Invalidità civile: novità per l’invio della documentazione sanitaria

Nell’ambito dei progetti di innovazione legati al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), è stato esteso ai medici certificatori e ai patronati il servizio per l’allegazione della documentazione sanitaria di invalidità civile. Si tratta del servizio già utilizzato dai cittadini per inviare all’Istituto la documentazione sanitaria probante, ai fini dell’accertamento medico-legale, per la definizione delle domande/posizioni in attesa di valutazione sanitaria di prima istanza/aggravamento.

Con il messaggio 1º ottobre 2022, n. 3574 si forniscono ai medici certificatori e agli operatori dei patronati le indicazioni per l’utilizzo del servizio, le tipologie di domande per le quali può essere utilizzato e i tempi di fruizione.

Una volta trasmessa la documentazione, la commissione medica INPS potrà consultarla e pronunciarsi con un verbale inviato al cittadino tramite raccomandata A/R. Qualora, invece, la documentazione pervenuta non venga considerata sufficiente, o nel caso in cui la revisione sanitaria non sia trasmessa entro 40 giorni dalla ricezione della richiesta, si procederà con la convocazione a visita diretta dell’interessato.