Assegno straordinario Monopoli di Stato

ATTENZIONE: la seguente pagina è archiviata e le notizie e informazioni presenti hanno solo un valore storico e potrebbero non essere più in linea con la normativa vigente alla data di oggi.

 



ASSEGNO STRAORDINARIO A SOSTEGNO DEL REDDITO MONOPOLIO DI STATO ( VOESO)


Con l' accordo del 28 febbraio 2001, sottoscritto dall' E.T.I. - Ente Tabacchi Italiani Spa con le Organizzazioni sindacali dei lavoratori, si è convenuto di istituire presso l'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS) il "Fondo per il sostegno del reddito del personale già dipendente dall'Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato, inserito nel ruolo provvisorio ad esaurimento del Ministero delle Finanze, distaccato e poi trasferito all'E.T.I. o ad altra società da essa derivante", al fine di gestire le situazioni di eccedenze di personale ("esuberi") nell' ambito e in connessione col processo di riorganizzazione dell' Ente Tabacchi Italiani Spa.


Con il l Decreto Interministeriale n.375 del 24.11.2003 è stato approvato il regolamento relativo all' istituzione del Fondo (circ. n.156 del 09.12.2004).


PRESTAZIONI A CARICO DEL FONDO


Il Fondo provvede:

  • all'erogazione, in forma rateale, di assegni straordinari per il sostegno al reddito, riconosciuti ai lavoratori ammessi a fruirne nell' ambito dei processi di agevolazione all'esodo sino alla fine del mese antecedente a quello previsto per la decorrenza della pensione per 12 mensilità;
  • all' erogazione, in favore dei medesimi lavoratori, di un bonus di ingresso da corrispondersi al momento dell' accesso al Fondo;
  • all' erogazione di un bonus di uscita da corrispondersi alla maturazione del trattamento pensionistico.

In alternativa, su richiesta del lavoratore che intenda intraprendere un' attività autonoma o cooperativistica,il fondo provvede all' erogazione di un assegno straordinario corrisposto in unica soluzione insieme ad un bonus di ingresso al Fondo.


ACCERTAMENTO AL DIRITTO


La posizione assicurativa dei lavoratori in esame è costituita presso l' INPDAP. L' accertamento dei requisiti per l' accesso all' assegno straordinario viene effettuato dall' E.T.I. Spa e sarà successivamente verificato da INPDAP l' esistenza dei requisiti di legge. L' E.T.I. Spa provvederà inoltre a determinare l' importo dell' assegno straordinario.


REQUISITI RICHIESTI PER ACCEDERE ALL'ASSEGNO STRAORDINARIO


Sono ammessi all' erogazione dell' assegno straordinario i soggetti che abbiano almeno trenta anni di anzianità contributiva o almeno cinquantotto anni di età e quindici anni di anzianità contributiva.


Gli assegni straordinari per il sostegno del reddito sono erogati dal Fondo a favore dei lavoratori che maturino i requisiti del diritto a pensione di anzianità o vecchiaia a carico dell' assicurazione generale obbligatoria entro un periodo massimo di 84 mesi (7 anni) dalla data di cessazione del rapporto di lavoro.


Le richieste di erogazione degli assegni possono essere presentate fino al 31 luglio 2007.


Ai fini del perfezionamento dei requisiti contributivi per il diritto all' assegno straordinario si dovrà tenere conto della complessiva anzianità contributiva rilevabile da apposita certificazione prodotta dai lavoratori.


DOMANDA DI ASSEGNO STRAORDINARIO


La domanda di assegno straordinario deve essere presentata dall'azienda esodante all'INPDAP e dovrà riportare le seguenti informazioni relative al lavoratore:

  • dati anagrafici, codice fiscale e indirizzo;
  • data di risoluzione del rapporto di lavoro;
  • decorrenza dell' assegno straordinario;
  • anzianità contributiva maturata alla data di risoluzione del rapporto di lavoro;
  • incremento dell' anzianità contributiva riconosciuta al lavoratore ai fini del conseguimento del diritto alla pensione di anzianità o alla pensione di vecchiaia per le quali l' azienda è tenuta a versare la contribuzione correlata;
  • importo dell' ultima retribuzione mensile, ragguagliata ad anno;
  • importo dell' assegno e del bonus di ingresso e di uscita;
  • aliquota IRPEF applicata al TFR, da utilizzare per la tassazione dell' assegno;
  • data di maturazione dei requisiti per la pensione di anzianità o di vecchiaia e data dalla quale la stessa potrà essere liquidata;
  • denominazione dell' Istituto di credito o ufficio postale presso il quale deve essere localizzato il pagamento e modalità di pagamento;
  • denominazione dell' Organizzazione sindacale alla quale eventualmente deve essere versato il relativo contributo;
  • importo dell' imponibile previdenziale;
  • l' aliquota percentuale di calcolo della contribuzione correlata;
  • l' importo della contribuzione figurativa correlata.

