Bonus asilo nido anche a stranieri con permesso di soggiorno a scadenza

L'INPS, con il messaggio 18 dicembre 2020, n. 4768 si adegua all'Ordinanza del Tribunale di Milano del 9 novembre 2020 (R.g.n. 3219/2020), con la quale è stata dichiarata discriminatoria l'esclusione dal beneficio delle madri straniere non in possesso di un permesso di soggiorno di lungo periodo.

Nel messaggio, l'Istituto comunica che la prestazione sarà riconoscibile anche ai cittadini non in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo (oppure per i rifugiati politici e per coloro che godono di protezione sussidiaria), salvo diritto di ripetizione nel caso in cui dovesse emergere un orientamento giurisprudenziale diverso.

Le domande presentate dagli stranieri regolarmente presenti in Italia, in precedenza respinte in applicazione della Circolare Inps n. 27/2020, saranno oggetto di riesame alla luce dell’Ordinanza del Tribunale di Milano.

Il riesame delle domande sarà effettuato su istanza del richiedente, da presentarsi alla Struttura territoriale competente, con corresponsione degli arretrati dalla data della domanda (effetto retroattivo).

Le nuove domande di bonus asilo nido presentate entro la fine dell’anno 2020 da stranieri residenti nel nostro Paese titolari di permesso di soggiorno saranno, invece, accolte automaticamente a prescindere dalla tipologia di permesso.