Presentazione delle attività di progetto

Le attività del Progetto UE-Cina per la Riforma della Protezione sociale

L’INPS, in qualità di Project Leader del Progetto UE-Cina per la Riforma della Protezione sociale, nello svolgimento delle sue funzioni si avvale della collaborazione di due partner con funzioni di Segretariato di progetto: SISPI - Italia Previdenza S.p.A. per le attività della Componente 2 e le attività trasversali, e l’agenzia francese Expertise France per le attività delle Componenti 1 e 3.

L’INPS svolge anche le funzioni di coordinatore della Componente 2 del Progetto.

Il gruppo di lavoro dell’INPS per il coordinamento e la realizzazione del progetto è così composto (determinazione del Direttore generale n. 16 del 3 aprile 2017):

Project Leader

Massimo Antichi

Coordinatore Componente 2

Valeria Bonavolontà

Segreteria di Progetto

Maria Grazia Rocchi

Staff scientifico

Massimo Antichi

 

Giuseppe Conte

Luca Sabatini

Rocco Lauria

Maria Grazia Sampietro

 

Descrizione delle attività del primo anno di Progetto (novembre 2014 - novembre 2015)

Con l’avvio delle attività progettuali, sono stati organizzati importanti eventi che hanno contribuito alla creazione di una partnership e di un dialogo sulla riforma della sicurezza sociale fra il Consorzio e le Autorità governative cinesi.
I principali eventi del 2015 che hanno coinvolto direttamente l’INPS sono stati:

  • Il workshop sul tema “Reform of public pension systems” della Componente 1, tenutosi a Bruxelles il 2 e il 3 febbraio;
  • Il Project Advisory Committee (PAC) organizzato a Pechino il 21 aprile
  • Il training sul tema “Multi-tier pension systems in Europe” della Componente 1, tenutosi in Francia dal 21 giugno al 4 luglio;
  • L’Opening Event Ceremony, tenutosi a Pechino il 15 settembre, volto a presentare ufficialmente il Consorzio Europeo e le tre componenti del Progetto ai beneficiari cinesi;
  • L’High Level Event (HLE) on “Social Protection Reform Challenges for Legal Framework for Social Assistance” della Componente 3, che si è tenuto a Pechino il 15-16 settembre;
  • L’High Level Event ha assunto un’importante rilevanza per l’Istituto grazie alla partecipazione del Presidente, Prof. Tito Boeri, in qualità di relatore sul tema “Challenges in social protection policies” e del Dott. Luca Sabatini, Direttore Centrale delle Prestazioni a Sostegno del Reddito, sul tema “Basis and methods of determining the minimum standard of living: the Italian experience and the ISEE”;
  • Lo Study Visit sul tema “Employment and Social Security Reform” della Componente 1, tenutosi in Spagna, Polonia e Repubblica Ceca dal 27 Ottobre al 5 Novembre;
  • Il workshop sul tema “NDC Systems and Public Pension Reform: Challenges, prospects and EU experiences” organizzato dalla Componente 2 a Pechino il 15 dicembre.

Maggiori informazioni sulle attività del primo anno sono presenti sul sito internet del Progetto: www.euchinasprp.eu/en

***

Descrizione delle attività del secondo anno di Progetto (novembre 2015 - novembre 2016)
Gli eventi principali del Progetto che hanno coinvolto direttamente l’INPS nel 2016 sono stati:

