www.inps.it - Ultimi Aggiornamenti del portaleInps.it - Ultimi Aggiornamenti del portalehttp://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?rss=yesit-IThttp://blogs.law.harvard.edu/tech/rssTue, 22 Jan 2019 15:44:15 GMThttp://www.inps.it/nuovoportaleinps/images/logo_bussola_new.jpginps.ithttp://www.inps.it8450WorkINPS Papershttp://www.inps.it//nuovoportaleinps/default.aspx?sID=%3B0%3B&iMenu=1&iNodo=50762Ultimi Aggiornamenti<p>Al fine di stimolare commenti e suggerimenti, i lavori di ricerca realizzati nell’ambito del progetto VisitINPS nonché quelli presentati da esperti indipendenti in seminari Inps possono essere pubblicati all’interno della collana di studi e ricerche denominata WorkINPS Papers - ISSN 2532 - 8565.</p> <p>&#160;</p> <ul> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (1,6MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/1_WorkINPS_Papers_1luglio2016.pdf',3);">n. 1 - Tito Boeri - Pietro Garibaldi - Espen Moen - “A clash of generations? Increase in Retirement Age and Labor Demand for Youth” - luglio 2016</a>&#160;(pdf 1,6MB)</li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (1,5MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/2_WorkINPS_Papers_2settembre2016.pdf',3);">n. 2 - Bruno Anastasia - Saverio Bombelli - Stefania Maschio - “Il Lavoro accessorio dal 2008 al 2015. Profili dei lavoratori e dei committenti.” -&#160;settembre&#160;2016</a> (pdf 1,5MB)</li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (992KB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/3_WorkINPS_Papers_3ottobre2016.pdf',3);">n. 3 - Bruno Anastasia - Letizia Bertazzon - Stefania Maschio - Giulio Mattioni - “ I licenziamenti: consistenza, dinamiche e caratteristiche nel periodo 2007-2014.” - ottobre 2016</a>&#160;(pdf 992KB)</li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (2MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/4_WorkINPS_Papers_4maggio2017.pdf',3);">n. 4 - Nicola Bianchi – Michela Giorcelli - “Scientific Education and Innovation: From Technical Diplomas to University STEM Degrees’’ - maggio 2017</a>&#160;(pdf 2MB)</li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (339KB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/5_WorkINPS_Papers_5agosto2017.pdf',3);">n. 5&#160;- Guido Pellegrini -“Quale è l’impatto delle politiche Regionali sul mercato del lavoro locale?’’ - agosto 2017</a> (pdf 339KB)</li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (517KB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/6_WorkINPS_Papers_6agosto2017.pdf',3);">n. 6&#160;Lorenzo Cappellari - “The Effects of Youth Labor Market Reforms: Evidence from Italian Apprenticeships’’ - agosto 2017</a> (pdf 517KB)</li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (3MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/7_WorkINPS_Papers_13_settembre_17.pdf',3);">n. 7 - Roberto De Vincenzi - &quot;Interoperabilità delle banche dati amministrative sulle politiche passive e attive del lavoro&quot; - ottobre 2017</a> (pdf 3MB)</li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (1,7MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/8_WorkINPS_Papers_25_settembre 2017.pdf',3);">n. 8 – Chiara Binelli - “Employment and Earnings Expectations of Jobless Young Skilled: Evidence from Italy&quot; – ottobre 2017</a> (pdf 1,7 MB)</li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (1,5MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/9_WorkINPS_Papers_2_ottobre_2017.pdf',3);">n. 9 – Enrica Maria Martino - &quot;The Labor Cost of Motherhood And the Length of Career Breack Around Childbirth&quot; - ottobre 2017</a> (pdf 1,5MB)</li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (1,8MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/10_WorkINPS_Papers_19febbraio_2018.pdf',3);">n. 10 – Tito Boeri - Pietro Garibaldi - &quot;Graded Security and Labor Market Mobility Clean Evidence from the Italian Jobs Act&quot; – febbraio 2018</a> (pdf 1,8MB)</li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (2,6MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/11_WorkINPS_Papers_14marzo_2018.pdf',3);">n. 11 – Lorenzo