Trasferimento residenza

ATTENZIONE: la seguente pagina è archiviata e le notizie e informazioni presenti hanno solo un valore storico e potrebbero non essere più in linea con la normativa vigente alla data di oggi.


Trasferimento residenza

Ogni cambio di residenza va comunicato all’Inps Gestione Dipendenti Pubblici per l’aggiornamento dell’anagrafica ai fini del pagamento della pensione.



Cosa fare

Il pensionato che cambia residenza deve presentare la domanda all’Inps Gestione Dipendenti Pubblici.


La domanda si compila e si trasmette esclusivamente in modalità telematizzata; per accedere al servizio è necessario essere in possesso del PIN ( vedi Sezioni di riferimento – Servizi in linea-Pensionati).


Tre sono i casi che si possono verificare. La nuova residenza è:

  • nella stessa provincia - il pagamento della pensione rimane inalterato nella sede Inps Gestione Dipendenti Pubblici di partenza. Se invece si tratta di una delle 4 province (Milano, Napoli, Roma e Torino) con più sedi territoriali allora può succedere che il pagamento della pensione venga trasferito d’ufficio alla sede territoriale competente per codice di avviamento postale;
  • in una provincia diversa - il pagamento della pensione viene trasferito d’ufficio alla nuova sede provinciale. Se poi si tratta di una delle 4 province (Milano, Napoli, Roma e Torino) con più sedi territoriali, allora sarà il nuovo codice di avviamento postale del pensionato a stabilire la sede competente;
  • all’estero - il pensionato può decidere di riscuotere la propria pensione direttamente nello Stato in cui si è stabilito oppure conservare il pagamento in Italia. Maggiori informazioni su Pagamento pensione all’estero e Sportello per i pensionati all’estero (vedi Sezioni di riferimento).