  • Il Project Advisory Committee (PAC), che si è tenuto nella sede della EUD a Pechino il 6 aprile.
    In questa occasione i partecipanti hanno adottato il programma delle attività per il 2016. Il PAC ha messo in evidenza i progressi significativi realizzati grazie alla nuova struttura gestionale del Progetto, con l’importante supporto del Segretariato e della nuova leadership che hanno contribuito a risolvere la maggior parte dei problemi che si erano creati nel corso del primo anno;
  • Il Policy Dialogue e l’International Workshop a Pechino della Componente 1, tenutisi il 26 aprile, che hanno riunito alcuni dirigenti di alto livello della Commissione Europea, alcuni leader dell’NDRC e esperti cinesi ed europei per discutere delle interrelazioni fra il livello dell’occupazione e le politiche di sicurezza sociale;
  • Nell’ottica del programma di attività della C1 previste dal Progetto, in particolare dei “siti pilota”, si sono realizzati con successo un training e un seminario a Foshan, provincia di Guangdong il 27 e 28 aprile;
  • C1 ha organizzato il training course per 20 dirigenti dell’NDRC a livello nazionale e provinciale che si è tenuto in Spagna dal 20 giugno all’1 luglio;
  • il Dialogue and Study Visit della C1 sul tema “Influence of Employment and Social Security Policies on Income Distribution in Post-Crisis Era”, tenutosi in Francia e Belgio dal 29 agosto al 4 settembre, che ha coinvolto una delegazione di alto livello dell’NDRC;
  • Il 12 luglio la Componente 2, in collaborazione con il MOF, ha organizzato un workshop all’Università di Renmin intitolato “La sostenibilità del sistema di protezione sociale in un mercato del lavoro in evoluzione”, come previsto nel piano delle attività della C2 per l’anno 2016. Lo stesso giorno si è avuta una sessione più approfondita sui temi specificamente attuariali (metodologie e processi usati per le proiezioni sulla sicurezza sociale), a cui hanno preso parte, tra gli altri, il prof. Carlo Mazzaferro dell’Università di Bologna e la dott.ssa Angela Legini, esperta ed attuaria dell’Inps, e esperti e attuari del MoHRSS;
  • Come da piano delle attività previste per il 2016, la Componente 2 ha organizzato un training in Italia dal 16 al 30 ottobre che si è realizzato a Roma e a Firenze e ha previsto l’organizzazione di una panel discussion sui topic affrontati durante il 2016 a dicembre;
  • L’High Level Event del 28 e 29 settembre della C1 sul tema: “Perspective of Employment Policy and Social Security Reform 2016 to 2020”, nell’ambito del quale è stato molto apprezzato l’intervento del prof. Stefano Sacchi, accademico e commissario straordinario ISFOL, mentre il dott. Conte ha tenuto uno dei due discorsi conclusivi e un discorso alla cena conclusiva dell’HLE;
  • La Componente 3 ha organizzato un workshop presso il MoCA (Ministero degli Affari Civili) tenutosi il 1 marzo;
  • Lo Study Visit della C3 si è realizzato presso tre paesi Europei: Romania, Repubblica Ceca e Polonia, dal 13 al 21 giugno per una delegazione del MoCA guidata dal Sig. Liu Xitang, Direttore Generale dell’Ufficio di Assistenza Sociale del MoCA.

Maggiori informazioni sulle attività del secondo anno sono presenti sul sito internet del Progetto: www.euchinasprp.eu/en

***

Descrizione delle attività del terzo anno di Progetto (novembre 2016 - novembre 2017) 
Gli eventi principali del Progetto che hanno coinvolto direttamente l’INPS nel 2017 sono stati:

Nel mese di settembre 2017 l’INPS, come Coordinatore della Componente 2 del Progetto EU-China SPR, ha organizzato un Training della durata di due settimane rivolto a 14 dirigenti e funzionari del Dipartimento della Sicurezza Sociale del Ministero delle Finanze cinese (MoF), di cui tre esponenti del governo centrale e undici provenienti dagli uffici provinciali.

Il training intitolato “Social Security in an Ageing Society: EU practices, Responding to the Demograph Challenge” (La Sicurezza Sociale in una società che invecchia: le misure attuate in UE per affrontare la sfida demografica) si è svolto in Francia (a Parigi e Marsiglia), uno dei Paesi Partner del Consorzio del Progetto ed è stato organizzato in collaborazione con la Scuola Nazionale di Amministrazione (SNA).

