Contratto di espansione: indennità mensile prorogata al 2022 e 2023

Con la circolare INPS 25 luglio 2022, n. 88, l’Istituto illustra le novità introdotte dalla legge di Bilancio 2022 in tema di contratto di espansione e indennità mensile, di cui all’articolo 41, c.5-bis, del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148.

A integrazione di quanto già illustrato con la circolare INPS n. 48/2021, le novità riguardano la proroga dell’indennità mensile anche per gli anni 2022 e 2023 e la riduzione a 50 unità lavorative del limite minimo di organico necessario per avviare la procedura di consultazione per la stipula in sede governativa di un contratto di espansione con il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali e con le associazioni sindacali.

L’indennità mensile è riconosciuta in favore dei lavoratori dipendenti, assunti con contratto a tempo indeterminato che risultino iscritti al Fondo pensioni lavoratori dipendenti (FPLD) o alle forme sostitutive o esclusive dell’Assicurazione generale obbligatoria, gestite dall’INPS, e che abbiano risolto consensualmente il rapporto di lavoro entro il 30 novembre 2023.

La circolare, dopo aver richiamato le disposizioni di riferimento e precisato la tipologia dei datori di lavoro destinatari, fornisce le istruzioni per la presentazione del piano annuale di esodo, ed il riconoscimento della prestazione attraverso i Fondi di solidarietà bilaterali.

 

Seguono le relative istruzioni contabili.