Presentazione del Bilancio Sociale Inps 2009

Panoramica laterale della Sala

 

Approvato e presentato al CNEL il Bilancio Sociale 2009

Il 1 dicembre, nella Sala Tarantelli del CNEL, il Presidente del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza (CIV) dell'Inps, Guido Abbadessa, ha presentato il Bilancio Sociale 2009. "Il Bilancio Sociale vuole essere uno strumento attivo di partecipazione e di democrazia […] volto a realizzare un circuito virtuoso di programmazione sociale", nel quale tutti gli interlocutori dell'Istituto possano valutare l'offerta di servizio e presentare nuove istanze all'Ente.

L'evento, patrocinato dal CNEL, è stato aperto dal saluto del Vice-Presidente CNEL Salvatore Bosco, al quale è seguita la relazione del Presidente del CIV Inps, Guido Abbadessa, che ha sottolineato come coesione sociale, inclusione e sviluppo siano le tre direttrici sulle quali è stata sviluppata l'analisi dell'azione dell'Inps, offrendo ai cittadini nel Bilancio una "rappresentazione del valore creato dall'Istituto attraverso la misurazione del valore sociale aggiunto". «Rendere conto – ha affermato Abbadessa - implica infatti rispettare il valore della trasparenza con la verifica dell'azione amministrativa, mettendo in relazione le risorse acquisite con i costi dei servizi resi».

Nel dibattito, moderato da Alessandro Vecchietti, Vice-presidente del CIV, sono intervenuti Antonino Regazzi, Presidente Caf Uil, Mauro Nori, Direttore generale Inps, Elio Schettino, Confindustria, Morena Piccinini, Presidente Inca Cgil, Maurizio Petriccioli, Vice Segretario CISL.

I lavori sono ripresi con l'arrivo del Ministro Sacconi e l'intervento del Presidente dell'Inps, Antonio Mastrapasqua. «Il 100% di ciò che facciamo è rivolto al sociale – ha esordito il Presidente dell'Inps –perciò quelli che evidenziamo come miglioramenti non sono "prove muscolari" o numeri autoreferenziati ma prove di una maggiore attenzione al cittadino e alle imprese». Il successo dell'Inps nello svolgere un ruolo di cerniera tra centro e territorio su emergenze vere e proprie come la disoccupazione o la lotta all'illegalità, evitando al tempo stesso l'aumento delle aliquote contributive, si deve, secondo Mastrapasqua, ad un nuovo modo di lavorare per l'obiettivo comune di trasformare l'Istituto affinchè divenga ciò che i cittadini desiderano. Su questa linea il Ministro Sacconi ha indicato gli obiettivi futuri. «Cittadino, famiglia e impresa – ha dichiarato Sacconi - sono i tre target in funzione dei quali riprogettare l'offerta di servizi. Occorre monitorare il servizio reso per migliorare riorganizzando le consistenti risorse che il nostro Paese già investe per il welfare».

 

Programma dell'evento di presentazione - Cnel, 1 dicembre 2010

 

Il Bilancio Sociale: Documentazione Ufficio Stampa:
  1. Percorso di navigazione

    Le voci indicano la posizione della pagina nell'alberatura del portale, permettendo la navigazione veloce a ritroso.

  2. Il menu di sezione

    In quest'area sono presenti le principali voci della sezione. Il simbolo "+" indica la presenza di sottosezioni. Con un clic su una voce puoi accedere al contenuto.

  3. I pulsanti di servizio SALVA e STAMPA

    Con i due pulsanti puoi scegliere di salvare il contenuto in formato PDF o stamparlo direttamente.

  4. Filtrare i risultati

    In quest'area è possibile scegliere la modalità di visualizzazione delle notizie (griglia o lista) e filtrare i risultati tramite una ricerca libera inserendo parole chiave o periodo di pubblicazione negli appositi campi.