Durante le due settimane di training sono state presentate sia studi di accademici sia contributi di esperti di Istituzioni pubbliche e private che operano negli ambiti di interesse. In totale hanno preso parte all’evento venticinque esperti provenienti da Italia, Francia, Germania, Repubblica Ceca e Regno Unito. Sono stati analizzati gli interventi di vari Governi europei in relazione al progressivo invecchiamento della popolazione e ai conseguenti problemi, quali la sostenibilità del sistema pensionistico pubblico, le soluzioni offerte dai mercati finanziari per assicurare pensioni adeguate e il problema di assicurare long-term care alla popolazione più anziana. E’ stato, altresì, approfondito il tema della relazione che può esserci tra invecchiamento della popolazione e benessere sociale, con spunti di comparazione Europa-Cina.

Il 13 settembre 2017 a Parigi si è tenuto il settimo IMC (Internal Meeting Committee), riunione in cui l’INPS, come Project Leader e Coordinatore della componente 2 del Progetto, incontra i Coordinatori delle altre Componenti e i Partner del Consorzio per valutare le attività svolte e discutere delle attività future. In particolare si è concordato che le tre Componenti debbano lavorare in modo più integrato, sia per evitare sovrapposizioni sia per giungere a risultati coerenti, e si è dato mandato ai tre Coordinatori delle Componenti e ai corrispondenti Resident Expert di operare in modo coordinato sia in fase di programmazione sia in fase di realizzazione delle attività.

***

Descrizione delle attività del quarto anno di Progetto (novembre 2017 - novembre 2018) 

Il 1° dicembre 2017 l’Inps ha organizzato a Roma, nella sede di Palazzo Wedekind, il secondo Coordination Meeting tra il Project Leader, i Coordinatori e i Resident Expert delle tre Componenti, i Partner del Consorzio e i Beneficiari Cinesi rappresentati da alti dirigenti dei Ministeri degli Affari generali e delle Finanze (i rappresentanti della NDRC invece non hanno potuto partecipare). Si è discusso sui risultati delle attività svolte nel 2017 e sul quadro finanziario dei primi tre anni di Progetto. Sono stati inoltre presentati i piani delle attività per il 2018, con un focus particolare sull’intensificazione della collaborazione tra le tre Componenti nell’ultimo anno del Progetto. Gli Stakeholder cinesi hanno espresso pieno apprezzamento per gli obiettivi raggiunti.

Il 22 dicembre 2017 è stato presentato alla Delegazione europea competente il Financial Report del secondo anno del Progetto, a conclusione delle attività di verifica svolte dal Project leader e da una società di audit appositamente incaricata sulle spese effettuate dai Segretariati.

Il 6 febbraio 2018 si è svolto a Pechino il 4° meeting P.A.C. (Project Advisory Committee) per il progetto EU-China SPRP. L’Incontro è stato presieduto dal dott. Jerome Pons, nuovo capo delegazione UE per la Cina e la Mongolia, e ne hanno preso parte i rappresentanti dei tre ministeri cinesi beneficiari del Progetto: NDRC (Commissione nazionale per le riforme dello sviluppo), MOF (Ministero delle Finanze) e MOCA (Ministero degli affari civili), il Ministero cinese delle Risorse Umane e Sicurezza sociale, altre agenzie invitate, alcuni rappresentanti delle Istituzioni europee del Consorzio, i Resident Expert e i Coordinatori delle tre Componenti del Progetto e il Project Leader.
Durante l’incontro i vari responsabili e stakeholder ripartiti nelle tre componenti hanno discusso sui progressi del Progetto e sui risultati positivi raggiunti nel corso del 2017 approvando quello che sarà il piano di lavoro per tutta l’annualità 2018. Nel dettaglio:

La Componente 1, coordinata dai Partner francesi, dopo essersi soffermata durante la fase iniziale di progetto su temi fondamentali quali lo studio dei diversi sistemi pensionistici e l’analisi delle questioni legate alla sostenibilità e all’invecchiamento, analizzati rispettivamente nel corso del 2015 e del 2016, nel 2017 si è dedicata ai temi riguardanti l’occupazione, le politiche di protezione sociale e le riforme dei regimi pensionistici, introducendo, altresì, il tema delle questioni di genere.