Cappellari - Paul Bingley - &quot;Workers, Firms and Life Cycle Wage Dynamics&quot; – marzo 2018</a> (pdf 2,6MB)</li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (1MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/12_WorkINPS_Papers_aprile_2018_Francesco_Devicienti.pdf',3);">n. 12 - Francesco Devicienti - Bernardo Fanfani - Agata Maida - &quot;Collective Bergaining and the Evolution of Wage Inequality in Italy&quot; - aprile 2018</a> (pdf 1MB)</li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (1MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/13_WorkINPS_Papers_aprile_2018_Paolo_Naticchioni.pdf',3);">n. 13 - Marianna Belloc - Paolo Naticchioni – Claudia Vittori - &quot;Urban Wage Premia, Cost of Living, and Collective Bargaining&quot;&#160;- settembre 2018</a> (pdf 1MB)</li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (3MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/14_WorkINPS_Papers_ottobre_2018_Salome_Baslandze.pdf',3);">n. 14 - Salomè Baslandze - Ufuk Akcigit – Francesca Lotti - &quot;Connecting to Power: Political Connection, Innovation, and Firm Dynamics&quot; - ottobre 2018 </a> (pdf 3MB)</li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (4,64MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/15_WorkINPS_Papers_novembre_2018_Carlo_Mazzaferro.pdf',3);">n. 15 - Carlo Mazzaferro - &quot;Non tutto l’oro luccica allo stesso modo Un’esplorazione sulle caratteristiche distributive delle pensioni di importo più elevato all’interno dell’archivio amministrativo dell’INPS&quot; - novembre 2018</a> (pdf 4,64MB) </li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (3,14MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/16_novembre2018_Giulia_Giupponi_Camille_Landais.pdf',3);">n. 16 – Giulia Giupponi – Camille Landais – “Subsidizing Labor Hoarding in Recessions: The Employment &amp; Welfare Effects of Short Time Work” – novembre 2018</a> (pdf 3,14MB) </li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (2,44MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/17_dicembre2018_Edoardo_DiPorto_EnricaMaria_Martino_Paolo_Naticchioni.pdf',3);">n. 17 – Edoardo Di Porto – Enrica Maria Marino – Paolo Naticchioni – “Back to Black? The Impact of Regularizing Migrant Workers” – dicembre 2018</a> (pdf 2,44MB) </li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (1,7MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/18_gennaio2019_Vincenzo_Scrutinio.pdf',3);">n. 18 – Vincenzo Scrutinio – “The Medium – Term Effects of Unemployment Benefits”– gennaio 2019</a> (pdf 1,7MB) </li> <li><a title="Scarica il file in formato PDF (1,5MB)" href="javascript:goLinkSP('/Mig/InpsComunica/WorkInps_Papers/19_gennaio2019_Agata_Maida.pdf',3);">n. 19 – Agata Maida – Andrea Weber – “The Female Leadership and Gender Gap Within Firms: Evidence from an Italian Board Reform” – gennaio 2019</a> (pdf 1,5MB) </li> </ul> <p>&#160;</p> <p>&#160;</p> <p>Istruzioni per la richiesta di pubblicazione proveniente da un <a title="Scarica il file in formato DOC 18 Kb" href="javascript:goLinkSP('/InpsComunica/Documents/modello_richiesta_pubblicazione_e_Liberatoria_ricercatori_Visitinps.docx',3);">ricercatore del programma “VisitINPS Scholars”</a>&#160;(doc 18 Kb)</p> <ol> <li>I lavori per i quali si chiede la pubblicazione devono essere redatti in formato pdf e trasmessi esclusivamente per posta elettronica all’indirizzo <a href="javascript:goLinkSP('mailto:workinpspapers@inps.it',3);">workinpspapers@inps.it</a> specificando nell’oggetto la dicitura “Sottomissione di saggio per la collana WorkINPS Papers” e nel corpo della mail l’indicazione che “sono posti all’attenzione del Comitato Scientifico di “VisitINPS Scholars” che dovrà valutare l’attinenza degli elaborati al progetto presentato;</li> <li>Alla mail dovrà essere allegato il modulo di richiesta di pubblicazione contenente la liberatoria secondo il modello debitamente compilato in tutte le parti e sottoscritto;</li> <li>Ogni articolo deve essere redatto in lingua italiana o inglese e deve recare il titolo in italiano ed in inglese; deve essere accompagnato da un breve abstract o un non technical summary in italiano e inglese e dall’indicazione di cinque parole chiave in italiano e inglese. Ogni articolo deve, altresì, riportare le note e la bibliografia, l’indirizzo di posta elettronica dell’autore e la qualifica accademica o professionale di quest’ultimo nonché il ringraziamento agli sponsors del programma “VisitINPS Scholars” con la seguente dicitura: “la realizzazione del presente articolo è stata possibile grazie alle sponsorizzazioni e le erogazioni liberali a favore del programma “VisitINPS Scholars”.