Pensionati: il cedolino di pensione di novembre 2020

Il cedolino della pensione, accessibile tramite servizio online, è il documento che consente ai pensionati di verificare l’importo erogato ogni mese dall’INPS e di conoscere le ragioni per cui tale importo può variare. Si riportano di seguito le informazioni sul cedolino della pensione di novembre 2020.

La data di pagamento

Il pagamento della mensilità di novembre sarà effettuato in giornate diverse:

  • per coloro che hanno scelto di ricevere la pensione presso un istituto di credito, il pagamento sarà effettuato il 2 novembre, primo giorno bancabile del mese;
  • per coloro che riscuotono presso Poste Italiane è prevista, anche per novembre, l’anticipazione del pagamento.

Per i pensionati, titolari di un conto BancoPosta, di un libretto di risparmio o di una Postepay Evolution, l’accredito della pensione verrà effettuato in anticipo il 27 ottobre.

Nel caso di riscossione allo sportello, Poste Italiane ha scaglionato le presenze dei pensionati dal 27 ottobre al 2 novembre in base alle iniziali del cognome del titolare della prestazione, secondo il seguente calendario:

  • A-B, martedì 27 ottobre
  • C-D, mercoledì 28 ottobre
  • E-K, giovedì 29 ottobre
  • L-O, venerdì 30 ottobre
  • P-R, sabato 31 ottobre
  • S-Z, lunedì 2 novembre

Trattandosi esclusivamente di un’anticipazione del pagamento, il diritto al rateo di pensione si matura comunque il primo giorno del mese.

Di conseguenza, nel caso in cui, dopo l’incasso, la somma dovesse risultare non dovuta, l’INPS ne richiederà la restituzione.

Assistenza fiscale: conguagli da modello 730/2020

Prosegue anche sulla mensilità di novembre l’abbinamento dei conguagli dei modelli 730 i cui flussi siano pervenuti all’Agenzia delle Entrate dopo il 3 luglio.

Per circa 3 milioni di posizioni, sul rateo di pensione di novembre si procederà:

  • al rimborso dell’importo a credito del contribuente;
  • alla trattenuta, in caso di conguaglio a debito del contribuente. Si ricorda che l’eventuale rateazione degli importi a debito risultanti dalla dichiarazione dei redditi deve obbligatoriamente concludersi entro il mese di novembre per cui, qualora la risultanza contabile sia stata ricevuta dall’Istituto nei mesi successivi a quello di giugno, non sarà possibile garantire il numero di rate scelto dal dichiarante per il versamento dei debiti d’imposta.

Si ricorda, infine, che i contribuenti che hanno indicato l’INPS quale sostituto d’imposta per l’effettuazione dei conguagli del modello 730/2020 possono verificare le risultanze contabili della dichiarazione e i relativi esiti attraverso il servizio online “Assistenza fiscale (730/4): servizi al cittadino”, presente sul portale istituzionale e disponibile anche sull’app “INPS mobile”.

  1. Accedi al servizio

    Selezionando il pulsante puoi accedere direttamente al servizio o a un eventuale ulteriore menu di scelta.

  2. Indice

    Attraverso l'indice della pagina puoi selezionare ogni singola voce per accedere direttamente alla sezione di tuo interesse.

  3. Il contenuto della pagina

    In quest'area è presente il contenuto della pagina. Con il segno + puoi espandere la sezione che ti interessa.

  4. Accesso al servizio

    Selezionando il pulsante puoi accedere direttamente al servizio o a un eventuale ulteriore menu di scelta.