La Componente 2, coordinata dall’INPS, ha illustrato le tematiche che sono state oggetto di analisi nel corso del 2017: un sistema integrato per la gestione coordinata del sistema di assistenza sociale, sviluppo dei servizi a favore degli anziani con particolare riguardo al sitema di “Long Term Care”, strategie di investimento dei fondi sociali e metodologie di controllo del rischio. Tutte le tematiche mirano ad affrontare, dal punto di vista del finanziamento del sistema di protezione sociale, il fenomeno dell’invecchiamento della popolazione che interessa sia la Cina sia l’Europa.

La componente 3, coordinata dai Partner polacchi, nel 2017 ha trattato l’ottimizzazione delle procedure di assistenza sociale, i criteri di selezione dei beneficiari delle prestazioni di assistenza sociale e il coordinamento delle risorse impiegate per l’assistenza sociale.
Per tutte le Componenti, una serie di esperti europei e cinesi hanno sviluppato durante l’anno report e studi che hanno condotto all’elaborazione di suggerimenti di politica economico-sociale. Vari eventi come training, visite di studio, tavole rotonde e seminari sono stati organizzati sia in Cina sia in Europa.
Al PAC sono state illustrate anche le conclusioni positive della valutazione sullo stato di avanzamento del Progetto effettuata dall’UE nel maggio 2017. Detta valutazione è stata svolta sulla base di cinque criteri fondamentali: la pertinenza, l’efficacia, l’impatto, l’efficienza e la sostenibilità.
La Delegazione UE durante il PAC ha raccomandato un maggior coordinamento delle attività delle tre Componenti e a tal fine ha accolto favorevolmente la proposta di INPS, quale Project Leader, di istituire presso l’Ufficio di Pechino una “Task force”, composta dai tre Resident Expert, che avrà anche la responsabilità di sviluppare i temi trasversali alle tre Componenti, come le questioni di genere e quelle legate allo sviluppo dei servizi di Long Term Care. E’ previsto che la Task Force presenti un piano annuale delle proprie attività al Project Leader e alla delegazione EUD.
Tutte le parti si sono, infine, espresse favorevolmente su una ipotetica estensione del Progetto per un ulteriore anno oltre la scadenza attualmente prevista per metà novembre 2018, considerata la previsione di risorse finanziarie che saranno disponibili per il suo finanziamento. Secondo quanto è stato concordato durante il PAC di Pechino una richiesta di estensione della durata del Progetto dovrà essere formalizzata alla Delegazione UE entro la fine di luglio 2018.

***

Corso organizzato da INPS a  Roma e Milano dal 2 al 13 luglio per i rappresentanti del Ministero delle Finanze cinese (MoF)
L’Istituto ha organizzato un corso di due settimane rivolto a 18 dirigenti e funzionari del Ministero delle Finanze cinese, dedicato al tema del Finanziamento del sistema di sicurezza sociale in una società che invecchia, con un focus particolare sul ruolo della finanza pubblica e dei fondi integrativi. Il tema è stato affrontato in modo interdisciplinare dai relatori provenienti non solo dal mondo accademico, ma anche da Istituzioni italiane ed europee, ivi compresi gli enti previdenziali che partecipano con INPS alla Piattaforma delle Istituzioni di Sicurezza Sociale Europee (ESIP).
L’oggetto del corso è stato affrontato sotto vari profili:  dalla demografia alla sostenibilità dei sistemi previdenziali, dall’analisi dei sistemi di raccolta dei contributi al rapporto tra mercato del lavoro e previdenza sociale in un contesto di invecchiamento progressivo della popolazione e di mutamento delle condizioni di lavoro, dalle opportunità della telemedicina per ridurre i costi della sanità, all’importanza della diffusione nella popolazione di un discreto livello di alfabetizzazione in materia finanziaria, dall’analisi dei fondi pensione esistenti in Italia al ruolo dei Comuni e del terzo settore nell’assistenza agli anziani.
Nella giornata di saluto iniziale, il Presidente dell’Istituto ha incontrato l’ambasciatore cinese in Italia a Palazzo Wedekind, a sottolineare l’importanza del Progetto nelle relazioni del nostro Paese con la Cina.
Il corso è stato organizzato dalla Direzione centrale Studi e Ricerche, Area Analisi internazionale e comparata dei sistemi giuridici di previdenza sociale, in sinergia con la Scuola Nazionale di Amministrazione (SNA) e con la Direzione di Coordinamento metropolitano di Milano e in collaborazione con il Ministero dell’Economia e Finanze italiano e la Banca d’Italia, che hanno curato direttamente sue sessioni del training.

