Comparto Difesa: determinazione del calcolo della pensione

La sentenza n. 1/2021/QM/PRES-SEZ della Corte dei Conti ha dato risposta ad alcuni quesiti in materia di determinazione e del calcolo della pensione nei confronti del personale appartenente al comparto Difesa e per alcune figure a esso equiparate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza).

Con la circolare INPS 14 luglio 2021, n. 107, condivisa con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l’Istituto fornisce le prime istruzioni relative all’applicazione dell’articolo 54 del d.p.r. 1092/1973 con riferimento al calcolo della quota retributiva delle pensioni liquidate ai sensi dell’articolo 1, comma 12, della legge 335/1995, per i soggetti con anzianità contributiva al 31 dicembre 1995 pari o superiore a 15 anni e inferiore a 18 anni.

Con riferimento a questi soggetti, a seguito del nuovo assetto giurisprudenziale definito dalla sentenza delle Sezioni Riunite della Corte dei Conti in esame, si deve procedere al riconoscimento dell’aliquota di rendimento del 2,44% per il numero degli anni di anzianità contributiva maturati alla data del 31 dicembre 1995.

Nella circolare, inoltre, si fa presente che per la determinazione del relativo trattamento pensionistico i principi espressi nella sentenza in esame non riguardano coloro che hanno maturato al 31 dicembre 1995 un’anzianità contributiva pari o superiore a 18 anni e che, con successiva circolare, verranno fornite le istruzioni applicative della disposizione in argomento con riferimento ai soggetti che hanno maturato al 31 dicembre 1995 un’anzianità contributiva inferiore a 15 anni.