</li> <li>Le proposte di pubblicazione, con le valutazioni del Comitato scientifico “VisitINPS Scholars” circa l’attinenza degli elaborati al progetto, sono sottoposte all’approvazione del Comitato scientifico della Collana “WorkINPS Papers”;</li> <li>L’autore potrà successivamente richiedere la pubblicazione degli aggiornamenti inviando il lavoro con l’indicazione della data dell’aggiornamento in formato pdf all’indirizzo mail <a href="javascript:goLinkSP('mailto:workinpspapers@inps.it',3);">workinpspapers@inps.it</a>.</li></ol> <p>&#160;</p> <p>&#160;</p> <p>Istruzioni per la richiesta di pubblicazione proveniente da un <a title="Scarica il file in formato DOC 17Kb" href="javascript:goLinkSP('https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?sPathID=%3b0%3b46689%3b50262%3b&amp;lastMenu=50762&amp;iMenu=1&amp;sURL=%2fdocallegatiNP%2fInpsComunica%2fDocuments%2fmodello_richiesta_pubblicazione_e_Liberatoria_esterni_Visitinps.docx&amp;RedirectForzato=True',3);">ricercatore esterno al programma “VisitINPS Scholars”</a> (doc 17 Kb)</p> <ol> <li>I lavori per i quali si chiede la pubblicazione devono essere redatti in formato pdf e trasmessi esclusivamente per posta elettronica all’indirizzo <a href="javascript:goLinkSP('mailto:workinpspapers@inps.it',3);">workinpspapers@inps.it</a> specificando nell’oggetto “Sottomissione di saggio per la collana WorkInps Papers”;</li> <li>Alla mail dovrà essere allegato il modulo di richiesta di pubblicazione contenente la liberatoria secondo il modello debitamente compilato in tutte le parti e sottoscritto;</li> <li>Ogni articolo deve essere redatto in lingua italiana o inglese e deve recare il titolo in italiano ed in inglese; deve essere accompagnato da un breve abstract o un non technical summary in italiano e inglese e dall’indicazione di cinque parole chiave in italiano e inglese. Ogni articolo deve, altresì, riportare le note e la bibliografia, l’indirizzo di posta elettronica dell’autore e la qualifica accademica o professionale di quest’ultimo;</li> <li>Le proposte di pubblicazione sono sottoposte alla lettura di almeno due componenti del Comitato scientifico della Collana “WorkINPS Papers” (Referees) individuati dal Responsabile Scientifico della collana e, con le valutazioni dei Referees, sono sottoposte all’approvazione del Comitato scientifico della Collana “WorkINPS Papers”;</li> <li>L’autore potrà successivamente richiedere la pubblicazione degli aggiornamenti inviando il lavoro con l’indicazione della data dell’aggiornamento in formato pdf all’indirizzo mail <a href="javascript:goLinkSP('mailto:workinpspapers@inps.it',3);">workinpspapers@inps.it</a>.</li> </ol> Tue, 22 Jan 2019 07:00:00 GMTTipologie di procedimentohttp://www.inps.it//nuovoportaleinps/default.aspx?sID=%3B0%3B&iMenu=1&iNodo=42702Ultimi Aggiornamenti<p>In questa pagina l&#39;INPS pubblica le informazioni relative ai procedimenti amministrativi di propria competenza come disposto dall&#39;art. 35 del d.lgs. 33/2013. </p> <h2>Descrizione e riferimenti normativi sulle varie tipologie di procedimento</h2> <p>Sul sito istituzionale – nell&#39;area &quot;Prestazioni e Servizi&quot; - sono pubblicate le schede informative su tutte le prestazioni corrisposte dall&#39;INPS consultabili tramite il Link a &quot;<a title="Tutte le Prestazioni" href="/nuovoportaleinps/default.aspx?iPrestazioni=97">Tutte le Prestazioni</a>&quot;.