Fonti normative

ATTENZIONE: la seguente pagina è archiviata e le notizie e informazioni presenti hanno solo un valore storico e potrebbero non essere più in linea con la normativa vigente alla data di oggi.

 

 

L. 335 del 08/08/95, art. 2 (commi da 26 a 32): legge delega che istituisce la Gestione Separata e ne detta i principi generali.


DM 281 del 02/05/96: decreto attuativo che disciplina modalità e termini di versamento del contributo.


DM 282 del 02/05/96: decreto attuativo che disciplina l'assetto organizzativo e funzionale della Gestione e del rapporto assicurativo.


Testo Unico delle Imposte Dirette (TUIR) emanato con DPR 917 del 22/12/86:

  • art. 53, c. 1 (ex art. 49, c. 1): definisce l'ambito fiscale dei redditi professionali;
  • art. 53, c. 2, lett. a (abrogato - ex art. 49, c. 2, lett. a): definisce l'ambito fiscale dei redditi di collaborazione coordinata e continuativa fino al 31/12/2000;
  • art. 50, c. 1, lett. c bis (ex art. 47, c. 1, lett. c bis): definisce l'ambito fiscale dei redditi di collaborazione coordinata e continuativa dal 1° gennaio 2001 in poi.

Art. 409 c.p.c.: prevede come controversie da lavoro anche quelle derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa.


L. 426 del 11/06/71, art. 36: definisce le norme di ammissione dei soggetti alla vendita a domicilio.


L. 230 del 16/07/1997, art. 1, c. 3: ha disposto l'assicurazione nella Gestione Separata degli spedizionieri doganali.


L. 449 del 27/12/1997, art. 51, c. 6: ha disposto l'assicurazione nella Gestione Separata degli assegni di ricerca.


L. 315 del 03/08/1998, art. 1, c. 1, lett. a: ha disposto l'assicurazione nella Gestione Separata delle borse di studio per la frequenza ai corsi di dottorato di ricerca.


L. 265 del 03/08/1999, art. 26 e Dlgs 267 del 18/08/2000, art. 86: hanno disposto l'assicurazione nella Gestione Separata degli amministratori locali.


L. 342 del 12/11/2000, art. 34: ridefinisce i redditi di collaborazione coordinata e continuativa quali redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente.


D.L. 105 del 09/05/2003 (art. 1, c. 3), convertito con modificazioni nella L. 170 del 11/07/2003: ha disposto l'assicurazione nella Gestione Separata delle borse di studio a sostegno della mobilità internazionale degli studenti (da maggio a dicembre 2003)edegli assegni per attività di tutorato, didattico-integrative, propedeutiche e di recupero.


Dlgs 276 del 10/09/2003 (art. da 61 a 69, art. 86): ha introdotto la disciplina del progetto per le collaborazioni coordinate e continuative.


Dlgs 276 del 10/09/2003 (art. da 70 a 73) e successive modifiche (Dlgs 251/2004, L. 80/2005, L. 248/2005, L. 133/2008, L. 33/2009): ha disposto l'assicurazione nella Gestione Separata delle molteplici attività di lavoro occasionale accessorio.


D.L. 269 del 30/09/2003 (art. 44, c. 2), convertito con modificazioni nella L. 326 del 24/11/2003: ha disposto l'assicurazione nella Gestione Separata dei lavoratori autonomi occasionali.


D.L. 269 del 30/09/2003 (art. 43, c. 1), convertito con modificazioni nella L. 326 del 24/11/2003, e L. 311 del 30/12/2004, art. 1, c. 157: hanno disposto l'assicurazione nella Gestione Separata degli associati in partecipazione con apporto esclusivo di lavoro.


L. 64 del 6/03/2001, art. 2 e Dlgs attuativo 77 del 5/04/2002: hanno disposto lo svolgimento del Servizio Civile esclusivamente su base volontaria, a decorrere dal 1° gennaio 2006.


Circ. A.E. n° 24 del 10/06/2004 (par. 4, p. 2): qualifica i compensi percepiti dai Volontari del Servizio Civile quali redditi di collaborazione coordinata e continuativa, determinandone così l'iscrizione alla Gestione Separata.


L. 266 del 23/12/2005, art. 1, c. 300, lett. c: ha disposto l'assicurazione nella Gestione Separata dei medici con contratto di formazione specialistica.


D.M. 12/03/2008: ha avviato la fase sperimentale del lavoro occasionale accessorio con le attività saltuarie e di breve durata di vendemmia del 2008.


D.L. 112 del 25/06/2008 (art. 22), convertito con modificazioni nella L. 133 del 06/08/08: ha esteso il campo di applicazione soggettivo ed oggettivo del lavoro occasionale accessorio.


L. 33 del 09/04/2009 (art. 7 ter, c. 12): ha previsto ulteriori estensioni del campo di applicazione soggettivo ed oggettivo del lavoro occasionale accessorio.


L. 191 del 23/12/2009 (Finanziaria 2010 - art. 2, commi 148 e 149): ha previsto ulteriori estensioni del campo di applicazione soggettivo ed oggettivo del lavoro occasionale accessorio.

           


  1. Percorso di navigazione

    Le voci indicano la posizione della pagina nell'alberatura del portale, permettendo la navigazione veloce a ritroso.

  2. Il menu di sezione

    In quest'area sono presenti le principali voci della sezione. Il simbolo "+" indica la presenza di sottosezioni. Con un clic su una voce puoi accedere al contenuto.

  3. I pulsanti di servizio SALVA e STAMPA

    Con i due pulsanti puoi scegliere di salvare il contenuto in formato PDF o stamparlo direttamente.

  4. Filtrare i risultati

    In quest'area è possibile scegliere la modalità di visualizzazione delle notizie (griglia o lista) e filtrare i risultati tramite una ricerca libera inserendo parole chiave o periodo di pubblicazione negli appositi campi.