UNIEMENS: precisazioni sull’utilizzo delle variabili retributive

L’istituzione degli elementi variabili della retribuzione ha consentito ai datori di lavoro il corretto adempimento dell’obbligo contributivo, tenendo conto delle compensazioni contributive, qualora nel corso del mese intervengano elementi ed eventi che comportano variazioni nella misura della retribuzione imponibile.

Sono considerati eventi o elementi variabili:

  • i compensi per lavoro straordinario;
  • le indennità di diaria o missione;
  • le indennità, economiche di malattia o maternità, anticipate dal datore di lavoro per conto dell'INPS;
  • le indennità riposi per allattamento;
  • le giornate retribuite per donatori di sangue;
  • le riduzioni delle retribuzioni per infortuni sul lavoro indennizzabili dall'INAIL;
  • i permessi non retribuiti;
  • le astensioni dal lavoro;
  • le indennità per ferie non godute;
  • i congedi matrimoniali;
  • le integrazioni salariali.

Con circolare INPS 9 novembre 2018, n. 106 l’Istituto definisce l’elemento “variabile retributiva” e il suo corretto utilizzo, determinando i limiti temporali di fruizione in considerazione dell’evoluzione del prodotto UNIEMENS.

Denuncia obbligatoria che il datore di lavoro, che svolge la funzione di sostituto d'imposta, invia mensilmente all'INPS.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.

  1. Accedi al servizio

    Selezionando il pulsante puoi accedere direttamente al servizio o a un eventuale ulteriore menu di scelta.

  2. Indice

    Attraverso l'indice della pagina puoi selezionare ogni singola voce per accedere direttamente alla sezione di tuo interesse.

  3. Il contenuto della pagina

    In quest'area è presente il contenuto della pagina. Con il segno + puoi espandere la sezione che ti interessa.

  4. Accesso al servizio

    Selezionando il pulsante puoi accedere direttamente al servizio o a un eventuale ulteriore menu di scelta.