Fondo di garanzia della posizione previdenziale complementare

Cos'è

L'articolo 5, decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 80, modificato dall'articolo 21, decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, ha istituito presso l'INPS il Fondo di garanzia per la posizione previdenziale complementare, che ha lo scopo di intervenire se il datore di lavoro insolvente ha omesso di versare in tutto o in parte i contributi alla forma di previdenza complementare del lavoratore. 

Il Fondo appartiene alla Gestione Prestazioni temporanee ai lavoratori dipendenti ed è alimentato da una quota pari all'1% del contributo di solidarietà (articolo 9-bis, legge 1° giugno 1991, n. 166) dovuto sulle contribuzioni o somme a carico del datore di lavoro destinate alla previdenza pensionistica complementare, diverse dalla quota TFR .

A chi è rivolto

Come funziona

Domanda

Trattamento di fine rapporto: somma che il datore di lavoro deve corrispondere al proprio dipendente alla cessazione del rapporto, corrispondente alla sommatoria delle quote di retribuzione accantonate e rivalutate annualmente.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.