</p> <p>Ogni scheda contiene: una breve descrizione del prodotto <strong>&quot;Che cos&#39;è&quot;</strong>; la tipologia di utenza interessata <strong>&quot;A chi si rivolge&quot;</strong>; le indicazioni per richiedere ed ottenere la prestazione <strong>&quot;Come funziona&quot;</strong>. Infine cliccando sul pulsante <strong>&quot;Accedi al servizio&quot;</strong> si può accedere direttamente alla procedura online per compilare e inviare la domanda di prestazione.</p> <p>Di seguito si pubblicano, inoltre, alcuni link a schede informative di particolare interesse per il cittadino / utente. Ciascuna di queste pagine raccoglie le informazioni relative a più prodotti che sono stati raggruppati in macro-aree per tipologia di prestazione e/o di utenza.</p> <p>Link a &quot;<a title="Portale delle domande per prestazioni a sostegno del reddito" href="javascript:goItemSP('a02c8aed-1376-4786-a339-a5c424829141')">Portale delle domande per prestazioni a sostegno del reddito</a>&quot;</p> <p>Link a &quot;<a title="Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, ECOCERT, APE Sociale e Beneficio precoci" href="javascript:goItemSP('690b2e7d-9846-4be7-94f9-c89b2e2c10b6')">Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, ECOCERT, APE Sociale e Beneficio precoci</a>&quot;</p> <p>Link a &quot;<a title="Accesso ai servizi per aziende e consulenti" href="javascript:goItemSP('117f8c9a-364f-4ca4-9c98-b067099f9db2')">Accesso ai servizi per aziende e consulenti</a>&quot;</p> <h2>Unità organizzative responsabili dell&#39;istruttoria e responsabile del procedimento e del provvedimento</h2> <p>Secondo il principio di competenza territoriale, la responsabilità è affidata alle singole strutture organizzative dell&#39;Istituto in base al comune di residenza e al CAP del richiedente il servizio. Nella sezione del sito &quot;Le Sedi Inps&quot;, in base al servizio/prodotto richiesto, sono indicate, per ogni Direzione provinciale e Agenzia complessa, le unità organizzative, in cui queste strutture sono articolate, responsabili dell&#39;istruttoria relativa ai provvedimenti emanati dall&#39;Istituto. Le Agenzie territoriali non sono articolate in unità organizzative e quindi responsabili dell&#39;istruttoria sono le stesse agenzie nel loro complesso.</p> <p>Di norma il responsabile del procedimento è anche responsabile del provvedimento (le principali eccezioni sono evidenziate nella circolare 89/13). I nominativi, i numeri di telefono e gli indirizzi di posta elettronica istituzionale dei responsabili di ogni struttura territoriale sono reperibili nella sezione del sito istituzionale &quot;le Sedi Inps&quot;.</p> <p>Link a &quot;<a href="javascript:goServSP('23')">Le Sedi INPS</a>&quot;</p> <h2>Atti e documenti da allegare all&#39;istanza</h2> <p>Nella sezione &quot;Modulistica&quot; del sito Inps sono disponibili i moduli di domanda per le prestazioni. Ciascun modulo riporta anche l&#39;indicazione dei documenti e/o le dichiarazioni da allegare alla domanda. La Sede competente a cui inviare la domanda è quella del cap di residenza del richiedente rintracciabile nella sezione &quot;Le sedi Inps&quot;</p> <h2>Modalità con le quali gli interessati possono ottenere informazioni relative ai procedimenti</h2> <p>Gli interessati possono ottenere informazioni relative ai procedimenti con le seguenti modalità:</p> <ul> <li>accedendo direttamente al sito dell’Istituto <a href="javascript:goLinkSP('http://www.inps.it/',3);">www.inps.it</a>, cliccando su &quot;Tutti i servizi”, “Trova la prestazione” o “Entra in MyINPS”;</li> <li>chiamando il Contact Center dell’Istituto (ai numeri 803164 da telefono fisso o 06164164 da cellulare);</li> <li>tramite PEC;</li> <li>tramite le caselle di posta elettronica istituzionale;</li> <li>direttamente presso le sedi Inps;</li> <li>rivolgendosi ai Patronati o agli Intermediari abilitati. </li> </ul> <h2>Termine fissato in sede di disciplina normativa del procedimento per la conclusione con l&#39;adozione di un provvedimento espresso ed ogni altro termine procedimentale rilevante</h2> <p>La legge 241/90 indica un termine generale di 30 giorni per la conclusione dei procedimenti per i quali l&#39;amministrazione non abbia previsto termini diversi nel regolamento interno.