Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Banche dati documentali

Inps Servizi

Banche dati documentali


Messaggio numero 34975 del 20-10-2005.htm

  
  

Attivando questo Link si può ricevere il documento in formato PDF

Ufficio di Segreteria

del Direttore Generale

 

 

 

 

 

 

Roma, 20-10-2005

 

 

 

Messaggio n.  34975

 

 

 

Allegati 1

 

 

 

OGGETTO:

Oggetto: Modalità di erogazione della Indennità di Disoccupazione Ordinaria -

Modifiche procedurali e organizzative

 

 

 

INPS

Direzione Generale

 

 

 

 

 

Ai Direttori Regionali

Direttori provinciali

Direttori sub-provinciali      

Direttori di Agenzia   

 

 

 

 

Oggetto: Modalità di erogazione della Indennità di Disoccupazione Ordinaria - Modifiche procedurali e organizzative

 

 

 

 

 

 

Premessa

 

Le modalità di erogazione dell’Indennità di Disoccupazione Ordinaria sono state oggetto di particolare attenzione, attesa la rilevanza sociale di tale tipo di prestazione.

Con circolare n 87 del 14 maggio 2003  sono state dettate le regole organizzative e comportamentali con l’individuazione del flusso di attività considerato ottimale per migliorare la qualità della prestazione. Il relativo manuale contenente il flusso del processo ridisegnato, che viene continuamente aggiornato per raccogliere le migliori prassi sul territorio, è accessibile in Intranet nel sito della Direzione Centrale Organizzazione.

 

Con messaggio n. 20719 del 31 Maggio 2005 è stata rilasciata la nuova procedura di gestione della Disoccupazione Ordinaria che semplifica il flusso di processo con l’eliminazione di alcune attività e l’anticipazione di altre, permettendo lo svolgimento contestuale o in stretta sequenza delle attività (lavorazione a flusso continuo).

 

Peraltro, dall’esame dei risultati produttivi, si rileva una percentuale ancora elevata di pratiche liquidate in tempi che superano il mese; ciò appare in contrasto con le finalità stesse dell’Indennità di Disoccupazione Ordinaria volte a garantire la continuità del reddito.

 

Il principale ostacolo al raggiungimento di questo obiettivo, come testimoniato anche dalle prime esperienze maturate nelle sedi sperimentali operanti nell’ambito del progetto tempo reale, è rappresentato dai ritardi nella presentazione del modello DS22 nel quale il datore di lavoro indica informazioni indispensabili per la liquidazione dell’indennità.

Per superare tale criticità e consentire tempi rapidi di erogazione della prestazione, è stato predisposto un modello di dichiarazione sostitutiva, (vedi allegato), che il lavoratore potrà presentare contestualmente alla domanda.

E’ da sottolineare, inoltre, che la disponibilità dei flussi informativi E-mens realizza un’innovazione molto significativa del processo, in quanto consente l’accesso a una serie di informazioni provenienti dal datore di lavoro, necessarie per la definizione delle domande di Indennità di Disoccupazione Ordinaria.

L’utilizzo di tali informazioni e di quelle contenute nella dichiarazione sostitutiva su citata, permette di disporre di tutti i dati utili alla liquidazione immediata della prestazione.

E’ del tutto evidente che, in alternativa alla dichiarazione sostitutiva, il lavoratore che ne fosse in possesso, potrà presentare, al momento della presentazione della domanda, il modello DS22 debitamente compilato.

 

 

 

 

 

Il modello di dichiarazione sostitutiva

 

La dichiarazione sostitutiva, oltre ai dati identificativi del lavoratore contiene:

1.una prima parte inerente le informazioni necessarie per la verifica del diritto alla prestazione e in particolare:

·        l’indicazione dell’ultimo datore di lavoro presso il quale il lavoratore è stato occupato;

·        il tipo di contratto e l’orario settimanale;

·        la causa di cessazione del rapporto di lavoro;

2.una seconda parte inerente i dati necessari alla definizione della misura e della decorrenza della prestazione e in particolare:

·        l’esistenza del diritto all’indennità di mancato preavviso;

·        gli importi delle retribuzioni lorde mensili (per le sole giornate lavorate) relativi al mese in cui è avvenuta la cessazione del rapporto di lavoro e ai 3 mesi precedenti;

·        il numero di giornate lavorate nel periodo di riferimento per il quale sono indicate le retribuzioni, e in totale.

 

Inoltre, al fine di migliorare sensibilmente i tempi di riscossione, dovrà essere incentivato, attraverso adeguata informativa presso tutti i canali di presentazione della domanda (Enti di Patronato, Centri per l’Impiego, sportello Inps) l’utilizzo del conto corrente bancario (nel modello di domanda DS21 è presente apposita sezione per indicare le relative coordinate). 

 

Istruzioni operative

 

Accertato il diritto, attraverso la consultazione dei dati rilevabili da “E-mens” (Hydra-Web), e dagli altri archivi centrali  (e nel caso si renda necessario attraverso documentazione prodotta dal lavoratore) si procederà a:

  • analizzare la completezza delle informazioni contenute nella dichiarazione sostitutiva;
  • inserire i dati nella procedura automatizzata di liquidazione. Nel caso in cui il lavoratore non sia a conoscenza dei dati retributivi del mese in cui è avvenuta la cessazione del rapporto di lavoro - e quindi non abbia compilato la parte relativa all’importo retributivo di tale periodo – si farà riferimento alla retribuzione del mese immediatamente precedente. In tale caso, si farà  presente al lavoratore la necessità di comunicare, non appena in possesso della relativa busta paga, gli importi della retribuzione del mese in oggetto e dei ratei di tredicesima e quattordicesima; ciò allo scopo di procedere tempestivamente al ricalcolo della prestazione.

In alternativa, nel caso sia difficile reperire tali dati dal lavoratore, questi potranno essere richiesti al datore di lavoro preferibilmente tramite e-mail;

  • attivare in procedura le funzioni di calcolo;
  • emettere la lettera di accoglimento.

 

Infine, la procedura è stata implementata con una applicazione che consente l’eventuale ricalcolo della prestazione nei casi in cui ciò si rendesse necessario a seguito di controlli effettuati.

Con apposito messaggio saranno comunicate le specifiche tecniche e le istruzioni operative connesse alla procedura di ricalcolo.

 

In considerazione della portata delle modifiche procedurali, operative e comportamentali che vengono introdotte nel processo di erogazione dell’Indennità di Disoccupazione Ordinaria, il contenuto della presente messaggio verrà portato a conoscenza delle organizzazioni centrali degli Enti di Patronato, dei Consulenti del lavoro e delle Associazioni di categoria.

Parimenti, si impegnano i direttori delle strutture periferiche a garantire adeguata informativa a livello locale.

 

 

 

 

Il Direttore Generale

Crecco

 

 

 

Allegato N.1