Ti trovi in:

Sportello per il cittadino per le visite mediche di controllo

Il servizio permette di comunicare la variazione dell'indirizzo di reperibilità durante un evento di malattia e consultare l'elenco e il dettaglio delle visite mediche di controllo ricevute. È rivolto a lavoratori del settore pubblico o privato.
Rivolto a:
Categorie
Dipendenti privati- Dipendenti pubblici
Cassa di appartenenza
-
Età
-

Pubblicazione: 26 ottobre 2020 Ultimo aggiornamento: 30 giugno 2023

Cos'è

Il servizio “Sportello per il cittadino per le visite mediche di controllo” è dedicato alla comunicazione, da parte dei lavoratori dei settori privato o pubblico, della variazione dell’indirizzo di reperibilità rispetto a quello indicato nel certificato di malattia.

Inoltre, il servizio permette anche di consultare l’elenco e il dettaglio delle visite mediche di controllo ricevute e stamparne i verbali di visita disponibili. 

A chi è rivolto

Il servizio è rivolto a lavoratori dei settori privato o pubblico.

Come funziona

Per accedere al servizio online bisogna prima effettuare l’autenticazione tramite una delle modalità disponibili per l’utilizzo dei servizi telematici INPS.

Dopo aver effettuato l’autenticazione, è possibile:

  • selezionare un certificato di malattia in corso di prognosi e di comunicare un diverso indirizzo di reperibilità, rispetto a quello presente nel certificato;
  • consultare di tutti gli indirizzi di reperibilità comunicati in precedenza (circolare INPS 23 settembre 2020, n. 106);
  • selezionare una visita medica di controllo per visualizzarne il dettaglio e i verbali disponibili;
  • consultare lo storico delle visite mediche di controllo ricevute.

Questo servizio non sostituisce in alcun modo gli obblighi contrattuali in merito alle comunicazioni di cambio reperibilità dei lavoratori nei confronti dei datori di lavoro.

Lavoratori privati indennizzati

I lavoratori privati aventi diritto alla tutela previdenziale della malattia possono utilizzare il servizio per assolvere all’obbligo di comunicare all’INPS, con la massima diligenza e tempestività possibili e prima di effettuare lo spostamento, le variazioni di reperibilità per non incorrere nelle sanzioni normativamente previste in caso di impossibilità a eseguire una visita medica di controllo a causa della mancata rettifica dell’indirizzo del lavoratore.

Lavoratori pubblici afferenti al Polo unico

Per i lavoratori pubblici, invece, la normativa vigente prevede che il dipendente comunichi preventivamente solo alla sua Amministrazione di appartenenza l'eventuale variazione dell'indirizzo di reperibilità durante il periodo di prognosi.

Il servizio è comunque disponibile anche per il lavoratore pubblico allo scopo di ottimizzare il flusso comunicativo e offrire maggiori garanzie di correttezza e tempestività dell’informazione per l’esecuzione delle VMC.

Il servizio non deve, invece, essere utilizzato dai lavoratori pubblici per gli adempimenti relativi alla comunicazione del solo allontanamento temporaneo dal proprio domicilio di reperibilità, per terapie, visite mediche, accertamenti sanitari o per gli altri giustificati motivi.

Finanziato dall'Unione Europea tramite Next Generation EU bandiera dell'Unione Europea