</p> <p>Si pubblicano di seguito i regolamenti per la definizione dei termini di conclusione dei procedimenti attualmente in vigore:</p> <ul> <li><a href="javascript:goLinkSP('/amministrazione-trasparente/attivita-procedimenti/Documents/08-01_regolamento_tempi_procedimenti_inps.pdf',3);">Regolamento Inps – determinazione n. 47/2010</a> (pdf 311kb)</li> <li><a href="javascript:goLinkSP('/amministrazione-trasparente/attivita-procedimenti/Documents/08-01_regolamento_tempi_procedimenti_enpals.pdf',3);">Regolamento ex Enpals – determinazione n. 26/2010</a> (pdf 5Mb)</li> <li><a href="javascript:goLinkSP('/amministrazione-trasparente/attivita-procedimenti/Documents/08-01_regolamento_tempi_procedimenti_inpdap.pdf',3);">Regolamento ex Inpdap – determinazione n. 204/2010</a> (pdf 430kb)</li> <li><a href="javascript:goLinkSP('/amministrazione-trasparente/attivita-procedimenti/Documents/08-01_regolamento_tempi_procedimenti_ipost.pdf',3);">Regolamento ex Ipost – deliberazione n. 9/2009</a> (pdf 5Mb)</li> </ul> <h2>Procedimenti per i quali il provvedimento della PA può essere sostituito da una dichiarazione dell&#39;interessato ovvero silenzio assenso</h2> <p>I provvedimenti di competenza dell&#39;Inps non possono essere sostituiti da dichiarazione dell&#39;interessato. I procedimenti non possono concludersi con il silenzio assenso dell&#39;Istituto.</p> <h2>Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale e termini e modi per attivarli</h2> <ul><li>Ricorso amministrativo: i termini e le modalità sono indicati nella comunicazione del provvedimento. Il ricorso – ove previsto - può essere presentato on line attraverso i &quot;servizi online&quot; accessibili con Pin; oppure tramite patronati e intermediari abilitati.</li> <li>Ricorso giurisdizionale: in caso di reiezione del ricorso o decorsi i termini di legge senza decisione dell&#39;amministrazione può essere notificato il ricorso giurisdizionale alla sede che ha emesso il provvedimento.</li> <li>Accesso agli atti: durante il procedimento e dopo la conclusione dello stesso può essere chiesto l&#39;accesso agli atti ex capo V legge 241/1990 tramite il modulo <a title="Consulta la pagina" href="javascript:goLinkSP('https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?sGenerico=Richiesta+di+accesso+ai+documenti+amministrativi&amp;iPrestazioni=95#divMyIINPSModuli',3);">&quot;Richiesta di accesso ai documenti amministrativi&quot;</a> pubblicato sul sito dell&#39;Istituto. Per maggiori informazione consultare la pagina <a title="Consulta la pagina" href="javascript:goItemSP('4d2dff01-9fa0-4ffd-a9b7-b5a816cde7b7')">&quot;Diritto di accesso 241/90&quot;</a> in amministrazione trasparente.</li> <li>Ritardo nella conclusione del procedimento: la pubblica amministrazione è tenuta al risarcimento del danno ingiusto cagionato in conseguenza dell&#39; inosservanza dolosa o colposa del termine di conclusione del procedimento ai sensi dell&#39; art. 2bis, comma 1, della legge 241/1990.</li></ul> <h2>Link di accesso ai servizi on line</h2> <p>Sul sito dell&#39;Istituto è stata predisposta l&#39;area &quot;Prestazioni e Servizi&quot; dalla quale si accede alla sezione dedicata &quot;<a title="Tutti i servizi" href="/nuovoportaleinps/default.aspx?iPrestazioni=94">Tutti i servizi</a>&quot; dove è possibile cercare il singolo servizio utilizzando i filtri del motore di ricerca oppure consultando l&#39;elenco in ordine alfabetico.</p> <p>Una volta selezionato il servizio desiderato è possibile accedere alla procedura on line dopo aver effettuato l&#39;autenticazione tramite: Pin dispositivo o carta nazionale dei servizi (CNS) o Sistema pubblico identità digitale (SPID).</p> <h2>Modalità per l&#39;effettuazione dei pagamenti </h2> <p>I pagamenti possono essere effettuati tramite MAV inviato dall&#39;Istituto o direttamente on line attraverso il &quot;<a href="javascript:goServSP('218')">Portale dei Pagamenti</a>&quot; raggiungibile dalla Home Page del sito Inps su &quot;Servizi online&quot;, un&#39;area che raccoglie i servizi abilitati al pagamento on-line e offre la possibilità al cittadino di accedere a tutte le informazioni sulle modalità di pagamento messe a disposizione dall&#39;INPS.