Corso a Milano e Roma dal 15 al 26 ottobre per i rappresentanti della Commissione nazionale cinese per lo Sviluppo e le Riforme (NDRC)
L’Istituto, nell’ambito del progetto UE-Cina per la Riforma della Protezione Sociale cinese, di cui è Project Leader, ha organizzato dal 15 al 26 ottobre un corso di due settimane a Milano e a Roma per ventidue rappresentanti della Commissione nazionale cinese per lo Sviluppo e le Riforme (NDRC) sui temi tra loro connessi della redistribuzione del reddito, della povertà e dell’impatto delle nuove tecnologie sul mercato del lavoro. Il corso è articolato in ventidue sessioni collegate l’una all’altra dal filo rosso della necessità di comprendere i fenomeni socio-economici e demografici in atto per valutare l’efficacia e la sostenibilità delle politiche di protezione sociale già in vigore o in programma in vari Paesi europei ed extraeuropei. I relatori provengono sia dalle Istituzioni italiane ed europee (OCSE, Ministero dell’Economia e Finanze italiano, Banca d’Italia, Istituto previdenziale della Finlandia, INAPP, ANPAL, Comune di Milano, ecc.) sia dal mondo accademico (Università di Roma, Reggio Emilia, Milano, ecc.) sia dall’INPS (Direzioni centrali Studi e Ricerche, Entrate e Recupero Crediti e Direzione di coordinamento metropolitano di Milano). Il corso è stato organizzato dall’Area analisi comparata internazionale dei sistemi di protezione sociale della Direzione Studi e Ricerche in collaborazione con la Scuola Nazionale di Amministrazione, partner di INPS nel progetto SPRP, e la Direzione di Coordinamento metropolitano di Milano. Si tratta del quarto corso di questo tipo attivato dall’Istituto in due anni. Tutte le presentazioni saranno pubblicate sul sito del progetto dove sono reperibili anche maggiori informazioni sulle attività del quarto anno di Progetto www.euchinasprp.eu/en

Nel novembre 2018 la competente Delegazione dell’Unione Europea ha deciso l’estensione di un ulteriore anno del Progetto “Social Protection Reform” al fine di consolidare gli ottimi risultati raggiunti, attraverso esperienze-pilota e la sistematizzazione dei prodotti scientifici realizzati nei primi quattro anni di attività.

Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.

Indicatore della situazione economica equivalente, che deriva dal rapporto tra l'ISE e il numero dei componenti del nucleo familiare in base a una scala di equivalenza stabilita dalla legge.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.
  1. Percorso di navigazione

    Le voci indicano la posizione della pagina nell'alberatura del portale, permettendo la navigazione veloce a ritroso.

  2. Il menu di sezione

    In quest'area sono presenti le principali voci della sezione. Il simbolo "+" indica la presenza di sottosezioni. Con un clic su una voce puoi accedere al contenuto.

  3. I pulsanti di servizio SALVA e STAMPA

    Con i due pulsanti puoi scegliere di salvare il contenuto in formato PDF o stamparlo direttamente.

  4. Filtrare i risultati

    In quest'area è possibile scegliere la modalità di visualizzazione delle notizie (griglia o lista) e filtrare i risultati tramite una ricerca libera inserendo parole chiave o periodo di pubblicazione negli appositi campi.