Il lavoro a progetto

ATTENZIONE: la seguente pagina è archiviata e le notizie e informazioni presenti hanno solo un valore storico e potrebbero non essere più in linea con la normativa vigente alla data di oggi.

 

(D.Lgs 276/03, art. da 61 a 69 - circ. 9/04 – circ. 1 M.L.P.S. del 08/01/04)


Il D.Lgs 276/03, anche noto come riforma Biagi, ha dettato una nuova disciplina civilistica delle collaborazioni coordinate e continuative, individuando, ai fini della qualificazione giuridica del rapporto di lavoro, un nuovo elemento caratterizzante: dispone infatti (art. 61, c. 1)che dal 24 ottobre 2003 (data di entrata in vigore del decreto) i rapporti di co-co-co non possono più essere instaurati liberamente e senza alcun vincolo, bensì devono essere riconducibili ad uno o più progetti specifici o programmi di lavoro o fasi di essi,determinati dal committente e gestiti autonomamente dal collaboratore:

  • in funzione del risultato;
  • nel rispetto del coordinamento con l'organizzazione del committente;
  • indipendentemente dal tempo impiegato per l'esecuzione dell'attività lavorativa.

 

               

COSA CAMBIA

La novità della riforma sta quindi nell'aver dettato, in aggiunta alla previgente disciplina, una mera ma fondamentale modalità organizzativa (il progetto, programma o fase di esso), senza la qualeil rapporto di co-co-co non è più giuridicamente configurabile, con i conseguenti risvolti anche sul piano fiscale e previdenziale.            

 

COSA NON CAMBIA

È importante però precisare che la riforma Biagi non ha sostituito, né modificato la previgente disciplina delle co-co-co in nessuno dei suoi aspetti fondamentali; infatti:
  • non ha sostituito, né modificato l'art. 409 c.p.c. (v. Fonti normative);
  • non ha innovato la previgente disciplina nella definizione dei requisiti qualificanti delle co-co-co  (autonomia del collaboratore, potere di coordinamento del committente, irrilevanza del tempo impiegato per l'esecuzione della prestazione, ecc. – v. Co-co-co/Requisiti);
  • non ha apportato alcuna modifica alle norme di definizione della base imponibile, alle modalità ed ai termini di versamento dei contributi, alle modalità di accredito della contribuzione versata, ecc.;
  • non ha apportato modifiche al diritto e alle modalità di erogazione delle prestazioni previdenziali pensionistiche (v. circ. 18/05) e non pensionistiche (v. circ. 41/06).

 

COSA RIBADISCE

Sotto questo aspetto la riforma ha anzi ribadito con maggior vigore concetti già noti, enfatizzando ad es. la rilevanza giuridica del risultato (e non del tempo), che è un elemento fondamentale di distinzione tra il contratto di lavoro autonomo e quello di lavoro dipendente. Ragion per cui il contratto di co-co-co deve necessariamente risolversi con la realizzazione del progetto, programma o fase di esso (art. 67), anche se questo dovesse avvenire prima dell'eventuale termine di scadenza apposto nel contratto; in tal caso peraltro il corrispettivo, proprio perché legato al risultato e non alla prestazione oraria, va comunque pagato per intero.


  1. Percorso di navigazione

    Le voci indicano la posizione della pagina nell'alberatura del portale, permettendo la navigazione veloce a ritroso.

  2. Il menu di sezione

    In quest'area sono presenti le principali voci della sezione. Il simbolo "+" indica la presenza di sottosezioni. Con un clic su una voce puoi accedere al contenuto.

  3. I pulsanti di servizio SALVA e STAMPA

    Con i due pulsanti puoi scegliere di salvare il contenuto in formato PDF o stamparlo direttamente.

  4. Filtrare i risultati

    In quest'area è possibile scegliere la modalità di visualizzazione delle notizie (griglia o lista) e filtrare i risultati tramite una ricerca libera inserendo parole chiave o periodo di pubblicazione negli appositi campi.