Rapporti di apprendistato: assetto del regime contributivo

Il decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, in attuazione della legge delega 10 dicembre 2014, n. 183, ha riordinato la normativa in materia di contratti di apprendistato e ha disposto l’abrogazione del Testo Unico dell’apprendistato (decreto legislativo 14 settembre 2011, n. 167).

Il contratto di apprendistato è normato dagli articoli 41-47 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, sulla base di una continuità con la disciplina previgente del decreto legislativo 14 settembre 2011, n. 167.

Le tipologie di apprendistato vigenti non presentano sostanziali variazioni rispetto alla precedente disciplina e si articolano in:

  • apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore;
  • apprendistato professionalizzante;
  • apprendistato di alta formazione e di ricerca.

Con la circolare INPS 14 novembre 2018, n. 108, si riassume l’assetto del regime contributivo relativo ai rapporti di apprendistato per favorire il corretto assolvimento degli obblighi contributivi, nella prospettiva di analisi delle misure di agevolazione introdotte nel corso degli ultimi anni al fine di promuovere le predette forme contrattuali

  1. Accedi al servizio

    Selezionando il pulsante puoi accedere direttamente al servizio o a un eventuale ulteriore menu di scelta.

  2. Indice

    Attraverso l'indice della pagina puoi selezionare ogni singola voce per accedere direttamente alla sezione di tuo interesse.

  3. Il contenuto della pagina

    In quest'area è presente il contenuto della pagina. Con il segno + puoi espandere la sezione che ti interessa.

  4. Accesso al servizio

    Selezionando il pulsante puoi accedere direttamente al servizio o a un eventuale ulteriore menu di scelta.