Esonero assunzioni di donne lavoratrici nel 2020-2021: indicazioni

La legge 30 dicembre 2020, n. 178, la legge di bilancio 2021, ha previsto che per le assunzioni di donne lavoratrici effettuate nel biennio 2021-2022 è riconosciuto, in via sperimentale, l'esonero contributivo nella misura del 100 per cento nel limite massimo di importo pari a 6.000 euro annui.

L’Istituto con la circolare INPS 22 febbraio 2021, n.32 fornisce le prime indicazioni operative per i datori di lavoro che possono accedere al beneficio e chiarisce che per “assunzioni di donne lavoratrici”, si intendono le assunzioni di “donne lavoratrici svantaggiate. Inoltre la circolare ricorda che, ai fini del riconoscimento del beneficio, è richiesto uno stato di disoccupazione di lunga durata (oltre 12 mesi) oppure il rispetto, in combinato con ulteriori previsioni, del requisito di “priva di impiego”.

  1. Accedi al servizio

    Selezionando il pulsante puoi accedere direttamente al servizio o a un eventuale ulteriore menu di scelta.

  2. Indice

    Attraverso l'indice della pagina puoi selezionare ogni singola voce per accedere direttamente alla sezione di tuo interesse.

  3. Il contenuto della pagina

    In quest'area è presente il contenuto della pagina. Con il segno + puoi espandere la sezione che ti interessa.

  4. Accesso al servizio

    Selezionando il pulsante puoi accedere direttamente al servizio o a un eventuale ulteriore menu di scelta.