Lavoro dipendente

 

ATTENZIONE: la seguente pagina è archiviata e le notizie e informazioni presenti hanno solo un valore storico e potrebbero non essere più in linea con la normativa vigente alla data di oggi.

Sono lavoratori dipendenti (altrimenti detti lavoratori subordinati) i lavoratori occupati in una azienda alle dipendenze e sotto la direzione del datore di lavoro, tenuti a rispettare un orario di lavoro, in cambio di una retribuzione.


Datore di lavoro può essere anche chi,a norma del codice civile, non è imprenditore commerciale: si pensi al caso del lavoro domestico (datore di lavoro persona fisica ), o a quello del portiere assunto da un condominio o a quello della segretaria assunta da un avvocato od un medico (datore di lavoro libero professionista).


In qualsiasi ambito si configuri, il lavoro subordinato è caratterizzato dal fatto che il lavoratore mette a disposizione - in relazione al tipo di attività, mansioni e qualifiche per le quali è assunto - le sue energie e capacità, ma è il datore di lavoro che decide le modalità di svolgimento della prestazione, direttamente o attraverso la sua organizzazione.


IL CONTRATTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO O DETERMINATO


Il rapporto di lavoro dipendente può essere:

  • a tempo indeterminato, se nel contratto di lavoro stipulato non è previsto un termine di cessazione;
  • a tempo determinato o a termine, se il datore di lavoro e il lavoratore stabiliscono che il rapporto di lavoro duri fino ad una data stabilita.

IL CONTRATTO FULL TIME O PART TIME


Con riferimento alle modalità temporale di svolgimento della prestazione di lavoro dipendente si parla di:

  • Lavoro "Full Time" cioè "a Tempo Pieno": in esso la durata complessiva (giornaliera, settimanale o mensile) della prestazione lavorativa richiesta coincide con quella stabilita dal contratto collettivo nazionale relativo alla categoria di lavoratori considerata (ad esempio, 36 ore settimanali).
  • Part Time cioè Tempo Parziale: in esso la durata complessiva (giornaliera, settimanale o mensile) della prestazione lavorativa richiesta è ridotta con quella stabilita dal contratto collettivo nazionale relativo alla categoria di lavoratori considerata (ed esempio, in un contratto  part-time orizzontale al 50%, il lavoratore effettua 18 ore settimanali in luogo delle 36 ore previste per il tempo pieno). Il lavoro part-time può, inoltre, essere di tipo orizzontale (la prestazione viene prestata per un numero di giornate mensili pari a quello dei lavoratori cosiddetti "a tempo pieno" ma in misura ridotta), ovvero di tipo verticale (la prestazione viene effettuata in un numero di giornate e/o di settimane inferiori a quello contrattualmente previsto, ma per l'intera durata giornaliera e/o settimanale)

RETRIBUZIONE


I lavoratori dipendenti, a fronte dell'attività svolta, percepiscono una retribuzione. Tutte le somme e i valori  che i datori di lavoro erogano ai dipendenti costituiscono, sotto il profilo fiscale, redditi da lavoro dipendente.


Nel reddito sono incluse oltre alle somme in danaro anche i beni o altri benefici che il lavoratore riceve dal datore di lavoro per esigenze connesse all'attività lavorativa  (ad es. uso dell'autovettura aziendale, uso gratuito dell'abitazione, beni prodotti dall'azienda e venduti a prezzo scontato ecc.) (c.d. fringe benifts).


I redditi sono soggetti a tassazione sul reddito delle persone fisiche ( IRPEF): nel meccanismo di imposta, il datore di lavoro agisce quale "sostituto". Egli, cioè, trattiene mensilmente dalla retribuzione "lorda" dovuta al lavoratore in "busta paga" le somme corrispondenti al prelievo fiscale e le versa allo Stato.  Al lavoratore viene così corrisposta una retribuzione "netta", ossia depurata del prelievo fiscale.


Il reddito lordo rappresenta la retribuzione sulla quale sono calcolati i contributi previdenziali.
Anche il prelievo dei contributi avviene direttamente dalla "busta paga": il datore di lavoro  preleva una somma dalla retribuzione per poi versarla all'Inps.
Il sistema di previdenza dei lavoratori dipendenti iscritti nel regime generale dell'Inps è finanziato attraverso un prelievo contributivo rapportato, per la maggior parte delle categorie, alla reale retribuzione corrisposta ai lavoratori e, per le altre, a retribuzioni convenzionali.


Il contributo è per definizione "obbligatorio", in quanto dovuto per legge indipendentemente da eventuali accordi tra le parti. I contributi vengono calcolati in percentuale sulla retribuzione: una parte è a carico dell'azienda e una parte è a carico del lavoratore.


L'Inps è tenuto a riscuotere i contributi dovuti per i seguenti tipi di assicurazioni:

Rapporto di lavoro a tempo parziale in cui la riduzione dell’orario è prevista in relazione all’orario giornaliero standard.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.

Imposta sul reddito delle persone fisiche.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.

Certificazione Unica dei redditi di lavoro Dipendente, pensione e assimilati

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.

Invalidità, Vecchiaia o Superstiti

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.
  1. Percorso di navigazione

    Le voci indicano la posizione della pagina nell'alberatura del portale, permettendo la navigazione veloce a ritroso.

  2. Il menu di sezione

    In quest'area sono presenti le principali voci della sezione. Il simbolo "+" indica la presenza di sottosezioni. Con un clic su una voce puoi accedere al contenuto.

  3. I pulsanti di servizio SALVA e STAMPA

    Con i due pulsanti puoi scegliere di salvare il contenuto in formato PDF o stamparlo direttamente.

  4. Filtrare i risultati

    In quest'area è possibile scegliere la modalità di visualizzazione delle notizie (griglia o lista) e filtrare i risultati tramite una ricerca libera inserendo parole chiave o periodo di pubblicazione negli appositi campi.