Prestazioni pensionistiche in regime comunitario

Data: 11/12/2015


Per le persone che possono far valere periodi di lavoro in Stati comunitari – quali Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria e, dal 1° luglio 2013, Croazia - l’accertamento del diritto a pensione può essere effettuato con la totalizzazione dei periodi di assicurazione italiani ed esteri.


La contribuzione estera viene presa in considerazione per verificare i requisiti richiesti per il diritto, come se fosse contribuzione versata in Italia.


L’importo della pensione, invece, viene calcolato in proporzione ai contributi accreditati nell’assicurazione italiana.


Analogamente, le Istituzioni competenti degli Stati esteri determineranno il diritto alle prestazioni a loro carico, se necessario, tenendo conto della contribuzione accreditata in Italia.


Di seguito si elencano le fonti normative comunitarie e le principali disposizioni applicative emanate dall’INPS relative alle prestazioni pensionistiche in regime comunitario.


Regolamenti comunitari


La normativa comunitaria non crea un sistema previdenziale europeo ma coordina le normative dei vari sistemi previdenziali nazionali, in modo da garantire la tutela dei diritti di sicurezza sociale dei lavoratori migranti e l’esercizio del diritto alla libera circolazione dei cittadini europei.


La regolamentazione comunitaria in materia di sicurezza sociale è immediatamente e direttamente applicabile ai Paesi che fanno parte dell’Unione europea.


Di seguito si riportano i principali regolamenti comunitari che disciplinano la materia:

  • REGOLAMENTO (CE) N. 883/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004 relativo al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale (versione consolidata del 08.01.2013);
  • REGOLAMENTO (CE) N. 987/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 16 settembre 2009 che stabilisce le modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 883/2004 relativo al coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale (versione consolidata del 08.01.2013).

Per maggiori informazioni vedi anche: Regolamenti comunitari.

Decisioni della Commissione amministrativa


La Commissione amministrativa per il coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale ha adottato le seguenti principali decisioni e raccomandazioni sulle disposizioni della nuova regolamentazione comunitaria, in materia di prestazioni pensionistiche, in vigore dal 1° maggio 2010:

 

  • Decisione E 3 2011 Periodo transitorio per l’attuazione del sistema EESSI;
  • Decisione H 6 2010 Applicazione dei principi riguardanti la totalizzazione dei periodi assicurativi;
  • Decisione E 1 2009 Disposizioni pratiche per il periodo transitorio previsto per lo scambio dei dati con mezzi elettronici;
  • Decisione P 1 2009 Ricalcolo delle pensioni di invalidità, vecchiaia e ai superstiti;
  • Raccomandazione P 1 2009 Applicazione della sentenza Gottardo ai sensi dei nuovi regolamenti.

Circolari INPS

 

  • Circolare 3 2013, Applicazione alla Svizzera e ai Paesi SEE dei nuovi regolamenti comunitari. Disposizioni in materia di disoccupazione.
  • Circolare 119 2012, Legge n. 214/2011 di conversione con modificazioni del decreto legge n.201/2011. Nuove disposizioni in materia di trattamenti pensionistici. Legge n. 14/2012 di conversione con modificazione del decreto legge n.216/2011, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative. Disposizioni e chiarimenti in materia di prestazioni in regime internazionale.
  • Circolare 111 2012, Applicazione alla Svizzera e ai Paesi SEE dei nuovi regolamenti comunitari. Precisazioni sull’applicazione delle disposizioni in materia di maggiorazione sociale.
  • Circolare 110 2012, Applicazione alla Svizzera e ai Paesi SEE dei nuovi regolamenti comunitari. Precisazioni in materia di assegno per l’assistenza personale e continuativa al titolare di pensione di inabilità.
  • Circolare 95 2012, ,Legge 22 dicembre 2011, n. 214, recante disposizioni urgenti in merito alla pensione di vecchiaia e alla pensione anticipata. Precisazioni in materia di pensioni in regime comunitario e cd. importo soglia.
  • Circolare 71 2012, Accredito figurativo e riscatto dei periodi di congedo di maternità e di congedo parentale fuori dal rapporto di lavoro.
  • Circolare 70 2012 ,Applicazione, dal 1° aprile 2012, alla Svizzera dei nuovi regolamenti comunitari. Precisazioni in materia di prestazioni orfanili e tassi di cambio ai Paesi UE, ai Paesi SEE e alla Svizzera.
  • Circolare 164 2011, Modalità di presentazione telematica delle domande di pensione in regime internazionale.
  • Circolare 156 2011, Nuovi regolamenti comunitari e Paper SED della serie P in materia di pensioni, e H (orizzontali).
  • Circolare 127 2011 ,Prepensionamenti lavoratori dipendenti di aziende editoriali in crisi: possibilità di cumulo dei periodi assicurativi esteri.
  • Circolare 165 2010 ,Prestazioni pensionistiche e formulario P1.
  • Circolare 88 2010 ,Prestazioni pensionistiche.
  • Circolare 82 2010, Parte generale.

Spazio economico europeo.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.

Spazio economico europeo.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.

Spazio economico europeo.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.

Spazio economico europeo.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.
  1. Percorso di navigazione

    Le voci indicano la posizione della pagina nell'alberatura del portale, permettendo la navigazione veloce a ritroso.

  2. Il menu di sezione

    In quest'area sono presenti le principali voci della sezione. Il simbolo "+" indica la presenza di sottosezioni. Con un clic su una voce puoi accedere al contenuto.

  3. I pulsanti di servizio SALVA e STAMPA

    Con i due pulsanti puoi scegliere di salvare il contenuto in formato PDF o stamparlo direttamente.

  4. Filtrare i risultati

    In quest'area è possibile scegliere la modalità di visualizzazione delle notizie (griglia o lista) e filtrare i risultati tramite una ricerca libera inserendo parole chiave o periodo di pubblicazione negli appositi campi.