’acconto di un terzo del nuovo contributo straordinario o i dati relativi all’intero nuovo contributo straordinario;
- nella seconda riga, la rata che si sta versando riferita al gruppo di lavoratori stabilizzato con la prima comunicazione.


Dionigi Spadaccia                                                   Luigi Ziccheddu
D.C. Sistemi informativi e telecomunicazioni             D.C. Entrate contributive