<br/>Attraverso il &quot;Portale&quot; è possibile eseguire i pagamenti dei bollettini online, stampare i bollettini MAV, acquistare i voucher online (buoni-lavoro), visualizzare i <em>Pagamenti effettuati</em> e avere notizie e aggiornamenti sulle nuove modalità di pagamento.<br/> Il portale dei pagamenti Inps è integrato con il sistema PagoPA e consente quindi l&#39;utilizzo delle forme di pagamento e dei servizi in esso previsti. </p> <h2>Nome del soggetto a cui è attribuito il potere sostitutivo e modalità per attivarlo</h2> <p>In caso di inerzia del responsabile del procedimento il potere sostitutivo è attribuito al Responsabile Agenzia prestazioni e servizi individuali/Agenzia flussi/Agenzia complessa/Dirigente (art.17, comma 1, lettera d, d.lgs. 165/2001); in caso di inerzia del Dirigente il potere sostitutivo è attribuito ai Direttori centrali/regionali e dei coordinamenti metropolitani (art. 36, comma 1, lettera g regolamento di organizzazione Inps).</p> <p>I recapiti telefonici e gli indirizzi di posta elettronica sono rintracciabili sul sito ai seguenti link:</p> <ul><li><a title="Consulta la sezione" href="javascript:goItemSP('2443f840-0891-4dbd-a331-16e189c76890')">L&#39;Istituto &gt; Struttura organizzativa</a> per le strutture centrali e regionali</li> <li><a title="Consulta il servizio" href="javascript:goServSP('23')">Le Sedi INPS</a> per le strutture periferiche</li></ul> <p>Per i ricorsi amministrativi, il procedimento non prevede l&#39;esercizio di un potere sostitutivo da parte di alcun ufficio amministrativo che – in tale procedimento – non può sostituirsi alla potestà di deliberare dell&#39;Organo collegiale investito della decisione sulla controversia amministrativa. In tali casi il cittadino può rivolgersi all&#39;Autorità Giudiziaria.</p>Tue, 22 Jan 2019 07:00:00 GMTIl Magistrato delegato al controllohttp://www.inps.it//nuovoportaleinps/default.aspx?sID=%3B0%3B&iMenu=1&iNodo=46875Ultimi Aggiornamenti<p>Il Magistrato della Corte dei Conti, nominato dal Presidente della Corte stessa, esercita un controllo continuativo sulla gestione dell&#39;Istituto e assiste alle sedute degli Organi di amministrazione e di revisione.</p> <table> <caption>Il Magistrato delegato al controllo</caption> <tbody> <tr> <th>Ruolo rivestito</th> <th>Membri</th> </tr> <tr> <th>Il Magistrato della Corte dei Conti delegato all&#39;esercizio del controllo</th> <td> <p>Antonio Buccarelli</p> </td> </tr> <tr> <th>Ufficio di segreteria</th> <td> <p>Marianna Luongo</p> <p>00144 –&#160;ROMA –&#160;via Ciro il Grande, 21</p> <p>PEC:&#160;<a href="javascript:goLinkSP('mailto:ufficiosegreteria.magistratocortedeiconti@postacert.inps.gov.it',3);">ufficiosegreteria.magistratocortedeiconti@postacert.inps.gov.it</a></p> </td> </tr> </tbody> </table> Mon, 21 Jan 2019 07:00:00 GMTRiposi giornalieri (allattamento)http://www.inps.it//nuovoportaleinps/default.aspx?sID=%3B0%3B&iMenu=1&iNodo=42938Ultimi Aggiornamenti <strong>ATTENZIONE: la seguente pagina è archiviata e le notizie e informazioni presenti hanno solo un valore storico e potrebbero non essere più in linea con la normativa vigente alla data di oggi. </strong> <br/> <h3 class="h3">CONTRIBUZIONE FIGURATIVA PER RIPOSI GIORNALIERI</h3> <p class="lettere"><span class="numeriromani"></span>&#160;</p> <h3 class="h3">RIPOSI GIORNALIERI PER LA MADRE</h3> <p>Il datore di lavoro deve consentire alla lavoratrice madre, durante il primo anno di vita del bambino, due periodi di riposo, anche cumulabili durante la giornata. Il riposo è uno solo quando l’orario giornaliero è inferiore a sei ore ( art.39 del D.lgs.151/2001).</p> <p>&#160;</p> <div>Tali periodi di riposo hanno la durata di un’ora ciascuno.</div> <div>&#160;</div> <div>I periodi di riposo sono di mezz’ora ciascuno quando la lavoratrice fruisca dell’asilo nido o di altra struttura idonea, istituiti dal datore di lavoro nell’unità produttiva o nelle immediate vicinanze di essa. </div> <div>&#160;</div> <h3 class="h3">RIPOSI GIORNALIERI DEL PADRE </h3> <div>Gli stessi periodi previsti per la madre sono riconosciuti al padre (art.40 del D.lgs.151/2001):</div> <div>&#160;</div> <p>a)&#160;nel caso in cui i figli siano affidati al solo padre;</p> <p>b)&#160;in alternativa alla madre dipendente che non se ne avvalga;</p> <p>c)&#160;nel caso in cui la madre non sia lavoratrice dipendente;</p> <p>d)&#160;in caso di morte o di grave infermità della madre. </p> <div>&#160;</div> <h3 class="h3">RIPOSI PER PARTI PLURIMI </h3> <div>In caso di parto plurimo, i periodi di riposo sono raddoppiati e le ore aggiuntive possono essere utilizzate anche dal padre.