Elenco di alcuni suggerimenti inerenti la ricerca effettuata

Ti trovi in:

Maggiorazione dei contributi per la pensione ai lavoratori non vedenti iscritti all'assicurazione generale obbligatoria (AGO)

Il servizio permette di inviare la domanda per il riconoscimento del beneficio di contribuzione figurativa di 4 mesi per lavoratori pubblici e privati colpiti da cecità assoluta o con residuo visivo non superiore a un decimo in entrambi gli occhi.
Specifico per
Lavoratori dipendenti pubblici e privati non vedenti.

Pubblicazione: 3 aprile 2017 Ultimo aggiornamento: 6 dicembre 2021

Cos'è

Ai lavoratori non vedenti è riconosciuto su richiesta, per ogni anno di servizio effettivamente svolto presso pubbliche amministrazioni o presso aziende private, il beneficio di quattro mesi di contribuzione figurativa utile ai fini del diritto alla pensione e dell'anzianità contributiva e assicurativa.

A chi è rivolto

La maggiorazione dei contributi per la pensione è rivolta a tutti i lavoratori dipendenti pubblici e privati colpiti da cecità assoluta o con un residuo visivo non superiore a un decimo in entrambi gli occhi, anche dopo intervento di correzione.

Come funziona

Il riconoscimento del beneficio non si configura come un accreditamento di contributi sulla posizione assicurativa, ma determina una maggiorazione di anzianità priva di collocazione temporale che assume rilevanza solo in funzione della liquidazione del trattamento pensionistico.

Il beneficio va concesso, proporzionalmente, anche per periodi di attività inferiori all'anno aumentando di un terzo il numero delle settimane di lavoro svolto.

La maggiorazione va rapportata solo ai periodi di attività. Sono esclusi quindi i periodi coperti da contribuzione volontaria, figurativa o derivante da riscatto non correlato ad attività lavorativa. A tal fine devono essere presi in considerazione i periodi di lavoro svolto in concomitanza con il possesso del requisito sanitario richiesto – anche se anteriori al 26 aprile 1991, data di entrata in vigore della legge 28 marzo 1991, n. 120 – che siano valutabili ai fini della liquidazione e della ricostituzione delle prestazioni pensionistiche con decorrenza successiva a tale data.

La maggiorazione va attribuita all'atto della liquidazione della pensione. Di conseguenza, nelle operazioni di ricongiunzione di posizioni assicurative tra diversi trattamenti previdenziali (a norma della legge 7 febbraio 1979, n. 29 e similari) si terrà conto della maggiorazione spettante direttamente nel fondo destinatario della ricongiunzione al momento della liquidazione della pensione.

La maggiorazione non è utile ai fini della liquidazione delle pensioni di reversibilità spettanti ai superstiti di titolari di pensione diretta avente decorrenza anteriore al 26 aprile 1991 (entrata in vigore della legge 120/1991).

La data di inizio dell'assicurazione dei lavoratori beneficiari della maggiorazione deve essere retrodatata di un numero di settimane pari a quelle corrispondenti alla maggiorazione convenzionale dell'anzianità contributiva riconoscibile nei singoli casi.

L'anzianità contributiva utile ai fini del diritto e della misura della prestazione pensionistica deve essere determinata maggiorando quella effettivamente posseduta dall'assicurato di un numero di settimane pari a quelle derivanti dalla maggiorazione.

Domanda

Requisiti

Possono richiedere la maggiorazione i non vedenti delle seguenti categorie:

  • ciechi civili;
  • ciechi invalidi per servizio;
  • ciechi invalidi del lavoro;
  • ciechi di guerra.

Come fare domanda

L'attribuzione della maggiorazione è subordinata alla presentazione di apposita richiesta da parte degli interessati o dei loro superstiti, corredata idonea documentazione che attesti la sussistenza delle condizioni sanitarie richieste dalla legge.

La domanda si presenta online all'INPS attraverso il servizio dedicato.

Tempi di lavorazione del provvedimento

Il termine ordinario per l’emanazione dei provvedimenti è stabilito dalla legge n. 241/1990 in 30 giorni. In alcuni casi la legge può fissare termini diversi.

Nella tabella sono riportati i termini superiori ai trenta giorni, stabiliti dall’Istituto con Regolamento.

La tabella, oltre ai termini per l’emanazione del provvedimento, indica anche il relativo responsabile.

Prova l'IA di tipo generativo sul nuovo Assistente Virtuale

Prova il nuovo assistente virtuale INPS oggi pronto per parlare di Pensione "Opzione donna"