Pensionati: proroga per il pagamento in contanti

Il Decreto Legge n. 16 del 2 marzo 2012 (art. 3 comma 3) ha previsto la proroga al 1° maggio 2012 per i limiti al pagamento in contanti.
Di conseguenza a partire da tale data non sarà più possibile riscuotere le pensioni pari o superiori a 1000 euro.

Le pensioni superiori a tale importo saranno accreditate esclusivamente su conto corrente postale o bancario, su libretto postale o su carta prepagata abilitata.

Pertanto i pensionati che percepiscono una pensione in contanti, dovranno comunicare immediatamente le coordinate bancarie (codice Iban ). Il modello di richiesta è disponibile su questo sito (vedi Sezioni di riferimento) o presso l’ufficio relazioni con il pubblico della sede. Per l’accredito invece su un conto corrente o su un libretto postale la variazione delle modalità di accredito della pensione sarà comunicata direttamente da Poste italiane all’Istituto.

Si precisa inoltre che anche i pensionati che percepiscono una rata mensile di pensione inferiore a 1000 euro, potrebbero superare il limite consentito per il pagamento in contanti nel caso di somme aggiuntive, competenze arretrate, tredicesima o eventuali rimborsi. Per questo motivo si invitano tutti i pensionati che riscuotono la pensione in contanti a comunicare nel più breve tempo possibile il codice Iban .

International bank account number, codice bancario di 27 cifre che identifica il conto corrente e la banca.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.