</div> <div>&#160;</div> <h3 class="h3">ADOZIONI ED AFFIDAMENTI </h3> <div>Le disposizioni soprariportate si applicano anche in caso di adozione e di affidamento entro il primo anno dall’ingresso del minore nella famiglia.&#160;&#160; </div> <div>&#160;</div> <h3 class="h3">ACCREDITO FIGURATIVO</h3> <div>Sono coperti figurativamente i periodi successivi al 28 marzo 2000 </div> <div>&#160;</div> <div>I periodi sono coperti da contribuzione figurativa attribuendo come valore retributivo il 200 per cento del valore massimo dell’assegno sociale, proporzionato ai periodi di riferimento, salva la facoltà di integrazione da parte dell’interessato, con riscatto ai sensi dell’art. 13 della legge n.1338 del 1962, ovvero con versamento dei relativi contributi secondo i criteri e le modalità della prosecuzione volontaria. </div> <div>&#160;</div> <div>I contributi sono utili alla misura e al diritto dei trattamenti pensionistici previdenziali. </div> <div>&#160;</div> <h3 class="h3">LA DOMANDA</h3> <div>Deve essere presentata alla sede di appartenenza</div> <div>&#160;</div> <div><strong>AVVERTENZE:</strong></div> <div>La presente scheda non costituisce fonte di diritti e non deve essere posta a fondamento di affidamenti scelte lavorative o previdenziali.&#160;&#160;&#160;&#160;&#160;&#160;&#160;&#160;&#160;&#160;&#160; </div> &#160;<p>&#160;</p> &#160;<p>&#160;</p>Mon, 21 Jan 2019 07:00:00 GMTContributi figurativi per gravidanza e puerperiohttp://www.inps.it//nuovoportaleinps/default.aspx?sID=%3B0%3B&iMenu=1&iNodo=42940Ultimi Aggiornamenti<p><strong>ATTENZIONE: la seguente pagina è archiviata e le notizie e informazioni presenti hanno solo un valore storico e potrebbero non essere più in linea con la normativa vigente alla data di oggi.</strong></p> <p><br/>&#160;</p> <p><strong>Sono accreditabili a domanda i periodi di astensione obbligatoria dal lavoro</strong>, anche in caso di anticipazione (per grave rischio per la madre o il bambino) o di prolungamento dopo il parto (per lavori gravosi).</p> <p><strong>Sono utili:</strong></p> <ul><li>per il diritto e per la misura di <strong>tutte le pensioni</strong>; </li> <li>per il diritto e per la misura dell&#39;<strong>assistenza sanatoriale </strong>e dell&#39;<strong>indennità di disoccupazione. </strong></li></ul> <p><strong>Non sono utili per il diritto alla prosecuzione volontaria</strong> (periodo neutro).</p> <br/><h3>I PERIODI ACCREDITABILI</h3> <br/><p><strong>Possono essere accreditati figurativamente periodi non coperti da contribuzione obbligatoria.</strong></p> <br/><p><strong>Se l’evento è avvenuto entro il 17.1.1972 </strong>possono essere accreditati:</p> <ul><li><strong>i 3 mesi precedenti la data presunta del parto e le 8 settimane successive al parto</strong> (complessivamente 21 settimane), per le lavoratrici dell’industria; </li> <li><strong>le 8 settimane precedenti la data presunta del parto e le 8 settimane successive al parto, </strong>per le addette ai lavoratori agricoli: </li> <li><strong>le 6 settimane precedenti la data presunta del parto e le 8 settimane successive al parto,</strong> per le lavoratrici degli altri settori con esclusione delle lavoratrici a domicilio e delle lavoratrici domestiche. </li></ul> <p><strong>Se l’evento è avvenuto dal 18.1.1972 al 31.12.1999 </strong>possono essere accreditati<strong> i 2 mesi precedenti la data presunta del parto e i 3 mesi successivi al parto </strong>(complessivamente 22 settimane).