Società sportive dilettantistiche

ATTENZIONE: la seguente pagina è archiviata e le notizie e informazioni presenti hanno solo un valore storico e potrebbero non essere più in linea con la normativa vigente alla data di oggi.

 

DEFINIZIONI


Si definiscono società sportive dilettantistiche: il CONI , le Federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva e qualunque altro organismo, comunque denominato, che persegue finalità sportive dilettantistiche e che sia da essi riconosciuto.


ESERCIZIO DIRETTO DI ATTIVITÀ SPORTIVE


(circ. 32/01)


L'art 37 della L. 342/00 ha successivamente stabilito che i compensi corrisposti dai suddetti soggetti "nell'esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche" sono qualificati come "redditidiversi" e come tali inseriti all'art. 67 (ex art. 81), c. 1, lett. m del TUIR; ne consegue l'esclusione dalla contribuzione alla Gestione Separata.


L'inquadramento decorre retroattivamente dal 1° gennaio 2000, ma sono stati fatti salvi gli atti già adottati fino all'entrata in vigore della suddetta legge (10/12/00), in conformità alla previgente disciplina (L. 133/99, DMF 473/99); pertanto non si può dar luogo, ad esempio, a rimborsi di contributi per compensi assoggettati nel 2000 e diventati esenti con le nuove disposizioni.


PROGETTO


(circ. 9/04 – Dlgs 276/03, art. 61, c.3)


La riforma Biagi ha escluso comunque dalla disciplina del progetto le collaborazioni coordinate e continuative rese a favore di associazioni e società sportive dilettantistiche affiliate alle federazioni sportive nazionali, alle discipline sportive associate ed agli enti di promozione sportiva riconosciute dal CONI .




Comitato Olimpico Nazionale Italiano

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.