PARTICOLARITÀ


L' assegno straordinario viene erogato per 12 mensilità.


Sugli assegni straordinari spettano i trattamenti di famiglia se dovuti ed il loro pagamento è a carico del Fondo di solidarietà.


La contribuzione correlata è effettuata per tutto il periodo di erogazione dell' assegno.


L' assegno non viene erogato a copertura della "finestra" per l' accesso alla pensione. Il periodo che intercorre fra la cessazione dell' assegno straordinario e la decorrenza della pensione viene indennizzato direttamente dall' azienda.


Il regolamento del Fondo stabilisce che vengano applicati agli assegni straordinari gli aumenti stipendiali stabiliti dalle contrattazioni collettive per i lavoratori attivi del settore. Ciò comporta la modifica dell' importo dell' assegno e della contribuzione correlata.


REGIME FISCALE


Gli assegni straordinari di sostegno al reddito erogati in forma rateale sono soggetti alla tassazione corrente.


I bonus di entrata e di uscita sono soggetti allo stesso regime fiscale utilizzato per la tassazione dell' indennità di fine rapporto di lavoro.


SCADENZA


Nella comunicazione di liquidazione della prestazione sarà data notizia all' interessato della data di scadenza dell' assegno. Il pensionando, per la liquidazione del trattamento pensionistico di anzianità o di vecchiaia, dovrà presentare domanda di pensione all' INPDAP.


RIOCCUPAZIONE


L' articolo 10 del Regolamento n. 88/2002 disciplina la cumulabilità degli assegni straordinari con il reddito da lavoro. In particolare, il comma 1 prevede che l' assegno straordinario è cumulabile, entro il limite massimo dell' ultima retribuzione mensile percepita dall' interessato, ragguagliata ad anno, con i redditi da lavoro dipendente o autonomo.


Qualora il cumulo tra i redditi e l' assegno straordinario dovesse superare il predetto limite, si procede ad una corrispondente riduzione dell' assegno, con corrispondente riduzione dei versamenti della contribuzione correlata.


Il comma 5 fa obbligo al lavoratore che percepisce l' assegno straordinario di dare tempestiva comunicazione all' E.T.I. Spa e al Fondo dell' instaurazione di successivi rapporti di lavoro dipendenti o autonomi, con specifica indicazione del nuovo datore di lavoro o dell' attività, ai fini della revoca totale o parziale dell' assegno stesso e della contribuzione correlata.
In caso di inadempimento il lavoratore decade dal diritto alla prestazione con ripetizione delle somme indebitamene percepite, oltre agli interessi e la rivalutazione del capitale, nonché la cancellazione della contribuzione correlata.




Contributi accreditati, senza onere a carico del lavoratore, per periodi in cui l’interessato è costretto a interrompere l’attività lavorativa per diversi motivi (gravidanza, malattia, disoccupazione). Sono utili sia per raggiungere il diritto a pensione sia per aumentare l'importo della stessa.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.

Assegno liquidato a dipendenti del Monopolio di Stato.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.

Imposta sul reddito delle persone fisiche.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.

Trattamento di fine rapporto: somma che il datore di lavoro deve corrispondere al proprio dipendente alla cessazione del rapporto, corrispondente alla sommatoria delle quote di retribuzione accantonate e rivalutate annualmente.

Registrati al MyINPS
per aggiungere questo contenuto all'elenco dei tuoi interessi.
  1. Percorso di navigazione

    Le voci indicano la posizione della pagina nell'alberatura del portale, permettendo la navigazione veloce a ritroso.

  2. Il menu di sezione

    In quest'area sono presenti le principali voci della sezione. Il simbolo "+" indica la presenza di sottosezioni. Con un clic su una voce puoi accedere al contenuto.

  3. I pulsanti di servizio SALVA e STAMPA

    Con i due pulsanti puoi scegliere di salvare il contenuto in formato PDF o stamparlo direttamente.

  4. Filtrare i risultati

    In quest'area è possibile scegliere la modalità di visualizzazione delle notizie (griglia o lista) e filtrare i risultati tramite una ricerca libera inserendo parole chiave o periodo di pubblicazione negli appositi campi.