<br/><strong>Se l’evento è avvenuto dal 1.1.2000 </strong>è data facoltà di fruire dell’assenza obbligatoria per maternità e quindi ottenere l’accredito dei contributi figurativi per <strong>il mese precedente la data presunta del parto e i 4 mesi successivi al parto</strong> (complessivamente 22 settimane), se il medico specialista de servizio sanitario nazionale (o con esso convenzionato) o il medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro attestano che la permanenza in attività non arreca pregiudizio alla salute della gestante e del nascituro.</p> <br/><p><strong>N.B.: </strong><strong>E’ accreditabile figurativamente anche il periodo intercorrente tra la data presunta e la data effettiva del parto.</strong></p> <br/><h3>I PARTI PREMATURI</h3> <br/><p>Nel caso in cui il parto si sia verificato prima della data presunta (parto prematuro), i giorni di astensione obbligatoria non fruiti prima del parto vengono aggiunti al periodo di astensione obbligatoria spettante dopo il parto. <strong>Il periodo complessivo non può comunque essere superiore a 5 mesi</strong>.</p> <br/><h3>LE CONDIZIONI PER L&#39;ACCREDITO</h3> <br/><p>Il periodo da riconoscere figurativamente si deve collocare nell’ambito di un rapporto di lavoro per il quale sussista l’obbligo del versamento dei contributi nell’assicurazione generale obbligatoria.<br/>Dal 1.1.1997 per ottenere l’accredito figurativo non è più necessario essere in possesso di contribuzione antecedente il periodo da accreditare, è sufficiente <strong>1 contributo settimanale in tutta la vita assicurativa</strong>.</p> <br/><h3>LA DOCUMENTAZIONE</h3> <br/><p>Alla domanda deve essere allegata l&#39; <strong>autocertificazione</strong>, in sostituzione del certificato per riassunto dell&#39;atto di nascita del bambino. </p> <br/><p>Nei casi previsti, devono inoltre allegare alla domanda: </p> <ul><li>dichiarazione del datore di lavoro da cui risulti l’effettivo periodo di astensione obbligatoria e il giorno indicato come data presunta del parto nel certificato medico a suo tempo presentato dalla lavoratrice; </li> <li>certificato anagrafico con la data del parto oppure certificato medico con la data dell’aborto; </li> <li>copia dell’eventuale provvedimento dell’Ispettorato del lavoro che ha disposto ulteriori periodi di astensione obbligatoria prima del parto. </li></ul> <h3>LA RETRIBUZIONE FIGURATIVA</h3> <br/><p>Nel caso in cui alla lavoratrice, per il periodo di accredito figurativo, non sia stata erogata alcuna retribuzione o sia stata erogata una retribuzione ridotta viene attribuita una corrispondente retribuzione <strong>calcolata sulla base della retribuzione intera</strong> che sarebbe comunque spettata alla lavoratrice durante l&#39;anno in cui si è verificato l&#39;evento o, nell’ipotesi che in tale anno non abbia percepito alcuna retribuzione intera, a quella percepita nell’anno precedente l’evento.</p> <br/><h3>LA MATERNITÀ AL DI FUORI DEL RAPPORTO DI LAVORO</h3> <br/><br/><p>Possono essere accreditati, a domanda, i contributi figurativi, <strong>per la durata corrispondente a quella dell’astensione obbligatoria</strong> (congedo di maternità), anche per i periodi maternità che si sono verificati al di fuori di un rapporto di lavoro, <strong>indipendentemente dal periodo in cui si è verificato l’evento</strong> e dalla circostanza che lo stesso si sia verificato prima o dopo un rapporto di lavoro. <br/><br/>La possibilità di accredito dei periodi di maternità al di fuori del rapporto di lavoro è stata introdotta dall’art. 14, comma 3, del Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 503 ed era limitata agli eventi che si fossero verificati successivamente al 1.1.1994 e che l’assicurato potesse far valere 5 anni di contributi versati per effettiva attività lavorativa (Circ. 167 del 13.6.1995). <br/><br/>Il <strong>Decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151</strong> (entrato in vigore il 27.4.2001) ha disposto: </p> <ul><li>all’art. 86, comma 2 lett. j), l’annullamento della norma prevista dall’art. 14, comma 3, del D.Lvo 503 del 30.12.1992; </li> <li>all’art. 25, comma 2, la possibilità di riconoscere &quot;figurativamente&quot; i periodi di maternità intervenuti al di fuori del rapporto di lavoro a condizione che il lavoratore possa far valere almeno 5 anni di contributi versati per attività lavorativa subordinata. </li></ul> Mon, 21 Jan 2019 07:00:00 GMT