EESSI, studio di fattibilità sull'accessibilità

Il 27 marzo si è svolta a Roma, presso l’Auditorium dell’ Inps della sede di Largo J.M. Escrivà de Balaguer, la presentazione del risultato dello studio di fattibilità - Proposal for a Feasibility study on Accessibility -finanziato con il contributo della Unione Europea e promosso da Inps - Gestione ex Inpdap.

Il programma ha visto gli interventi di Massimo Pianese, Direttore Generale Inps Gestione ex Inpdap, di Valeria Vittimberga, Dirigente Generale della Direzione Centrale Approvvigionamenti e Provveditorato, di Enrico Patiti, Dirigente Generale della Direzione Centrale Sistemi Informativi, di Paolo Moncelsi, Dirigente dell’Ufficio Esercizio Sistemi di Elaborazione e Reti della Direzione Centrale Sistemi Informativi, di Stefania Neri, responsabile Segreteria tecnica del progetto, e di Michele Friscia, funzionario tecnico Applicazioni Istituzionali della Direzione Centrale Sistemi Informativi, nonché i contributi dei tecnici dell’azienda Almaviva.

Hanno partecipato alla presentazione, fornendo un attivo contributo alla discussione, anche tutti i referenti degli access point italiani: i rappresentanti del Ministero del Lavoro e Politiche Sociali, del Ministero della Salute, i rappresentanti dell’Inail e della Direzione Centrale Pensioni dell’Inps.

L’Inps Gestione ex Inpdap, infatti, si è aggiudicata la gara grazie allo studio di fattibilità sull’accessibilità dell’applicazione WEBIC che permette l’operabilità tra gli Enti coinvolti, condotto tra ottobre 2011 e marzo 2012.

Nella presentazione è emersa, da parte degli ospiti, la volontà di collaborare per la presentazione, in sinergia, di futuri progetti che possano rappresentare un ulteriore passaggio, nei rapporti con l’Europa, a favore dell’integrazione tra strutture che si occupano di previdenza.

L’esperienza appena conclusasi si situa nell’ambito dell’Action for cooperation and information on social security coordination: lo studio di fattibilità di livello nazionale ha lo scopo di implementare il sistema di scambio elettronico di dati (EESSI) mediante la produzione del prototipo, relativamente alla compatibilità dell’applicativo WEBIC con le norme italiane riguardanti l’accessibilità e alla luce di un progetto di maggiore garanzia rispetto all’accessibilità dei siti che dovranno essere progettati e realizzati con design e funzioni che garantiscano l’accessibilità al maggior numero di utenti inclusi coloro che hanno disabilità visive auditive, cognitive o fisiche.

A questo proposito sono stati ricordati alcuni dei principali requisiti da rispettare, così come enunciati nella legge Stanca, e riassumibili nei seguenti punti:

  • tutte le informazioni devono essere veicolate anche in forma testuale in modo da essere comprese da coloro che utilizzano lettori di schermo. Le informazioni audio devono essere veicolate anche in modo alternativo in modo da essere comprese da coloro che non possono sentire;
  • le funzionalità devono essere realizzate in modo da operare correttamente anche senza l’ausilio del mouse in modo da essere fruibili per coloro che utilizzano la sola tastiera;
  • le pagine devono essere snelle nei contenuti per essere facilmente caricate anche da coloro che hanno un computer dalle prestazioni limitate;
  • i contenuti del sito devono essere chiari, semplici, facilmente reperibili e comprensibili per consentire la fruizione anche a coloro che hanno problemi di tipo cognitivo.

Questo progetto evidenzia una profonda sintonia tra gli indirizzi comunitari, volti alla dematerializzazione dei flussi documentali tra amministrazioni all’interno dell’Unione Europea, gli indirizzi del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza Inps e le direttive del presidente dell’Inps, volti a dare il massimo impulso alla telematizzazione e dematerializzazione dei servizi nei flussi interni delle informazioni e verso l’utenza.

  1. Percorso di navigazione

    Le voci indicano la posizione della pagina nell'alberatura del portale, permettendo la navigazione veloce a ritroso.

  2. Il menu di sezione

    In quest'area sono presenti le principali voci della sezione. Il simbolo "+" indica la presenza di sottosezioni. Con un clic su una voce puoi accedere al contenuto.

  3. I pulsanti di servizio SALVA e STAMPA

    Con i due pulsanti puoi scegliere di salvare il contenuto in formato PDF o stamparlo direttamente.

  4. Filtrare i risultati

    In quest'area è possibile scegliere la modalità di visualizzazione delle notizie (griglia o lista) e filtrare i risultati tramite una ricerca libera inserendo parole chiave o periodo di pubblicazione negli appositi campi.