Gestione Unitaria prestazioni creditizie e sociali: presentazione delle domande

È riaperta l’adesione al Fondo Credito. Dal 20 agosto 2021 al 20 febbraio 2022 sarà possibile, per tutti i dipendenti e pensionati pubblici non iscritti in precedenza, aderire alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, per tutte le informazioni e l’accesso al servizio è disponibile la pagina Adesione alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

Il decreto 12 maggio 2021, n. 110, con il regolamento, è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 186 del 5/8/2021.


LA GESTIONE UNITARIA DELLE PRESTAZIONI CREDITIZIE E SOCIALI

La Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali è un Fondo costituito nel 1996 per finanziare prestazioni di credito, welfare e formazione riservate ai dipendenti pubblici in servizio e in pensione, non è a carico della fiscalità generale ma è alimentato mediante una trattenuta sugli stipendi degli stessi dipendenti.
L’adesione rappresenta un’opportunità per famiglie, giovani e anziani di beneficiare, con il versamento di un modesto importo, di un significativo sostegno attraverso una serie di prestazioni in tutte le fasi della vita lavorativa, familiare e sociale.

Il Fondo, infatti, mette a disposizione tanti servizi di credito e di welfare, come:

  • mutui e prestiti a tassi agevolati;
  • formazione e istruzione dalla scuola primaria ai master universitari;
  • prevenzione e salute;
  • prestazioni per persone non autosufficienti;
  • politiche in favore dell’occupazione;
  • ospitalità residenziale;
  • soggiorni studio e soggiorni benessere estivi.

Nella sezione Brochure è possibile consultare tutto il materiale informativo dedicato alle prestazioni del Fondo.


COME PRESENTARE LA DOMANDA DI ADESIONE AL FONDO

La circolare INPS 19 agosto 2021, n.128 fornisce indicazioni sull’adesione alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, mentre con il messaggio 12 agosto 2021, n. 2883, l'Istituto illustra le modalità di accesso e presentazione della domanda di adesione, gli ambiti di applicazione e ricorda che possono aderire solo i dipendenti in servizio e i pensionati diretti che, alla data del 1° gennaio 2020, non risultano iscritti.

La domanda può essere presentata, esclusivamente in modalità telematica, tramite il servizio online "Adesione alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali".

Il messaggio ricorda che la volontà di adesione deve essere manifestata all’INPS dai soggetti che ne hanno diritto entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del D.M. n. 110/2021 (data ultima per aderire 20 febbraio 2022).

L'adesione, una volta esercitata, è irrevocabile.

Le domande di adesione possono essere presentate anche tramite patronato o avvalendosi del supporto offerto dal servizio di Contact Center Multicanale, disponibile telefonicamente al numero verde 803.164 (riservato all’utenza che chiama da telefono fisso) o al numero 06164164 (abilitato a ricevere esclusivamente chiamate da telefoni cellulari con tariffazione a carico dell’utente).


VERSAMENTO DEI CONTRIBUTI ALLA GESTIONE

Come riportato dalla circolare INPS 19 agosto 2021, n.128 i dipendenti che si iscrivono alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, sia in forma facoltativa che obbligatoria, devono versare un contributo pari allo 0,35 per cento, commisurato alla retribuzione contributiva e pensionabile. Il versamento del contributo avviene con le stesse modalità previste per quello concernente il trattamento pensionistico, fermo restando il diritto di rivalsa da parte delle amministrazioni e degli enti nei confronti del dipendente.

Per i pensionati, l’adesione comporta un contributo pari allo 0,15 per cento dell’ammontare lordo del trattamento pensionistico con una corrispondente trattenuta mensile.

Il contributo è a totale carico dell’interessato e non è rimborsabile ancorché non siano state erogate prestazioni.