Relazione annuale del Commissario straordinario dell'Inps

Relazione annuale del Commissario straordinario dell

Martedì 8 luglio, alle ore 11, presso Palazzo Montecitorio, Sala della Regina, il Commissario straordinario dell’Inps, Vittorio Conti, ha presentato la Relazione Annuale dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Nel consueto appuntamento, giunto alla sesta edizione, Inps si propone di comunicare al Parlamento i risultati dell’attività svolta nel corso dell’anno precedente.


Introdotto dall’intervento della Vice Presidente della Camera, Marina Sereni, Vittorio Conti ha offerto nella sua Relazione una lettura dei dati più rilevanti del Rapporto annuale Inps 2013, a partire dalla situazione di crisi delle aziende e dalla crescente spesa per le prestazioni a sostegno del reddito (10,3 mld di euro per assegni familiari, malattia e maternità) e gli ammortizzatori sociali (23,6 mld di euro per CIG, mobilità e disoccupazione). Dati che rappresentano il perdurare della crisi economica e sociale nel nostro Paese e che impongono di valutare con attenzione la sostenibilità del sistema pensionistico adottato in Italia e gli impatti delle misure assunte dai Governi per favorire la ripresa economica e occupazionale, contrastando la disoccupazione e gli effetti più pesanti della crisi a livello sociale, nel mutevole scenario socio-economico di questi anni, profondamente segnato anche dai fenomeni migratori e dalle dinamiche demografiche. “Di fatto, ha affermato Conti, la coesione sociale è un ingrediente imprescindibile per uno sviluppo economico virtuoso, duraturo e sostenibile”.

Se il sistema contributivo a ripartizione si è dimostrato funzionale a tenere sotto controllo il rapporto tra spesa pensionistica e PIL, fermandone la crescita dal 14% (prima della crisi) al 16,3% di oggi, in linea con valori medi dell’Europa, tuttavia, la crescita economica resta un obiettivo essenziale del Paese per garantire rendite pensionistiche più elevate e per assicurare maggiore occupazione e adeguate tutele. In merito, il Commissario ha anche riproposto l’ipotesi di destinare a forme di previdenza complementare il TFR integrato fino ad una contribuzione del 10,5% per migliorare i rendimenti pensionistici nel futuro, confermando la disponibilità dell’Inps a “portare a compimento il processo già avviato, sotto la guida dei Ministeri del Lavoro e dell’Economia, per la definizione dei passi necessari al fine di fornire ai cittadini i supporti più adeguati per rendere praticabili decisioni consapevoli”. Il Commissario dell’Inps ha anche posto l’urgenza di completare l’iter per la ridefinizione della governance dell’Istituto, coinvolgendo Istituzioni e parti sociali e segnalando i seguenti risultati: un attivo patrimoniale di 21 miliardi previsto a fine 2014; il progressivo miglioramento dell’equilibrio gestionale; l’adozione ad aprile del Piano industriale triennale 2014-2016 per l’integrazione di Inpdap ed Enpals con la previsione di 2500 nuove assunzioni in tre anni.

Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, ha espresso il suo apprezzamento per la Relazione del Commissario, nella quale ha colto un’importante rassicurazione sul progressivo consolidamento del sistema pensionistico ma anche l’urgenza di ridefinire a breve la Governance dell’Inps, Istituto che, a suo giudizio, deve avere un ruolo chiave in una gestione sistemica delle politiche attive, del welfare e degli ammortizzatori sociali. “Abbiamo bisogno di ricostruire elementi di certezza – ha affermato il Ministro - serve un Osservatorio pubblico credibile che certifichi, ad esempio, il tasso di sostituzione per le pensioni e altri dati essenziali per i decision makers.”



Documentazione


Fotogallery dell’evento - 8 luglio 2014


Rassegna multimediale - Relazione annuale 2013 - 8 luglio 2014

  

    Trattamento di fine rapporto: somma che il datore di lavoro deve corrispondere al proprio dipendente alla cessazione del rapporto, corrispondente alla sommatoria delle quote di retribuzione accantonate e rivalutate annualmente.

    Registrati al MyINPS
    per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.
    1. Percorso di navigazione

      Le voci indicano la posizione della pagina nell'alberatura del portale, permettendo la navigazione veloce a ritroso.

    2. Il menu di sezione

      In quest'area sono presenti le principali voci della sezione. Il simbolo "+" indica la presenza di sottosezioni. Con un clic su una voce puoi accedere al contenuto.

    3. I pulsanti di servizio SALVA e STAMPA

      Con i due pulsanti puoi scegliere di salvare il contenuto in formato PDF o stamparlo direttamente.

    4. Filtrare i risultati

      In quest'area è possibile scegliere la modalità di visualizzazione delle notizie (griglia o lista) e filtrare i risultati tramite una ricerca libera inserendo parole chiave o periodo di pubblicazione negli appositi campi.