Riscatto, ricongiunzione e rendita: novità su addebito diretto SEPA

Per pagare all’INPS gli oneri di riscatto, ricongiunzione o rendita vitalizia, uno degli strumenti utilizzati è il sistema di pagamento SDD (SEPA Direct Debit - Addebito Diretto SEPA) a importo prefissato, che si basa sulla sottoscrizione di un accordo (mandato) con cui il debitore (pagatore) autorizza un creditore (beneficiario) a disporre addebiti sul proprio conto corrente per pagamenti ricorrenti a importo fisso.

Il messaggio 22 dicembre 2021, n. 4608 comunica che è disponibile una nuova funzione, denominata “Mandato SDD”, tramite cui l’utente che ha presentato la domanda di riscatto, ricongiunzione o rendita vitalizia può attivare/revocare autonomamente l’addebito diretto e ricorrente sul proprio conto corrente degli importi delle rate di onere, senza la necessità di passare dalla propria agenzia bancaria o dal proprio ufficio postale e inserendo semplicemente il proprio IBAN . La nuova funzionalità è fruibile sul Portale dei Pagamenti.

Nel messaggio sono indicate tutte le istruzioni per compilare la richiesta di attivazione, verificarne lo stato di definizione, la data a partire dalla quale è addebitato sul conto corrente, l’importo della rata mensile e le modalità di revoca mandato.

L’attivazione della funzione di addebito diretto è subordinata alla verifica del codice fiscale del richiedente, che deve corrispondere a quello del titolare del conto corrente di addebito.

International bank account number, codice bancario di 27 cifre che identifica il conto corrente e la banca.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.