Messa a reddito del patrimonio immobiliare

L'Istituto procede alla messa a reddito delle unità immobiliari non soggette a vincoli di legge attraverso avvisi pubblici a cura delle Direzioni regionali ovvero del Gestore affidatario.

I due grafici sottostanti forniscono la rappresentazione dello stato delle unità immobiliari distinguendo tra libero, locato e occupato senza titolo. Il primo grafico mostra lo stato di tutte le unità immobiliari esclusi i terreni, mentre il secondo mostra lo stato di tutte le unità principali (esclusi box, cantine, soffitte etc). I dati esposti ricomprendono sia la prevalente componente di patrimonio soggetto a vincoli normativi, in quanto retrocesso dalle operazioni SCIP, pari a circa l'80% del totale, sia la restante, marginale parte (circa 20%) libera da vincoli in quanto mai ricompresa nelle operazioni di cartolarizzazione.

fig. 4.jpg 

*In caso di contratto di locazione scaduto, il conduttore continua a pagare il canone sotto forma di indennità di occupazione con gli aggiornamenti Istat. Il rapporto, comunque, prosegue fino al rinnovo del contratto.

Ulteriori informazioni riguardo al patrimonio immobiliare da reddito dell'Istituto sono disponibili qui.